Uova in Purgatorio con Burrata fatta in casa

Da ragazzo era una delle cene abituali, almeno due uova e due o tre belle fettone del nostro Pane Pugliese. Oggi le esigenze caloriche sono diminuite e di tanto, basterà un uovo, è invece aumentato il desiderio di diversificare, ingentilire e arricchire, questo lo facciamo con le Uova in Purgatorio con Burrata e se proprio le esigenze di linea sovrastano quelle della golosità, eliminiamo quest’ultima e conteniamo il pane o ne usiamo di integrale ma non priviamoci di un pasto quanto mai salutare e con quel bel sapore di semplice ed antico. Generalmente le semplici salse di pomodoro o i ragù erano fatti in abbondanza perché per il resto della settimana potessero servire sia per le Uova in Purgatorio che a condimento di varie minestre, il che riduceva di molto i tempi di preparazione in generale. Certo se oggi riprendessimo queste abitudini quante scatolette e barattoli di sughi e soffritti pronti potremmo non aprire, con vantaggio sia economico che salutare e anche la natura ci sarebbe grati per la minore immondizia ed inquinamento.

Uova in Purgatorio con Burrata

Per  la preparazione delle Uova in Purgatorio con Burrata sarà sufficiente una mezz’oretta, molto meno se, come è facile che sia, la salsa di pomodoro è già pronta, gli ingredienti occorrenti per quattro commensali sono:
  • 4 uova fresche e intere
  • mezza bottiglia di Salsa di Pomodoro
  • quattro cucchiai di Olio EVO
  • una Cipolla dorata
  • un ciuffo di Basilico
  • quanto basta di Sale grosso e fino
  • quanto basta di Pepe nero al mulinello
  • quattro cucchiai di Stracciatella l’interno di Burrata
Sinteticamente i passaggi della preparazione delle Uova in Purgatorio con Burrata sono:
  1. Affettare molto sottilmente la Cipolla
  2. soffriggere la Cipolla in Olio
  3. aggiungere la Salsa di Pomodoro
  4. Salare e Pepare
  5. cuocere fino al restringimento della salsa
  6. aggiungere le Uova alla salsa
  7. portare a cottura le uova
  8. spegnere ed aggiungere tra un tuorlo e l’altro la Burrata fatta in casa
Approfondiamo la preparazione delle Uova in Purgatorio con Burrata fatta in casa, entriamo nei particolari

Se vogliamo aggiungere la Burrata o l’abbiamo comprata o l’abbiamo preparata una mezza giornata prima come potrete leggere cliccando qui. Occorre poi preparare una buona Salsa di Pomodoro, anche questa se non l’avete già in frigo come avanzo di una Pasta al Pomodoro, del resto anche un buon Ragù, ci può stare bene. Se dobbiamo prepararla la facciamo con Cipolla un po’ abbondante, a noi piace sentirla e per questo non la tritiamo, la affettiamo sia pur sottilmente, a chi non dovesse piacere la può tritare sottilmente e metterne meno, aumentando un po’ il pomodoro. Mettiamo a soffriggere a fiamma moderata la Cipolla in Olio Extra Vergine di Oliva con qualche cucchiaio d’acqua e un pizzico di sale per migliorarne la cottura; quando sarà sufficientemente appassita, si aggiunge la Salsa di Pomodoro e un ciuffo di Basilico. La quantità deve essere tale da mischiarsi al bianco d’uovo senza sovrastarlo eccessivamente il colore ci aiuterà nel dosaggio. Ovvio che la salsa va salata e pepata piuttosto abbondantemente, dovrà essere sufficiente anche per il bianco d’uovo. La salsa sarà pronta quando l’olio ne verrà fuori, galleggiando. E’ il momento di aggiungere le uova. Le apriamo prima in un piatto per evitare sorprese; a noi piace che il bianco sia ben cotto ed il rosso quasi crudo, appena scaldato. Per questo versiamo prima l’albume e lo mischiamo moderatamente alla salsa, strapazzandolo; aspettiamo che sia quasi cotto, diventando bianco, per ricavare degli incavi dove versare uno per uno i tuorli che condiamo con un pizzico di Sale fino per ognuno. Due o tre minuti, se i tuorli piacciono ancora fluidi altrimenti non più di cinque, si può spegnere, spargere di una spolverata di Pepe nero. Le Uova in Purgatorio sono pronte, è il momento, volendo e potendo, di arricchire pugliesizzandole con dei cucchiai di Stracciatella, l’interno della Burrata, il nostro ormai famosissimo latticino pugliese. Sarà bene scolarla al meglio della parte liquida, la panna.

Uova in Purgatorio con Burrata

Come credo sappiate, del resto l’ho accennato più su, la prepariamo bella fresca, fresca in casa, la ricetta la trovate cliccando la parola, per questi usi mettiamo un 20 o 30% in meno di Panna.

Siamo in Facebook, cliccando qui la pagina, il gruppo molto seguito è
C’hama mangià josc . . . mamm ce croc stu mangià
Siamo anche su Twitter e in Google+

Precedente Lenticchie e Salsicce alla Umbra Successivo Pesce Spada alla piastra con Salmoriglio