Crea sito

Piccoli flan di finocchio con riduzione di arancia e liquirizia

Questi piccoli flan di finocchio con riduzione di arancia e liquirizia hanno un aspetto sofisticato ma sono semplici e veloci da preparare. Con pochi ingredienti si ottiene velocemente un piccolo capolavoro. Questo flan è stato il nostro pranzo pochi giorni fa, quando, alle dodici circa, un cartoccio di panna surgelata mi ha salvato la vita. Avevo in frigo due finocchi, due uova e parmigiano. Con l’aggiunta d’un piatto di pasta ho messo tutti a posto. In versione mini, come li presento oggi, i piccoli flan di finocchio con riduzione di arancia e zafferano sono un antipasto elegante, che può essere affiancato ad altri sulla tavola delle feste che verranno.

flan di finocchio con arancia e liquirizia
  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di cottura30 Minuti
  • Porzioni8
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti per i flan di finocchio con riduzione di arancia e liquirizia

  • 650 gfinocchi, cotti, al microonde (al vapore o in padella)
  • 250 gpanna da montare
  • 2uova (intere)
  • 20 gparmigiano Reggiano DOP (grattugiato)
  • 1 bustinazafferano
  • q.b.sale e pepe
  • Mezzaarancia (solo il succo)
  • 1 cucchiainoliquirizia in polvere (raso)
  • 20 gburro
  • 1 cucchiaiomiele

Strumenti

Uno stampo da budino da 500 ml o 8 stampini singoli da 7,5 cm

    Come preparare i piccoli flan di finocchio con riduzione di arancia e liquirizia

    Prepariamo i flan

    1. Possiamo cuocere i finocchi come preferiamo: in padella con una noce di burro, al microonde o al vapore. Possiamo anche usare finocchi cotti in precedenza e avanzati. Frulliamoli perfettamente con il frullino a immersione, aggiungiamo la panna liquida, un pugno di parmigiano, due uova intere e lo zafferano. Dopo aver regolato sale e pepe, frulliamo di nuovo per mescolare gli ingredienti. Quindi trasferiamo il composto in otto stampini da flan (anche quelli in alluminio andranno bene) precedentemente unti e infarinati. Infine posizioniamo i flan in una teglia a bordo alto che possa contenerli tutti, e riempiamo d’acqua la teglia, per tre quarti, in modo da farli cuocere in forno a bagno maria. Cuociono per 30 minuti a 200°.

    Prepariamo la riduzione di arancia e liquirizia e serviamo in tavola

    1. Piccoli flan di finocchio con arancia e liquirizia

      Versiamo il succo d’arancia in un pentolino (piccolo!), accendiamo il fuoco basso e aggiungiamo un cucchiaino raso di liquirizia in polvere, avendo cura che si sciolga bene. Lasciamo sobbollire per qualche minuto. Quindi aggiungiamo una noce di burro freddo e un cucchiaio di miele, mescoliamo e spegniamo il fuoco. Sformiamo i flan tiepidi e serviamoli con la salsa che abbiamo preparato.

    Note della cuoca e variazioni

    Questi sformatini sono buoni anche serviti con una fonduta al formaggio, e si possono fare con molte verdure diverse. Molto carino è accostare due flan di colore diverso in uno stesso piatto. Sono davvero veloci da fare: oltre al tempo di cottura, bisogna prevedere 15 minuti al massimo. Inoltre si possono preparare in anticipo e conservare in frigorifero già cotti. Al momento di servire, basterà scaldarli brevemente nel microonde e completare con la riduzione di arancia.

    Se questo abbinamento di sapori ti è piaciuto, guarda le lasagne al forno con finocchio, arance e zafferano. A chi invece cercasse un altro antipasto invernale elegante, propongo la millefoglie al parmigiano e crema di zucca. In quella ricetta troverà anche la spiegazione per realizzare le cialde al parmigiano con cui ho decorato i flan di finocchio.

    Tornando alla HOME troverai altri antipasti vegetariani, ricette regionali e buonissimi dolci. Seguimi su Facebook e su Instagram, e non ti capiterà più di essere senza idee per cena.

    In questaricetta è presente un link di affiliazione.

    4,6 / 5
    Grazie per aver votato!

    Pubblicato da lareginadelfocolare

    Mi chiamo Silvia e vivo a Genova. Da tanti anni cucino per amore. Se volete conoscermi meglio, venite a fare quattro chiacchiere in cucina.