Zingara ischitana

Era l’estate del 1977 quando due giovani ischitani decisero di aprire una paninoteca nella splendida cornice di Ischia Ponte.

In poco tempo il locale divenne uno dei più famosi dell’isola grazie alla ricca selezione panini che venivano sfornati fino all’alba.

Tra questi panini il più gettonato fu la “zingara ischitana”, un crostone di pane cafone, farcito con maionese, insalata iceberg, pomodoro, fiordilatte e prosciutto crudo dolce. Ancora oggi la zingara ischitana è una delle pietanze tipiche di Ischia, amata tanto dagli isolani quanto dai turisti.

Poterla mangiare ammirando le meraviglie di questa splendida isola al largo delle coste di Napoli, magari sorseggiando una birra fredda, ha decisamente un altro fascino, tuttavia prepararla in casa è facilissimo, vi basterà scegliere solo prodotti freschi e di ottima qualità.

Forza…cuciniAMO e mangiAMO!!

Vedi anche:

Zingara ischitana
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • CucinaItaliana
  • StagionalitàPrimavera, Estate

Ingredienti per 2

4 fette pane (tipo cafone)
q.b. maionese
q.b. insalata (iceberg)
200 g fiordilatte (di agerola)
6 fette prosciutto crudo (tipo dolce)
1 pomodoro (di Sorrento o cuore di bue)
q.b. olio extravergine d’oliva
q.b. sale fino
origano secco (facoltativo)

Strumenti

Passaggi

Per preparare la zingara ischitana iniziate tagliando a fette il fiordilatte e mettendolo in un colino a perdere eventuale latte in eccesso.

Lavate e tagliate a fette, di circa 1/2 cm, i pomodori dopodiché prendete due fette di pane e abbrustolitele su una griglia ben calda o in un tostapane.

Quando il pane sarà pronto spalmate su ciascuna fetta, un velo sottile di maionese, poi mettete da parte metà delle fette di pane e sulle altre distribuite le foglie di insalata iceberg (lavate e asciugate per bene), le fette di pomodoro insaporite con un pizzico di sale, il fiordilatte e il prosciutto crudo.

A questo punto riprendete le fette di pane che avevate messo da parte e utilizzate per richiudere le vostre zingare ischitane. Volendo potete insaporire la superficie del pane ancora caldo con in filo di olio extravergine, un pizzico di sale e una spolverata di origano.

Si può consumare anche fredda ma il mio consiglio è di gustare la vostra zingara ischitana quando il pane è ancora caldo, possibilmente sorseggiando una buona birra ghiacciata.

4,9 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.