Facciamo la Stracciatella – cuore di Burrata

La Stracciatella, il cuore della Burrata, quindi la parte migliore di questo formaggio pugliese, di recente creazione, talmente buono però che è diventato subito un emblema di pugliesità, sicuramente il nostro formaggio più famoso, purtroppo un po’ abusato, meno manipolato è meglio è, si esprime al massimo nella sua fresca purezza.

Sinceramente è talmente facile farla da se, che noi la stracciatella in una mezzoretta con le giuste trecce e panna liquida in parti quasi uguali, ce la facciamo e devo dirvi che così mangiamo la migliore che ci sia.

DSC_1681p

Sinteticamente i passaggi della preparazione sono:

  1. Sbrogliare le trecce e sfilacciarle il più finemente possibile
  2. lasciarle a scolare l’acqua residua
  3. Miscelare la Panna rendendola fluida ed omogenea
  4. Versare e rigirare a fondo gli sfilacci con la panna
  5. Salare opportunamente
  6. Lasciare riposare per una mezza giornata in luogo fresco 

Approfondiamo la preparazione della Stracciatella, entriamo nei particolari

Innanzitutto portare i componenti a temperatura ambiente. Le Trecce vanno sciolte, stracciate nel senso della lunghezza e lasciate a scolare. Intanto si omogenizza la Panna liquida e fresca, girandola dolcemente e si versa in una ciotola con gli sfilacci fino a coprirli. Aggiustare di sale. Lasciare riposare a temperatura fresca, possibilmente non in frigo. Perché sia pronta da consumare occorrono almeno 5/6 ore. Non può esistere una Stracciatella dietetica o light, come dir si voglia, chi è a dieta è bene che se ne astenga.

A chi interessasse approfondire la ricetta sia dal punto di vista esecutivo che per informazioni storiche e non solo, può farlo cliccando qui
Siamo in Facebook, cliccando qui la pagina, il gruppo molto seguito è
C’hama mangià josc . . . mamm ce croc stu mangià
Siamo anche su Twitter e in Google+
Precedente Paparine Nfucate cu lle Ulie Successivo Risotto al Pomodoro e Burrata