COME CUCINARE i CALAMARI senza errori

COME CUCINARE i CALAMARI senza errori seguendo solo dei piccoli accorgimenti per ottenere una cottura impeccabile. Riuscire a cuocere i calamari senza rovinare la loro consistenza e sapore non è difficile. Piccoli trucchi per cucinare i calamari senza sbagliare e renderli teneri e gustosi in poco tempo. Gli stessi accorgimenti sono validi anche per la cottura dei totani. Ma qual è la differenza tra totano e calamaro? I totani sono di un marrone più chiaro mentre i calamari sono rosa violacei. Le pinne laterali dei calamari partono circa dalla metà del corpo mentre quelle dei totano si trovano alla fine. Il calamaro risulta molto più morbido e gustoso mentre il totano ha una consistenza più croccante. Entrambi si prestano a tantissime ricette gustose e la differenza tra di loro poco importa. E’ determinante che sia fresco e di buona qualità. Adesso vediamo insieme come cucinare i calamari senza errori per renderli morbidi e saporiti. Seguitemi!

COME CUCINARE i CALAMARI senza errori  il mio saper fare
  • DifficoltàBassa
  • CostoMedio
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • q.b.calamari

COME CUCINARE i CALAMARI senza errori

  1. COME CUCINARE i CALAMARI senza errori il mio saper fare
  2. Preferire sempre calamari o totani freschissimi, con i tentacoli carnosi e sodi, con il mantello lucido e di un bel colore brillante.

  3. Pulire i calamari staccando la testa e poi eliminare la cartilagine, le interiora, la pelle e tagliare di netto gli occhi e togliere il dente centrale. Pulire bene le tasche dei calamari e lavarle sotto acqua corrente. Sistemare il tutto in uno scolapasta e far sgocciolare bene.

  4. Preferire sempre una cottura veloce. I calamari hanno delle carni delicate e una cottura prolungata li renderebbe gommosi e duri. Solitamente bastano 5/6 minuti per una cottura perfetta.

  5. Se la ricetta con i calamari lo richiede, possiamo allungare di poco i tempi di cottura.

  6. In dettaglio come cuocere i calamari

    I calamari al forno ripieni vanno cotti non più di 20 minuti se sono grandi oppure 15 minuti se più piccoli a 200°C. E possibile gratinarli posizionando la teglia sotto il grill per pochissimi minuti.

  7. Gli spiedini di calamari sono raffinati, scenografici e si preparano in un attimo. Dopo averli marinati, vanno infilzati, impanati e cotti in forno già caldo per 15 – 20 minuti. E’ consigliabile posizionare la teglia sotto il grill a fine cottura.

  8. I calamari al sugo sono un valido secondo piatto e anche un saporito condimento per pasta. Vanno fatti rosolare in padella per poi aggiungere i pomodori. Far cuocere circa 20 minuti.

  9. Per i calamari alla griglia la cottura è molto veloce. Scaldare la piastra in ghisa e quando sarà ben calda, adagiare i calamari con i tentacoli, cuocere per qualche minuto e poi girarli dall’altro lato. Il liquido di cottura fuoriuscirà grazie alle incisioni. Il tempo di cottura dei calamari alla griglia dipende dalla grandezza, solitamente sono sufficienti 6/7 minuti.

  10. Per un’insalata di calamari perfetta basta portare a bollore acqua fredda con qualche grano di pepe, lo spicchio di aglio, la foglia di alloro, la scorza di limone e regolare di sale. Aggiungere i calamari e far cuocere per circa 5/7 minuti (dipende dalla grandezza dei calamari). Dovranno risultare cotti e croccanti allo stesso tempo. Da condire con olio e limone.

  11. Il segreto per una perfetta cottura e un sapore ineguagliabile dei calamari gratinati al forno è la doppia cottura. Dopo averli marinati si rosolano in padella a fuoco vivo con olio e aglio. vanno infilzati, panati e gratinati in forno caldo per pochi minuti sotto il grill.

  12. Per anelli di calamari fritti a regola d’arte bisogna osservare qualche semplice accorgimento: usare olio di arachidi, friggere a temperatura ottimale (buttare nell’olio caldo un pezzetto di pane quando sfrigola l’olio è pronto in caso contrario la temperatura è troppo bassa e si otterranno fritti mollicci e umidi), friggere pochi calamari per volta per non far abbassare la temperatura dell’olio. Scolare bene i fritti e adagiarli sempre su carta cucina per far assorbire l’unto in eccesso. Sistemare nel forno preriscaldato e spento i fritti per mantenerli caldi e fragranti.

Altre ricette

  1. CALAMARI alla GRIGLIA ricetta il mio saper fare

    Per la ricetta dei CALAMARI alla GRIGLIA, cliccare QUI

  2. CALAMARI SCOTTADITO al FORNO gratinati ricetta il mio saper fare

    CALAMARI SCOTTADITO ricetta semplice e ricca di gusto. Cliccare QUI

  3. Spiedini di calamari gratinati al forno ricetta il mio saper fare

    Sfiziosissimi questi SPIEDINI di CALAMARI croccanti, per la ricetta cliccare QUI

Per tornare alla HOME 

Per non perdere le nuove ricette seguimi anche su Facebook  QUI  e clicca MI PIACE. Grazie mille!

3,9 / 5
Grazie per aver votato!
Precedente MELANZANE GRIGLIATE ricetta ANTIPASTO leggero Successivo COME APRIRE VONGOLE e COZZE in PADELLA

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.