Crea sito

Migliaccio napoletano

Ecco una ricetta da annotare assolutamente! Il migliaccio napoletano è un dolce tipico della tradizione campana che si prepara nel periodo del Carnevale. Si tratta di un dolce semplice che non prevede farina, ma semolino e che non contiene lievito. Il suo nome deriva dal fatto che anticamente veniva realizzato col miglio. Quello che posso dirvi è che la sua bontà è davvero sorprendente. Per questo motivo ritengo che sia un vero peccato limitarne la preparazione al solo periodo carnevalesco. Questa torta andrebbe fatta tutto l’anno e io non escludo di prepararla anche “fuori stagione”. Tra l’altro non è affatto difficile da fare; seguite le mie indicazioni passo passo e porterete in tavola un capolavoro.

migliaccio napoletano
  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di cottura1 Ora 10 Minuti
  • Porzioni8
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 500 mlLatte
  • 300 mlAcqua
  • 1 pizzicoSale
  • 40 gBurro
  • 250 gZucchero
  • 1Arancia non trattata (serve la scorza)
  • 180 gSemolino
  • 3Uova (medie)
  • 250 gRicotta
  • 1/2 cucchiainoVaniglia in polvere (o 1 bustina di vanillina)
  • q.b.Zucchero a velo (per spolverizzare)

Strumenti

  • 1 Casseruola
  • 1 Ciotola media
  • 1 Ciotola grande
  • 1 Frusta a mano
  • Fruste elettriche
  • Stampo a cerniera di 22 cm

Preparazione

  1. Migliaccio - procedimento 1

    Versare il latte in una casseruola, poi unirvi l’acqua, un pizzico di sale, il burro, 50 g di zucchero e la scorza intera (cioè non grattugiata) di mezza arancia. L’arancia deve essere biologica con buccia non trattata, mi raccomando. La buccia delle altre arancia non è edibile.

  2. Portare sul fuoco e mescolare in modo da far sciogliere il burro e lo zucchero.

  3. Migliaccio - procedimento 2

    Quando il composto sfiora il bollore, eliminare la scorza di arancia, abbassare la fiamma quasi al minimo e aggiungere il semolino facendolo cadere a pioggia mentre si continua a mescolare con una frusta a mano.

  4. Migliaccio - procedimento 3

    Una volta che il composto ha raggiunto la consistenza di una morbida polenta (ci vorranno 3/4 minuti), toglierlo dal fuoco, trasferirlo in una ciotola e lasciarlo raffreddare.

  5. Nel frattempo, prendere una ciotola grande e sgusciarvi le uova intere. Unire la vaniglia, il restante zucchero (200 g) e la scorza grattugiata dell’altra mezza arancia. Se non avete la vaniglia in polvere, potete usare una bustina di vanillina oppure i semi di una bacca di vaniglia.

  6. Migliaccio - procedimento 4

    Lavorare il tutto con le fruste elettriche fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso.

  7. Migliaccio - procedimento 5

    A questo punto bisogna cominciare ad aggiungere al composto la ricotta (precedentemente setacciata attraverso un colino) e il semolino alternandoli tra loro e unendoli a cucchiaiate mentre si continua a lavorare con le fruste elettriche. Si otterrà un impasto liscio e senza grumi.

  8. Versare il composto in uno stampo a cerniera del diametro di 22 cm precedentemente rivestito con carta da forno (QUI trovate la procedura per farlo al meglio). Alcuni followers napoletani mi hanno detto che il migliaccio generalmente è più basso. Altri lo fanno alto come il mio. Quindi se volete un dolce più basso non dovete far altro che usare una tortiera più grande: 24 o 26 cm di diametro.

  9. Migliaccio napoletano - procedimento 6

    Cuocere il migliaccio napoletano in forno statico preriscaldato a 180°, sul ripiano centrale e per circa 60 minuti. Sulla superficie si dovranno formare le classiche crepe. Nel caso non si formassero, basterà tirare leggermente la pasta una volta tolto dal forno.

  10. Sfornare il migliaccio e lasciarlo raffreddare completamente prima di trasferirlo sul piatto da portata e spolverizzarlo con abbondante zucchero a velo. Enjoy! Paola

  11. Migliaccio napoletano - tagliato

    Il migliaccio napoletano può essere conservato a temperatura ambiente sotto una campana di vetro oppure in frigorifero. Io ho preferito quest’ultima opzione e, devo dire, che freddo è straordinario. Sembra di gustare un semifreddo. Il giorno dopo è ancora più buono.

  12. Volete cimentarvi con altre ricette di Carnevale? Allora cliccate QUI e scegliete le vostre preferite.

  13. badge social

    Seguitemi su Facebook per essere sempre aggiornati sulle nuove ricette. Cliccate QUI e poi mettete MI PIACE in alto a destra. E sono anche su Twitter (QUI) e Instagram (QUI). Grazie di ♥!

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

6 Risposte a “Migliaccio napoletano”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.