Crea sito

Pangoccioli con lievito madre fatti in casa

Pangoccioli con lievito madre fatti in casaSe per me è molto importante variare quello che mangio a colazione, così come ai pasti principali, lo è anche quello che metto nello zaino dei miei figli per la loro merenda a scuola. Non nego che ogni tanto li concedo qualche golosità acquistata al supermercato, ma mi rendo conto che non è la scelta più salutare per loro. Così, questi pangoccioli con lievito madre fatti in casa che ti presento oggi sono nati proprio per sostituire quelli che prima compravo sempre.

Ti garantisco che sono molto, ma molto più buoni!

Ovviamente, essendo privi di conservanti, il modo migliore per averli sempre morbidi come appena sfornati è quello di congelarli. Quindi, non appena si raffreddano, li sistemo dentro un contenitore a chiusura ermetica e lo metto in freezer. Per la colazione, li tiro fuori 15-20 minuti prima e lascio a temperatura ambiente. Se invece sono da portare via, li avvolgo in un tovagliolo di carta e via dentro il portamerenda!

Prova la ricetta, che come per ogni impasto con lievito madre serve solo il tempo che lieviti, perché il procedimento è molto semplice.

Come al solito, la ricetta l’ho eseguita utilizzando la planetaria. Ma puoi benissimamente fare i pangoccioli con lievito madre fatti in casa anche a mano, impastando dentro una ciotola ben capiente.

Pangoccioli con lievito madre fatti in casa

Pangoccioli con lievito madre fatti in casa

  • Preparazione: Tempo di lievitazione + 30 Minuti
  • Cottura: 15 Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni: 12 pezzi (70 g circa cad.u.)
  • Costo: Basso

Ingredienti

  • 450 g Farina 0
  • 60 g Lievito madre (Rinfrescato e duplicato)
  • 250 g Latte
  • 18 g Zucchero invertito (Oppure miele)
  • 9 g Zucchero
  • 50 g Olio extravergine d'oliva
  • 10 g Sale
  • 75 g Gocce di cioccolato fondente
  • q.b. Latte (Per spennellare i panini)

Preparazione

Preparazione dell'impasto

  1. Se il latte è freddo dal frigorifero, farlo intiepidire senza però superare i 27-28 ºC;

  2. Spezzettare il lievito madre (rinfrescato e duplicato) dentro la ciotola della planetaria, e versarci il latte ed i zuccheri. Mescolare fino a quando non si sarà formata della schiuma;

  3. Aggiungere la farina ed impastare finché l’impasto non risulterà piuttosto liscio ed omogeneo (incordato);

  4. Unire il sale e poco a poco, l’olio extravergine d’oliva, avendo cura di ottenere un impasto incordato prima di aggiungerne altro olio;

  5. Ad impasto completo, cioè quando sarà ben liscio ed omogeneo, trasferirlo in una ciotola, formando una palla. Coprire con della pellicola trasparente e fare riposare durante 30 minuti;

  6. Versare le gocce di cioccolato e fare un primo giro di pieghe in ciotola (ecco un video dimostrativo su come si fanno). Fare riposare, sempre coprendo la ciotola con la pellicola trasparente, per altri 30 minuti;

  7. Fare altri 2 giri di pieghe in ciotola, alternati dai canonici 30 minuti di riposo;

  8. Completato l’ultimo giro, coprire nuovamente con la pellicola e mettere l’impasto a lievitare, preferibilmente in un luogo dove la temperatura si aggiri sui 28 ºC, fino a raddoppiare il volume iniziale. La temperatura non inciderà sul risultato finale ma, più bassa essa sarà, e più tempo impiegherà a raddoppiare;

Formazione e cottura dei pangoccioli

  1. Trasferire l’impasto lievitato sul piano di lavoro, preferibilmente in marmo od acciaio così che non si attacchi alla superficie;

  2. Dividerlo in 12 pezzi di circa 120 g cad.u., e formare delle palline facendole rotolare sul piano di lavoro con il palmo della mano, e con il pollice spingere l’impasto verso sotto. In questa GIF ti faccio vedere come si fa:

  3. Sistemare le palline su di una teglia ricoperta con della carta da forno, distanziandoli fra di loro, e mettere a lievitare fino a quando non saranno raddoppiate;

  4. Per capire quando i pangoccioli saranno pronti per essere infornati, così come è spiegato in altre ricette, è utile eseguire la “prova del dito”. Questa consiste nel premere delicatamente l’impasto con la punta del dito e quando il fosso ritorna indietro lentamente, i pangoccioli potranno essere infornati. Invece, se il fosso ritorna velocemente, indica che il lievito è ancora troppo attivo e quindi bisogna aspettare ancora;

  5. Poco prima che si sia completata la lievitazione, preriscaldare il forno a 200 ºC;

  6. Quindi, al raddoppio dei pangoccioli, spennellare la superficie con del latte ed infornare a media altezza, in modalità statica, per 15 minuti o comunque finché la superficie non risulterà dorata;

  7. Completata la cottura, farli raffreddare sulla griglia prima del consumo o di congelarle.

    I tuoi morbidissimi pangoccioli con lievito madre fatti in casa saranno pronti per alliettare le tue colazioni, per portarli con te come spuntino mentre sei in giro o al lavoro, oppure per mettere nello zaino dei tuoi figli come golosa e genuina merenda.

Note

Pubblicato da Encarna

Dietro a "Mammachepaella!", ci sono io, un cuore spagnolo diviso tra l'Italia e la Spagna, così come la mia cucina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Icona torna su MAMMACHEPAELLA