Vellutata finocchi e patate

Quando fuori fa freddo, portare in tavola un piatto caldo e fumante è una coccola oltre che una necessità. Se anche voi la pensate come me, vi suggerisco di provare questa vellutata finocchi e patate. È una crema dal sapore delicato e dalla bontà sorprendente che, tra le altre cose, è anche facilissima da realizzare. Una ricetta NICE & EASY che ho trovato nella rivista “Alice Cucina” e a cui ho apportato qualche leggera modifica.


vellutata finocchi e patate

VELLUTATA FINOCCHI E PATATE

INGREDIENTI (per 4 persone)

  • 800 g di finocchi (peso al netto degli scarti)
  • 650 g di patate (peso al netto degli scarti)
  • 1 piccola cipolla
  • 1 litro di brodo vegetale
  • olio extravergine di oliva
  • sale
  • pepe nero

DIFFICOLTÀbassa

PREPARAZIONE: 15 minuti

COTTURA: 30 minuti

PROCEDIMENTO

Mondare i finocchi, lavarli e tagliarli a fettine. Tenete da parte la barba verde per decorare i piatti finali.

Pelare le patate, lavarle accuratamente e tagliarle a tocchetti.

Spellare la cipolla e tritarla finemente.

In una capiente casseruola, scaldare qualche cucchiaio di olio e farvi appassire la cipolla.

Quindi unire le verdure e lasciarle stufare per una decina di minuti, mescolandole spesso.

vellutata finocchi e patate - 1

Versare nella casseruola il brodo fino a coprire tutte le verdure (io ho messo poco più di 900 ml) e far cuocere per 20 minuti, mescolando di tanto in tanto.

A cottura ultimata, regolare di sale e unire anche una abbondante macinata di pepe.

Infine, con un mixer a immersione, frullare il tutto fino ad ottenere una crema omogenea.

vellutata finocchi e patate - 2

Distribuire la vellutata finocchi e patate nei piatti individuali, cospargerla con un pizzico di pepe e decorarla con la barba di finocchio tenuta da parte. Servirla subito, ben calda.

Se amate le vellutate, potete trovarne tante altre cliccando QUI.

Buon appetito a tutti! Paola


Seguitemi su Facebook per essere sempre aggiornati sulle nuove ricette. Cliccate QUI e poi mettete MI PIACE in alto a destra. Grazie! E sono anche su Twitter. Mi trovate QUI!

Precedente Come cuocere la zucca al forno Successivo Pane dolce alle mandorle e albicocche

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.