Melanzane a coppetta gratinate

Le melanzane a coppetta gratinate oltre ad essere gustose, sono originali e simpatiche per la forma che assumono già farcite in cottura. Molto facili da realizzare; servono alcune melanzane ovali che taglieremo a tocchi per formare le coppette, prezzemolo, pangrattato, capperi e poco altro. Semplicemente buone le melanzane a coppetta gratinate accompagnano ogni tipo di pietanza di carne, ma completano ad esempio taglieri di salumi misti e formaggi sia morbidi che stagionati e, sia ben chiaro ogni idea per gustarle è sempre bene accetta. Possiamo trasferirci in cucina e vedere come preparare le melanzane a coppetta gratinate…avrei voluto inserire qualche foto del procedimento ma la digitale mi ha tradita..uff vabbè cercherò di essere più chiara possibile nel descrivere il procedimento.

Melanzane a coppetta gratinate  Blog Profumi Sapori & Fantasia

Ingredienti per : melanzane a coppetta gratinate per 4-6 prs

  • 4 melanzane ovali della stessa misura possibilmente
  • aglio e prezzemolo tritato
  • 1 uovo medio intero
  • 1 cucchiaio di capperini
  • 50 g di grana grattugiato
  • pane raffermo grattugiato grossolanamente
  • 1 cucchiaio di semi di sesamo
  • 1 cucchiaio di olio + quanto basta per la cottura in forno
  • 1 cucchiaio di polpa di pomodoro al basilico
  • 150 ml di brodo vegetale
  • sale e pepe

Procedimento

Spuntate e lavate le melanzane,  tagliate ogni melanzana in tre pezzi in orrizontale, più o meno della stessa misura. Incidete il contorno tutt’attorno alla buccia e con un cucchiaino o uno scavino prelevate poca alla volta la polpa facendo attenzione di lasciare la base intatta, in questo modo si otterranno le coppette, contenitori per il ripieno. Procedete fino ad averne 12 , salatele leggermente con del sale fine e capovolgetele su carta da cucina per 20′ circa.

Tagliate a pezzettini la polpa prelevata dalle melanzane e mettetela a cuocere in una padella con poco olio aglio e prezzemolo e qualche cucchiaiata di acqua calda, a cottura ultimata lasciatela raffreddare.

Grattugiate grossolanamente il pane raffermo e mischiatelo al grana, dividete a metà la miscela ottenuta, una parte ponetela in una ciotola mescolata ai semi di sesamo, la parte restante versatela in una ciotola con l’uovo, la polpa di pomodoro, i capperini sciacquati e la polpa delle melanzane. Amalgamate tutti gli ingredienti fino ad ottenere un composto di giusta consistenza, assaggiate e se serve sale aggiungetene, così come il pepe.

Accendete il forno a 190° statico

Foderate con carta forno una teglia e ungetela, in ogni coppetta di melanzana inserite il ripieno senza pigiarlo troppo e spizzicateci sopra poco parmigiano con pangrattato per finire la preparazione e così via tutte le melanzane ponendole di mano in mano in teglia.

Versate nel fondo il brodo caldo, irrorate con un filo d’olio le coppette di melanzane e occludete la teglia con carta stagnola, infornate per 30′ circa.

Controllate la cottura eliminate la stagnola e lasciate finire di cuocere le melanzane fino a che saranno tenere e ben cotte.

Servitele calde, tiepide o fredde, con l’occasione ho cotto anche delle cipolle e pomodori al forno, sono troppo buoni.

Melanzane a coppetta gratinate

Iscriviti alla mia Newsletter, riceverai gratuitamente le mie ricette nella tua posta. Seguimi anche su Facebook, clicca mi piace alla pagina e resteremo in contatto!

Iscriviti alla mia NewsletterSeguimi anche su Facebook

Print Friendly
Share:
Condividi
Altre ricette che ti possono interessare..
Vota questa ricetta:
Melanzane a coppetta gratinate
  • 4.00 / 55

4 thoughts on “Melanzane a coppetta gratinate

  1. Ottima ricetta. Mangiate proprio ora.
    I semi di sesamo sono perfetti, li ho aggiunti anche al ripieno.
    Siccome non sono bravissima a svuotare le verdure senza romperle, ho riparato ai buchini che ho fatto nel fondo, adagiando le melanzane su fette di pan carrè, che hanno assorbito il brodo mantenendo però la giusta umidità.
    Grazie

  2. Questa preparazione e’ interessante e stimolante:- perché, se preparo piatti non miei, raramente eseguo la ricetta tal quale poiché sono convinto, magari sbagliando, che le ricette vadano “capite e interpretate”, cioè eseguite “cum grano salis” e non pedissequamente anche perché, secondo me è ben difficile ricreare una creazione altrui allo stesso modo di chi l’ha concepita. Scusami cara amica, magari troverai le mie idee un poco strane ma da sempre faccio in questo modo. Ti sono, naturalmente, molto grato per la ricetta e ti auguro buona serata

    • Esattamente Teo è proprio così. Alcuni passaggi di fotografie è d’aiuto soprattutto per chi è alle prime armi in cucina e sono di sicuro aiuto. Ma ben vengano le varianti e le modifiche, sono stimolanti per sapori e ricette sempre diverse. Buona serata teo e grazie!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>