Noodles

Noodles, ricetta classica dei ristoranti thailandesi e giapponesi: sono i Noodle con verdure che non mancano mai nei menu thai. Chiamati anche spaghetti cinesi o spaghetti giapponesi, sono gli spaghetti saltati con verdure con la tecnica Stir-fried o Stir-fry, cioè saltati a fuoco vivace insieme alle verdure nel wok con l’aggiunta di salsa di soia, spezie e aromi. Nei ristoranti thai li trovate tra le ricette Yakisoba, dove sono inserite tutte le ricette dei noodles di farine diverse preparati con verdure (carote, zucchine, cavolo, germogli di soia), in accoppiata con altri ingredienti, in genere gamberi, pollo, maiale, manzo.

Quando vado al Thai, non mancano mai sushi e noodles, un’accoppiata fantastica! Ve li ricordate i miei California Roll e gli Uramaki Philadelphia? Per me che amo i noodles, fare questo piatto a casa mi ha dato tanta soddisfazione, si prepara facilmente, e devo dirvi che il sapore è davvero simile.

I Noodles cosa sono? Sono dei vermicelli di pasta che vengono preparati con farine diverse e sono nati in Cina più di 4.000 anni fa, tra la pasta cinese più antica. Col tempo si sono diffusi in Thailandia, Giappone, Corea, Filippine e Malesia, diventando un alimento alla base delle loro culture. Vengono assimilati ai nostri spaghetti, ma la tecnica di lavorazione è molto differente.

I Noodles vengono serviti come primo piatto, i famosi Noodles con verdure di cui oggi vi lascio la ricetta, nella zuppa, fritti, alla piastra e anche come contorno a carne e pesce. Insomma, un mondo vastissimo di ricette, tutte da scoprire! Ecco la ricetta degli Spaghetti cinesi con verdure.

Noodles con verdure ricetta Noodle con verdure
  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di cottura20 Minuti
  • Porzioni4 persone
  • CucinaGiapponese

Noodles: ricetta e preparazione

  • 300 gNoodles (secchi)
  • 3Zucchine (350 g)
  • 2Carote (200 g)
  • 150 gGermogli di soia
  • 140 gCavolo cinese (o cavolo verza)
  • 260 gGamberi (già puliti)
  • 50 mlSalsa di soia
  • 2Cipollotti freschi
  • 1 pizzicoZenzero (fresco o in polvere)
  • 1 pizzicoCurry o Curcuma
  • q.b.Olio di sesamo
  • q.b.Sale

Preparazione dei Noodles con verdure

  1. Come ricetta vi propongo i Noodles con gamberi, che è la versione più classica che si trova nei ristoranti thailandesi o giapponesi.

    Il cavolo cinese non sono proprio riuscita a trovarlo dalle mie parti e l’ho sostituito con il cavolo verza (sono molto simili, anche come risultato nel piatto).

    Potete preparare i Noodles con verdure senza aggiungere carne o pesce, in una versione vegetariana, oppure sostituire i gamberi con gamberetti, oppure bocconcini di pollo o manzo o maiale. La ricetta base dei Noodles non cambia.

    Leggi più sotto le varie tipologie di Noodles che potete utilizzare per questa ricetta e creare ogni volta una variante sempre nuova!

Noodles con verdure

  1. Per prima cosa pulite i gamberi togliendo il carapace e l’intestino (il filo nero). Tenete da parte.
    Vedi come pulire i gamberi.

  2. Preparazione delle verdure per Noodles

    Lavate le zucchine, tagliatele e metà e poi a fette sottili. Ogni fetta tagliatela a julienne, a bastoncini molto sottili.

  3. Pelate le carote e tagliatele a julienne, nello stesso modo.

  4. Verdure nel wok

    Tagliate la parte bianca dei cipollotti a rondelle sottili.

  5. Lavate le foglie di cavolo e tagliatele a strisce, lunghe 3-4 cm.

    In un wok o in una padella antiaderente piuttosto ampia, scaldate qualche cucchiaio di olio di sesamo e inserite tutte le verdure.

  6. Unite anche i germogli di soia e un mestolino di acqua (o brodo), salate leggermente, e proseguite la cottura a fiamma moderata per 7-8 minuti. Le verdure devono ammorbidirsi, ma non friggere o dorarsi.

  7. Cottura dei gamberi - ricotta Noodles con verdure

    Trascorso il tempo, allargate le verdure verso i bordi e al centro versate i gamberi puliti. Fate rosolare per 5 minuti e poi amalgamate tutto insieme.

  8. Nel frattempo preparate l’acqua per i Noodles. Portatela a bollore e salatela, versate gli spaghetti cinesi, spegnete il fuoco e proseguite la cottura per 3-4 minuti, con un coperchio. Seguite comunque le indicazioni segnate sulla vostra confezione di Noodles.

  9. Spaghetti cinesi con verdure - Noodles

    Una volta pronti, scolateli e versateli direttamente nel wok insieme alle verdure. Tenete da parte un po’ di acqua di cottura.

  10. Noodle con verdure pronti

    Unite ancora un filo di olio di semi di sesamo, un mestolino di acqua di cottura, la salsa di soia e poco zenzero fresco grattugiato (oppure la punta di un cucchiaino di zenzero in polvere). Io aggiungo anche una punta di curry (o curcuma).

  11. Alzate la fiamma e amalgamate molto bene i noodles con le verdure, continuando a muoverli con delle pinze da cucina, in modo che si insaporiscano insieme alla salsa di soia e alle spezie. Basteranno pochi minuti.

  12. Una volta che i vostri spaghetti cinesi sono pronti, servite subito nei vari piatti o ciotoline, insieme alle tradizionali bacchette!

