Danubio rustico morbidissimo

14522467_10211232691161996_1961636339_o.jpg1

Oggi sul blog una ricetta che volevo proporvi da tempo ed una delle richieste più gettonate…

IL DANUBIO!

Il “danubio“ è una brioche molto morbida e soffice, tipica della mia regione, la Campania, e precisamente a Napoli e provincia, che spopola durante le feste, e non solo.

Questa sorta di torta in pasta brioche salata si presenta come un insieme di palline, che sono tutte attaccate tra loro, ma la cosa bella è che sono anche facilmente separabili, in modo che ogni commensale possa staccare una pallina e gustarla.

14513779_10211232690481979_1651002406_o

Il danubio è composto, quindi, da una morbidissima pasta brioche, un rustico ripieno e solitamente farcito con prosciutto cotto e provola (o altro formaggio) ed è perfetto in occasione di buffet, aperitivi o cene sfiziose. Si tratta di farcire dei piccoli dischetti di pasta, che andranno poi sistemati l’uno accanto all’altro in una teglia e fatti lievitare fino al raddoppio. Le varie palline si uniranno dando al rustico l’aspetto di un unica brioche, dall’effetto estetico molto apprezzato.

14518417_10211232689161946_2064272480_n

Danubio morbidissimo

La caratteristica del danubio è l’estrema morbidezza, è soffice soffice, una sofficità che ha solo il danubio e che si sente ad ogni morso! Solitamente viene farcito con prosciutto e formaggi, ma si possono scegliere altri salumi oppure optare per una versione vegetariana.

Le ricette che si trovano in rete sono tante, io preferisco utilizzare una pasta brioche all’olio extravergine d’oliva, piuttosto che utilizzare il burro. Mi ci trovo molto bene e solitamente ricette similari di brioche salate all’olio si trovano nel mio blog (basti vedere la treccia russa, le trecce salate, il fiore rustico…).

Questa volta ho voluto però rimarcare, diciamo, la sofficità ricorrendo ad un ulteriore ingrediente, la patata! E, infatti, in rete non mancano ricette di danubio in cui è previsto questo ingrediente, la patata lessa schiacciata e ridotta in purea. In verità, ho utilizzato i fiocchi di patate, che sono molto pratici e si conservano tranquillamente per mesi in dispensa e sono sempre pronti all’occorrenza. Il risultato è sempre straordinario in termini di sofficità!

Io ho impiegato la mia pasta madre, ottenendo un danubio morbidissimo a lievitazione naturale, ma darò le dosi anche per chi utilizza il  Lievito in Coltura Liquida (Li.co.li.) e il lievito di birra.

14522253_10211232687241898_1303021197_oIldanubio è perfetto per le vostre cene e feste o come piatto scenografico da portare a tavola e sarà irresistibile per ogni invitato. E’ uno dei rustici più apprezzati, per il suo aspetto e per il suo sapore… Amato da grandi e piccini per la sua sofficità, con il danubio salato si fa sempre bella figura!

Non ci resta che prepararlo con questa ricetta, scegliendo gli ingredienti che preferite utilizzare per la farcitura.

Mani in pasta! Qui il video che prova la sua sofficità  https://www.youtube.com/watch?v=1qd_yledidw

Ingredienti per uno stampo da 26 cm

  • 450 g di farina forte*
  • 130 g di pasta madre rinfrescata
  • 25 g di zucchero
  • 50 g di fiocchi di patate
  • 1 uovo intero (60 g)
  • 1 tuorlo (16-18 g)
  • 170 g di latte
  • (+ altri 20 g di acqua circa, se occorrono)
  • 10 g di sale
  • 60 g di olio evo

*io ho utilizzato 200 g di farina W 300-330 (io ho messo Caputo rossa), 100 g farina tipo 0 W 240-260 e 150 g di farina tipo 1 Molino Rossetto, perchè mi piace sentire i sapori più rustici. Oppure utilizzate solo una farina di forza, ad es. sul libro di un Maestro ho letto che usa farina W 350.

Per la farcitura

  • 200 g di formaggio a pasta dura 
  • 150 g di salumi (prosciutto cotto, salame, etc).

Per la rifinitura

  • un tuorlo
  • un goccio di latte
  • semi di sesamo, di papavero etc

Note sul lievito

Chi ha il lievito in coltura liquida, usarne 100 grammi e diminuire di 40-50 i liquidi dell’impasto.

Chi, invece, volesse utilizzare lievito di birra fresco, riporto la seguente conversione:

  • 500 g farina (ad es. metà farina 0 con farina forte W 330)
  • 6-8 g di lievito di birra fresco
  • 25 g di zucchero 
  • 50 g di fiocchi di patate
  • 1 uovo intero (60 g)
  • 1 tuorlo (16-18 g)
  • 180-200 g circa di di latte
  • 10 g di sale
  • 60 g di olio evo

Rinfrescare il lievito.

