Crea sito

Ceci peso crudi e cotti

Dovendo seguire uno schema alimentare preparato su misura dal medico diabetologo del mio compagno, una delle prime nuove abitudini acquisite in cucina e a tavola è stata quella di pesare gli alimenti e di farlo a crudo.

Trovandomi spesso a ricevere legumi già cotti da mamma e suocera, mi è successo di avere difficoltà ad individuarne le giuste quantità da consumare.

Così ho pensato di annotare e di condividere, per i vari legumi, le variazioni di peso da crudi a cotti.

Proseguiamo con i ceci peso crudi e cotti:

ceci secchi per 1 persona: 45 g;

ceci secchi per 2 persone: 90 g;

e così via…

Personalmente cucino sempre per due persone e preparo più porzioni, in modo da averne una piccola e pratica scorta in freezer.

Andiamo dunque nel dettaglio ai nostri ceci peso crudi e cotti:

  • volendone cucinare tre porzioni doppie ho messo in ammollo 270 g di ceci secchi:

45 g + 45 g = 90 g → 1 porzione per 2 persone

90 g x 3 = 270 g → 3 porzioni per 2 persone

ceci 900 g circa

brodo 500 g circa

  • ho ripartito prima i soli ceci ottenendo tre porzioni doppie da 300 g ciascuna e successivamente ho aggiunto il brodo fino al colmo del contenitore raggiungendo il peso di 400 g [naturalmente, il brodo in eccesso può essere impiegato altrove]:

dopo la cottura → 3 porzioni per 2 persone da 300 g solo ceci

dopo la cottura → 3 porzioni per 2 persone da 400 g ceci + brodo

  • ho utilizzato tre contenitori da 0,5 l consumandone uno in giornata e conservandone due in freezer.Ceci peso crudi e cotti

I legumi rappresentano una valida alternativa alle fonti proteiche di origine animale, cerca di portarli in tavola almeno 2-3 volte a settimana.

Essendo proteine a basso valore biologico [non contengono tutti gli amminoacidi essenziali] il consumo in abbinamento con i cereali [pane, pasta o riso] che noi scegliamo rigorosamente integrali consente di realizzare una complementazione proteica per cui i cereali vanno a compensare gli amminoacidi mancanti nei legumi e i legumi vanno a compensare gli amminoacidi mancanti nei cereali ottenendo un pool amminoacidico completo e permettendo di assorbire al meglio le proteine dei legumi.

L’alternativa è consumarli in abbinamento ad altre proteine, si formeranno legami amminoacidi differenti per cui in un certo senso i legumi si comporteranno da carboidrati e non sarà necessario e opportuno assumere pane, pasta o riso.

Tra i pregi dei legumi ricordiamo l’elevato contenuto in fibre.


Dal dietometro Accu-Check: ceci secchi

  • peso a crudo in g della porzione 60 g;
  • peso a cotto in g della porzione 175 g;

contenuto:

  • Kcal 189,6;
  • carboidrati 28,1 g;
  • proteine 12,5 g;
  • lipidi 3,7 g.

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

Pubblicato da azuccherozero

Mi chiamo Francesca e la mia mission è: prevenire o tardare l’insorgenza del diabete attraverso un’alimentazione corretta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.