Noodles con pollo

  1. Noodles con verdure e pollo

    Potete preparare anche i Noodles con verdure e pollo: in questa variante oltre alle verdure che vi ho indicato in ricetta, aggiungo anche 1 peperone tagliato a bastoncini sottili.

  2. Noodles con pollo pronti

    Tagliate 260 g di petto di pollo a bocconcini non troppo grandi e fateli rosolare al centro del wok (come per i gamberi), muovendoli ogni tanto. Saranno necessari 6-7 minuti. Poi proseguite allo stesso modo la ricetta!

I Noodles sono light?

  1. I Noodles sono un piatto leggero, limitando la quantità di olio che andrete ad introdurre nella ricetta. Con 1 cucchiaio a testa, apportano circa 450 calorie, dato che il piatto è ricco di verdure e la resa degli spaghetti giapponesi è molto alta, per cui se ne utilizza una minore quantità.

  2. Se utilizzate gli Shirataki Noodles (leggi più sotto), il piatto di noodles diventerà molto light, dato che contano solo le calorie delle verdure, del pesce o della carne, e dell’olio, arrivando neanche a 200 calorie per porzione.

Alcuni consigli

  1. Mi sono appassionata molto ai noodles e lo utilizzo un po’ come piatto svuota frigo, mettendo all’interno tante verdure diverse.

  2. Se non avete l’olio di sesamo, potete sostituirlo con l’olio di semi (arachide ad es), oppure potete prepararlo a casa, scaldando l’olio di semi e facendo rosolare all’interno 1 cucchiaio di semi di sesamo per qualche minuto, come ho fatto nella ricetta del Riso alla cantonese.

  3. In alcuni ristoranti, tra i Yakisoba, trovate anche i Malaysian-Style Stir-Fried Noodles, cioè i Noodles in stile malese: in questa variante, alla fine, aggiungono anche l‘uovo strapazzato, come nel Riso cantonese, e a volte, vengono aggiunti anche semi di sesamo o granella di nocciole per decorare il piatto.

Noodles: guida per riconoscere i vari tipi

  1. Come vi dicevo, ci sono vari tipi di Noodles e si differenziano in base alla farina utilizzata e all’aspetto/consistenza. Potete preparare la mia ricetta dei Noodle con verdure utilizzando qualsiasi tipo di noodles:

    Yakisoba Questa parola indica la macrocategoria degli spaghetti saltati nel wok o alla piastra insieme alle verdure, salsa di soia e aromi, insomma la ricetta che vi ho proposto oggi. Gli Yakisoba sono anche uno street food giapponese e vengono serviti insieme ad aonori (polvere di alghe verdi), katsuobushi (tonnetto secco), beni shoga (zenzero rosso) e maionese.

    Ramen E’ la varietà più famosa tra i noodles giapponesi, tra i primi importati dalla Cina. Sono degli spaghetti sottili di farina di grano, sale, acqua e kansui (soluzione alcalina), con o senza uovo. Molto famosi sono i Ramen in brodo, una zuppa di noodles con pezzi di carne, pesce, alghe, funghi, uovo crudo (ce ne sono varie varietà).

    Udon Sono dei noodles più spessi e corposi, un po’ gommosi, dal colore bianco lucido. Vengono preparati con farina di grano duro.

    Soba Noodles Sono i noodles di grano saraceno, di origine giapponese. Sono degli spaghetti sottili di colore scuro e di buona consistenza.

    Shirataki Noodles Sono i konnyaku noodles o Konjac noodles, che vengono preparati con il konjac yam (tubero asiatico), con pochissime calorie e carboidrati, ricchi di fibre e di minerali. Sono sottili e traslucidi, un pochino gommosi e, qui da noi, stanno prendendo sempre più piede, proprio perchè apportano poche calorie (ca. 20 cal. per 100 g di spaghetti) e sono particolarmente adatti a chi segue una dieta. Sono anche senza glutine.

    Sōmen Sono degli spaghetti sottilissimi preparati con farina di frumento e serviti freddi, insieme ad una salsa leggera o da tsuyu. Sono meno conosciuti qui in Occidente.

    Hiyamugi Noodles di colore bianco a metà tra gli Udon e i Sōmen. Possono essere anche di colore rosa o verde.

    Harusame Preparati con fecola di patate e sono trasparenti, per questo vengono chiamati anche Glass Noodle (Noodles di vetro).

    Jap Chae Molto simili agli spaghetti cinesi di soia, leggermente più spessi e di colore scuro. Sono tipici della cucina coreana e sono preparati con le patate dolci.

    Per la ricetta che vi ho proposto, potete utilizzare anche gli spaghetti cinesi, come gli spaghetti di soia o di riso.

  2. I noodles vengono venduti sia secchi che freschi. Se conservati nel loro liquido, vi raccomando di sciacquarli molto bene sotto l’acqua corrente. I noodles secchi si cucinano in genere in acqua calda: prima portate ad ebollizione l’acqua, salate, versate la pasta, spegnete il fuoco e coprite con un coperchio. La cottura dei noodles avviene a fuoco spento. Seguite comunque le istruzioni riportate sulla vostra confezione.

    Fatemi sapere se li provate e se avete trovato utile il mio articolo! Leyla

Leyla consiglia…

Da provare anche la Tempura giapponese.

Una torta a tema ? Aikido Cake e la Torta Kimono, decorate in pasta di zucchero.

Torna alla HOME PAGE
Per non perdere nessuna ricetta, metti il “mi piace” QUI sulla mia pagina Facebook QUI sul mio profilo Instagram.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!
Precedente Torta Sacher Successivo Churros

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.