Nella ciotola della planetaria mettere il lievito rinfrescato da poche ore, aggiungere il latte a temperatura ambiente, lo zucchero e far sciogliere il lievito con la frusta a foglia finchè faccia una piccola schiumetta. Aggiungere i fiocchi di patata, poi l’uovo intero e il tuorlo e mescolare. Poi unite pian piano metà della farina, aggiungendola gradualmente. Aggiungere il sale, poi il resto della farina, sempre gradualmente. Se occorre aggiungete 10-20 g di acqua in più, non tutti i fiocchi di patate sono uguale e così la capacità di assorbimento delle farine. Passate al gancio quando vedete che l’impasto si fa più consistente ed impastate finché il liquido sia assorbito del tutto dalla farina. Tenete da parte 3 cucchiai di farina.

Quando avrete ottenuto un composto omogeneo e abbastanza sodo, aggiungete l’olio a piccole dosi e a filo, non aggiungendo il successivo se il precedente non si è amalgamato all’impasto.  Alternate con la farina residua. Finite di impastare a mano finchè otterrete un composto liscio ed omogeneo.

Se non avete la planetaria, potete impastare a mano: l’ordine di inserimento degli ingredienti non cambia.

*****************

 Procedimento con il lievito di birra

 Sciogliere il lievito di birra nel latte a T.A. o appena appena tiepido. Disporre la farina con i fiocchi di patate in una ciotola con lo zucchero, aggiungere il latte con all’interno disciolto il lievito, poi l’uovo, il tuorlo ed impastare (a mano o con la frusta a foglia). Unire il sale e continuare ad impastare. Per ultimo va aggiunto l’olio (come tutti i grassi, come burro, etc.), a filo e piano piano, facendolo incorporare bene. Impastare fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo. Se avete la planetaria passate al gancio.

 *****************

Far riposare l’impasto in ciotola per 30 minuti, coperta da una ciotola a campana.

IMG_4097Poi rovesciarlo su una spianatoia (io uso il tappeto siliconico) e fare un giro di pieghe a tre, pirlare per formare una bella palla che metterete in una ciotola leggermente unta e dopo un riposo a temperatura ambiente (a casa mia erano 26°), l’ho trasferito in frigo.

Avete in realtà due soluzioni:

  1. far lievitare direttamente l’impasto e tenerlo, quindi, al calduccio e aspettare che raddoppi (potrebbero volerci 4-5 ore, a seconda della temperatura)
  2. oppure dopo un’ora a temperatura ambiente sui 25-26°, metterlo in frigo per una più comoda gestione delle tempistiche ed infornare il giorno dopo.

Il giorno dopo, ho tirato l’impasto dal frigo, fatto acclimatare e poi messo in cella di lievitazione ed atteso che avesse raddoppiato.

*******************

Se avete utilizzato il lievito di birra.

 Far lievitare in un luogo caldo e riparato, fino al raddoppio, coperto da pellicola, per circa 2 ore.

 *******************

Intanto, prepariamo il condimento, tagliando a dadini il formaggio ed i salumi.

FORMATURA DANUBIO

Io ho optato per un metodo facile e sbrigativo. Ho steso l’impasto sul piano col mattarello fino ad uno spessore di 2 cm, poi con un coppapasta ho ricavato tanti dischetti e i ritagli li ho reimpastati e fatti riposare prima di stenderli. Oppure potreste staccare tanti pezzi di eguale peso (ad es. da 30 g per bocconcini piccoli o da 40 g per panini un po’ più grandi) con un tagliapasta. Prendere ogni pezzo, schiacciarlo con le mani e farcirlo. Richiudere sigillando e poi con i palmi delle mani pirlare ogni panino ripieno fino a renderlo perfettamente tondo. Adagiate le palline su uno stampo su cui metterete carta forno bagnata e strizzata. Partite da una pallina centrale e disponetevi  5 palline intorno, e poi così via.

pizap.com14751374341001

Coprire con pellicola e far lievitare fino al raddoppio. I tempi di lievitazione con la pasta madre dipendono dalla forza del vostro lievito e dalla temperatura esterna. Consigliabile far lievitare in un luogo caldo e riparato per circa 3-4 ore (7-8 ore se avevate messo l’impasto in frigo). Non guardate l’orologio ma lo sviluppo dell’impasto. E’ consigliabile far lievitare a 26°-27° almeno, aiutandovi con lucina del forno o pentolino d’acqua calda.

****************

Con lievito di birra.

Procedere alla formatura della treccia come descritto sopra e far lievitare fino al raddoppio (2 orette o comunque regolatevi a vista). Infornare come descritto di seguito.

