Polpette di tonno fresco al profumo di alloro

ed8fcdf9-11e4-443d-9edc-fd06ba70d70cSull’isola di San Pietro,la mia isola,si trova una delle poche tonnare ancora in funzione. Qui tra aprile e giugno il re del mare passa “di corsa”.Arriva dall’Atlantico per deporre le uova nel mediterraneo.Percorre sempre la stessa rotta e inesorabilmente trova sul suo cammino le tonnare. Reti ,in cui una volta entrato,non sara’ piu’in grado di uscire.Rimarra’ li’ ,in trappola ,fino a quando il rais,ovvero il capo pesca ,dopo aver  verificato le condizioni meteo e la quantità dei tonni presenti nella camera della morte ,deciderà di fare mattanza.Il rito è preceduto da una preghiera propiziatoria e si conclude con la cattura di questo fantastico pesce di cui non si butta via niente.

La sua carne morbida,dal sapore squisito è l’emblema della cucina carlofortina .Negli ultimi anni accanto alle ricette tradizionali ,hanno trovato  posto nuovi piatti e si è diffusa la tendenza di gustare il tonno fresco crudo in tartare o alla piastra,appena scottato ,profumato con erbe aromatiche e granella di pistacchi.

Io però sono amante delle cotture lente,sfumate con il vino e così vi propongo le mie polpette,un mix tra tradizione e innovazione.

Ingredienti :

  • 1 kg di tonno fresco
  • 3 uova
  • 50 g di pecorino sardo semistagionato grattugiato
  • 50 g di pinoli
  • 5 cucchiai di pangrattato (più quello necessario per la panatura)
  • 3 spicchi d’aglio
  • 1 bicchiere di vino bianco
  • un barattolo di pelati
  • sale e pepe qb
  • 2 foglie di alloro essiccate
  • olio di semi
  • olio extravergine d’oliva
  • 1 cucchiaio di aceto

Preparazione : mettete il tonno in una ciotola con uno o due cucchiai di aceto per un’ora .Trascorso questo tempo sgocciolatelo ,asciugatelo e tritatelo finemente .cb2ad620-c3ae-43b6-95b2-bc5e9100c074

In una terrina sbattete le uova ,unite il tonno ,il pecorino,i pinoli,uno spicchio d’aglio tritato finemente il pangrattato sale e pepe. Amalgamate bene tutti gli ingredienti e formarte delle polpette.

Passatele nel pangrattato.

In un’ampia padella antiaderente versate un po’ d’olio di semi e rosolate bene le polpette,prelevatele quando saranno dorate e trasferitele in un tegame dove avrete versato 3 o 4 cucchiai di olio extravergine d’oliva.

Mettete il tegame sul fuoco e quando inizia a sfrigolare,aggiungete due spicchi d’aglio schiacciati e le foglie d’alloro ,sfumate con il vino e lasciate evaporare.

Unite i pelati ,un po’ d’acqua bollente e aggiustate di sale.

Cuocere per 10 /15 minuti fino a quando si sarà formato un bel sughetto denso.

Servite con contorno di piselli o patatine al forno.

Buon lavoro

Vannisa 

 

 

Precedente Risotto con pesto di zucchine e cozze

Lascia un commento


*