Trippa con fagioli cannellini

La trippa con fagioli cannellini è un secondo piatto particolarmente buono che ha origini antiche, quando di ogni animale si usavano tutte le sue parti senza sprechi. La trippa si può acquistare cruda, al banco delle macellerie, oppure già lessata, in vaschetta e pronta per essere cucinata nel modo preferito. In questo secondo caso la sua preparazione è molto piu veloce.

Per le immagini della trippa cruda potete consultare l’altra mia ricetta come cucinare la trippa. Per lessare la trippa cruda occorrono tre ore abbondanti e l’odore non è dei più gradevoli ma posso assicurare che il risultato finale è supelativo. Se si acquista la trippa precotta prima dell’utilizzo va lavata molto bene e sbollentata per tre minuti. Una buona trippa fresca ha un colore tra il panna e il grigio chiaro con sfumature di rosa. La trippa è in realtà lo stomaco del bovino. Per fare un buon piatto di trippa è preferibile che vi siano tutte le varie parti che la compongono cioè un pezzo di cordonata, un pezzo di nido d’ape o cuffia, un pezzo di centopelli o foiolo e un pezzo di panzone.

trippa con fagioli cannellini
  • Difficoltà:
    Bassa
  • Preparazione:
    30 minuti
  • Cottura:
    4 ore
  • Porzioni:
    4
  • Costo:
    Basso

Ingredienti

  • trippa cruda 1200 g
  • fagioli cannellini secchi 250 g
  • passata rustica di pomodoro 400 g
  • costa di sedano 1
  • carota 1
  • cipolla bianca 1
  • alloro 1 foglia piccola
  • Rosmarino 1 rametto piccolo
  • pecorino 2 cucchiai
  • Olio extravergine di oliva q.b.
  • Sale q.b.
  • peperoncino calabrese piccolo (facoltativo) 1

Preparazione

  1. La sera precedente al giorno in cui si cucinerà la trippa mettere in ammollo i fagioli con acqua fredda e senza sale. (L’ammollo deve essere di 12 ore circa)

  2. Risciacquare i fagioli e cuocerli a fuoco medio e senza sale per circa 40 minuti. Spegnere il fuoco e lasciarli immersi nella loro acqua affinché la pelle non si spacchi.

  3. Lavare la trippa in acqua corrente, un pezzo alla volta e togliere eventuali parti grasse.

    Lessare la trippa in acqua leggermente salata finché non si infila bene con la forchetta. Occorreranno circa 3 ore o anche un po’ di più.

    Scolare la trippa e tagliarla (io adopero le forbici) a listarelle lunghe tre o 4 centimetri.

  4. Lavare il sedano, la carota e la cipolla.

    Mettere nel tegame due giri d’olio, la cipolla, il sedano, la carota, la foglia di alloro, la trippa, il peperoncino (se piace, io non lo metto) e salare.

    Lasciare insaporire per una decina di minuti e poi aggiungere il pomodoro e continuare la cottura per 10 o 15 minuti.

    Aggiungere un bicchiere scarso di acqua e continuare la cottura per 10 minuti.

  5. Estrarre i fagioli dall’acqua di cottura e unirli alla trippa insieme ad un piccolo rametto di rosmarino.

    Continuare la cottura per alri 20 minuti aggiungendo un po’ dell’acqua di cottura dei fagioli se necessario.

  6. Recuperare l’eventuale peperoncino e servire la trippa con fagioli cannellini calda.

  7. trippa con fagioli cannellini

Note

Ti piace la mia ricetta? Metti Mi piace sulla mia pagina ufficiale di  FACEBOOK  per non perdere le mie nuove ricette!

 
Precedente Tortine San Valentino ricotta e cioccolato Successivo Zeppole di carnevale alla crema

Lascia un commento