********************

IMG_4104
danubio appena formato

Cottura

Al raddoppio, spennellate delicatamente la superficie con un tuorlo sbattuto con un goccio di latte, spargetevi i semini a piacere ed infornare. Cuocere in forno statico e preriscaldato a 180° per circa 30 minuti circa.

Se dovesse scurirsi troppo in superficie, coprire con un foglio di carta argentata dopo circa 20 minuti.

14522550_10211232689441953_2015050118_o

Iol’ho cotto nel fornetto Estense (forno che cuoce sul gas) per 35 minuti circa, sul fuoco da 7 cm a media intensità, tenendo i fori aperti gli ultimi 15 minuti. Ovviamente fornetto preriscaldato per qualche minuto di modo che possa arrivare a temperatura. Roteare ogni tanto la teglia per favorire una coloritura uniforme.

Sfornare e far raffreddare un po’, dopodichè servire!

Danubio morbidissimo

14542642_10211232688201922_1352558007_n

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sara apprezzatissimo per la mollica soffice soffice!

14489628_10211232690361976_288362346_o

 

Provatelo e fatemi sapere.

Vi lascio ad un ultimo collage 🙂

Danubio rustico morbidissimo

pizap.com14751430837511

Se vi è piaciuta questa ricetta, vi invito a cliccare “Mi piace” a questa pagina https://www.facebook.com/pages/Dolcesalatoconlucia/441574555973258  per non perdevi tutte le novità!

**********

banner crema 400x400

Con questa ricetta partecipo alla raccolta mensile n°43 di  #panissimo del mese di Settembre, organizzata da Sandra del blog Sono io, Sandra e Barbara, del blog Bread & Companatico. Per questo mese la raccolta è ospitata nel blog di Terry, I pasticci di Terry

13 Commenti on Danubio rustico morbidissimo

  1. Ciao Lucia complimenti sicuramente lo proverò. …volevo chiederti se anziché usare i fiocchi di patate volessi usare le patate lesse, quanti grammi ne dovrei mettere? Grazie mille

    • Ciao Pamela, come ho già risposto all’altro messaggio, puoi mettere 100 g di patata patata lessa (o cotta a vapore) e schiacciata o ridotta in purea.
      Il quantitativo è 100 g, ma a questo punto hai 2 alternative:
      O riduci di 20-30 g i liquidi oppure aumenti un po’ la farina a causa dell’aggiunta della purea di patata
      Infatti, i fiocchi di patate sono disidratati e non hanno acqua
      Lucia

  2. Ciao Lucia splendida ricetta come tutte le altre,ti chiedevo al posto dei fiocchi si può usare la patata lessata,se si quanta?Grazie ciao

    • Ciao, puoi usare una patata lessa (o cotta a vapore) e schiacciata o ridotta in purea.
      Il quantitativo è 100 g, ma a questo punto hai 2 alternative:
      O riduci di 20-30 g i liquidi oppure aumenti un po’ la farina a causa dell’aggiunta della purea di patata
      Infatti, i fiocchi di patate sono disidratati e non hanno acqua 😉
      Spero di essere stata chiara 🙂
      Lucia

  3. Adoro il danubio e questo sembra proprio sofficissimo. Le tue ricette poi sono una garanzia. Scusa l’ignoranza : il fornetto estense e il versilia sono due prodotti diversi? Io tempo fa ho acquistato il versilia; pensi che potrei usarlo per cuocere questo lievitato? Grazie, sei fantastica

  4. Ciao lucia!
    Volevo chiederti fino a quante ore è possibile tenere l’impasto in frigo…48 ore sono tante???o possono andare bene??
    Grazie mille di tutto.
    Michela

    • Ciao Michela, è consigliato far riposare 48 ore in frigo questo impasto.
      Se si fosse trattato della pizza ti avrei detto sì senza problemi
      Considera che c’è anche la patata lessa, e di solito le patate lesse vanno consumate a breve giro.
      Lucia

    • Ciao Claudia, la cottura è indicata in ricetta purtroppo molti hanno problemi a visualizzare la II parte del post.
      Ti faccio copia-incolla. Dunque, Cottura

      Al raddoppio, spennellate delicatamente la superficie con un tuorlo sbattuto con un goccio di latte, spargetevi i semini a piacere ed infornare. Cuocere in forno statico e preriscaldato a 180° per circa 30 minuti circa.

      Se dovesse scurirsi troppo in superficie, coprire con un foglio di carta argentata dopo circa 20 minuti.

      Fammi sapere!

    • Luisa si, se con lievito naturale si, io infornerei all’ultimo dekl 24… poi eventualmente il giorno dopo lo passerai qualche minuto in forno tiepido…
      In questo modo sarà come appena sfornato !
      Lucia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.