Palle di neve di Natale

Le palle di neve di Natale sono una soffice brioche senza latte e senza burro, morbide palline di pasta lievitata color verde e decorate con ghiaccia reale e confettini arcobaleno.

Questo dolce è una variante di un dolce che preparo spesso, ovvero l’Angelica, di solito uso prodotti delattosati, questa volta ho provato ad usare l’olio al posto del burro senza lattosio e il latte di mandorla al posto del latte delattosato. Potete usare anche l’acqua, va bene lo stesso, spesso la preparo anche io così.

Potrebbero interessarti queste ricette di dolci natalizi:

Palle di neve di Natale
  • DifficoltàMedia
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di cottura15 Minuti
  • Porzioni20/24
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana
  • StagionalitàInverno

Ingredienti

Per il lievitino:

135 g farina Manitoba (più quella per la lavorazione)
1 cucchiaino lievito di birra disidratato
70 g acqua

2 impasto:

400 g farina 00
75 g zucchero semolato
3 uova
125 g yogurt bianco (senza lattosio)
110 ml olio di semi (puoi sostituirlo con tutta acqua)
q.b. colorante alimentare (verde)

Per la ghiaccia e la decorazione:

ghiaccia reale (già pronta. Per la ricetta completa clicca sulla parola blu)
q.b. confettura di ciliegie
q.b. codette colorate

Strumenti

1 Teglia da forno
2 Ciotole
Fruste elettriche
Canovaccio
Griglia
Carta forno

Preparazione delle palle di neve natalizie:

Brioche verde con ghiaccia natalizie

Preparazione delle brioche colorate: Primo impasto

Questo impasto viene chiamato lievitino.

Aggiungi la farina Manitoba in una ciotola, aggiungi il lievito e l’acqua al centro ed inizia ad impastare fino ad ottenere un impasto compatto.

Copri con un canovaccio e lascia lievitare per circa 30 minuti in luogo caldo.

Preparazione del secondo i impasto:

In una ciotola mescola lo zucchero e le uova intere e il latte di mandorle e mescola bene.

Aggiungere l’olio di semi a filo, e poi la farina 00 poco alla volta lavorando bene con le mani fino ad ottenere un impasto liscio.

Stendi la pasta con le dita e al centro aggiungi la pasta precedentemente lievitata stesa con le dita.

Chiudi e inizia a lavorare il composto fino a quando l’impasto non si sarà assorbito il lievitino.

Aggiungi ora il colorante verde, meglio farlo quando l’impasto è già finito, così sarà più facile aggiustare il colore. E soprattutto utilizza i guanti o ti ritrovi le mani tutte macchiate (in caso puoi pulirle con bicarbonato e limone).

Inizia ad impastare fino al completo assorbimento del colore.

Metti l’impasto in una ciotola di vetro, coperto con pellicola trasparente e fai lievitare fino al raddoppio.

Se fa molto freddo possono volerci fino a 8 ore di lievitazione. Di solito sono sufficienti 4 ore. Puoi aiutare la lievitazione tenendo l’impasto dentro il forno spento con la luce accesa.

Una volta lievitata la pasta dividi in panetti di 15 g.

Arrotola e forma una pallina, poi aprila con le dita, farcisci al centro con un cucchiaino di confettura di ciliegie e chiudi tirando i lembi di pasta, formando una palla.

Arrotola bene tra le mani, facendo attenzione a non far fuoriuscire la confettura.

Adagia le palline ottenute su una teglia con carta da forno alla base, fai lievitare per altri 30 minuti.

Preriscalda il forno a 180°.

Cuoci per 15/20 minuti in forno statico. Una volta cotte, fai raffreddare completamente.

Adagia le palline ottenute su una teglia con carta da forno alla base e prepara la ghiaccia (oppure preparala prima e falla riposare nel frigorifero ben chiusa.

Preparazione della ghiaccia reale:

Solitamente la ghiaccia reale si prepara con lo zucchero a velo, anche la ricetta classica prevede di montare prima l’albume e poi aggiungere gradualmente lo zucchero a velo; oggi ho deciso di prepararla con lo zucchero semolato per ottenere un effetto neve in rilievo.

Versa lo zucchero e l’albume in una ciotola, unire le gocce di limone e il cremor tartaro.

Inizia a lavorare con le fruste elettriche fino a quando il composto non diventa spumoso.

Lasciatela riposare in frigorifero in un contenitore ermetico fino al momento dell’utilizzo. (Se non ami la versione ruvida, puoi utilizzare la ricetta classica, basta che clicchi sulla parola blu tra gli ingredienti).

Decorazione delle palline di Natale:

Prendi le palline e ricoprile con la ghiaccia, adagiale su una teglia con un foglio di carta da forno e decora con le codette colorate.

Lascia asciugare per almeno 8 ore a temperatura ambiente.

Varianti per le Palle di neve di Natale:

Invece del colorante verde, puoi usare 1 cucchiaio di cacao oppure 50 g di spinaci ridotti passati al Bimby con 50 ml di acqua, in questo caso riduci di 100 ml i liquidi.
Se non vuoi usare la ghiaccia perché non hai l’albume pastorizzato e non puoi prepararlo in casa, cerca un cioccolato bianco vegano (se non sei intollerante un cioccolato bianco qualsiasi), oppure ricopri le palline con pasta di zucchero o marshmallow.

Torna alla Home per vedere le ultime ricette. Ti aspetto nei social: FacebookTwitter * You tube Pinterest*InstagramTiktok

Questo blog e tutto il materiale in esso contenuto (foto, testi, pdf, ecc.) sono di proprietà di Eva D’Antonio, ovvero “In cucina da Eva”E’ vietato l’utilizzo, anche parziale, la manipolazione e la modifica di testi o foto.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da incucinadaeva

Mi chiamo Eva, sono abruzzese ed amo cucinare fin da quando ho ricordi. Autodidatta fino a quando nel 2011 ho aperto il blog, così ho iniziato a studiare. Amo tramandare le ricette delle mia regione e sperimentare. Copyright © dal 2011 "In cucina da Eva" – Tutti i diritti riservati. E’ vietato l’utilizzo, anche parziale, la manipolazione e la modifica di testi o foto. La violazione dei diritti d’autore è perseguibile e punibile a norma di legge. È possibile condividere il link o citare le mie ricette, scrivendo la fonte e link negli articoli. No copia ed incolla, nemmeno parziale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.