Crea sito

BRASATO AL VINO ROSSO

Il brasato al vino rosso è un piatto che mi piace molto e che facevo a volte nella mia trattoria tanti anni fa. E’ un piatto che richiede una lunga cottura ed una altrettanto lunga marinatura perchè la carne deve restare per ore, quasi completamente coperta dal vino rosso che abbiamo scelto con spezie e verdure varie.

Il vino più indicato è  il Barolo o comunque un vino rosso corposo e tannico con un contenuto alcolico pari o superiore ai 12% vol. Possiamo quindi scegliere anche il Nebbiolo, il Barbera o  il Barbaresco e considerare il vino un alimento di importanza pari al tipo di carne acquistato.

Ho accompagnato il brasato al vino rosso alla polenta di mais lasciata un po’”lenta” e cremosa ma se preferite anche un buon purè fatto con le patate, il burro, il latte, la noce moscata e un tocco mignon di parmigiano reggiano non sta niente male …Mi seguite che prepariamo il brasato al vino rosso???

Brasato al vino rosso
  • Preparazione: 15 + riposo Minuti
  • Cottura: 150 Minuti
  • Difficoltà: Molto facile
  • Porzioni: 4 persone
  • Costo: Medio

Ingredienti

  • 800 g cappello del prete (al limite buono anche il pesce o campanello)
  • 2 Cipolle
  • 2 carote
  • 2 coste di sedano
  • 2/3 Bacche di ginepro
  • 1 cucchiaino pepe nero in grani
  • 2/3 Chiodi di garofano
  • 1 mazzetto con timo, salvia, rosmarino, alloro
  • 50 g Burro

Preparazione

  1. PER LA MARINATURA

    1. Mettete la carne in una casseruola e aggiungete le cipolle sbucciate e tagliate a spicchi, le carote a pezzi e raschiate con un pelapatate, le coste di sedano senza filamenti tagliate a tronchetti ed il vino rosso(ne occorrerà una bottiglia o poco meno).
    2. Aggiungete anche le spezie chiuse in una garzina a sacchetto  e il mazzetto aromatico con salvia, rosmarino, timo e alloro.
    3. Lasciate marinare* la carne coprendo il tegame con pellicola per almeno 8 ore: io tutta la notte.

    *Se riuscite girate la carne almeno una volta!

  2. PER LA COTTURA 

    1. Trascorso il tempo prendete la carne asciugatela e rosolatela da tutte le parti in una casseruola con il burro.
    2. Unite ora tutta la marinata comprese verdure e spezie e a fuoco molto basso, portate a cottura per circa 2 ore e mezzo/ 3.
    3. Girate la carne 2/3 volte con una paletta senza forarla per non fare uscire i succhi della carne.
  3. PER COMPLETARE IL BRASATO AL VINO ROSSO

    1. Togliete il mazzetto delle erbe aromatiche e le spezie avvolte nella garza, sgocciolate e poi frullate le verdure.
    2. Rimettetele in tegame con la carne regolate di sale e pepe e rimettete sul fuoco basso per 7/8 minuti senza coperchio.
    3. Prendete la carne avvolgetela nella carta di alluminio e fatela riposare per alcuni minuti perchè questo darà modo ai liquidi della carne di ridistribuirsi nel pezzo di carne.
    4. Tagliate il brasato al vino rosso a fette non troppo sottili ed accompagnatelo alla polenta fatta seguendo le indicazioni della confezione(io istantanea) o di qualche cucchiaio di buon purè!
    5. Buon appetito con il brasato al vino rosso!

Consigli e note

Alcune ricette aggiungono anche il pomodoro anzi il concentrato di pomodoro:personalmente non lo metto ma se volete provare…Alcuni infarinano la carne prima di cuocerla io preferisco sigillare la carne  da tutte le parti(la famosa reazione di Maillard) prima di procedere alla lunga cottura in tegame…

GUARDA ANCHE

STINCO AL FORNO CON PATATE

COQ AU VIN

ARROSTO DI LONZA CON GINEPRO

——————————————————————————————————————————–

Vi piacciono le mie ricette? Allora seguitemi sul vostro social network preferito!   Mi trovate su INSTAGRAM   PINTEREST   GOOGLE +    YOU TUBE    TWITTER  e sulla pagina del blog su  pagina Facebook per non perdere nessuna ricetta o speciale  e commentare con me le varie preparazioni!!!

Copyright © 2017 Annalisa Altini, Tutti i diritti riservati

2 Risposte a “BRASATO AL VINO ROSSO”

  1. Salve, io adoro queste preparazioni tradizionali e saporitissime, e la carne è uno dei miei alimenti preferiti (chiedo scusa ai vegetariani/vegani…)
    Faccio i complimenti per il tuo blog e ne approfitto per chiedere : secondo te è possibile realizzare questa ricetta sostituendo il cappello del prete con lo stinco di maiale o di vitello, mantenendo la stessa procedura? Grazie mille! :))

    1. Ciao Lea sei molto carina e ti ringrazio moltissimo per i complimenti….e chiedo scusa anche io ai vegetariani/vegani!!Personalmente penso che lo stinco non è il pezzo di carne giusto per questo procedimento di marinatura prolungata etc ma se vuoi una ricettina squisita per lo stinco segui questa che a noi piace un sacco… https://blog.giallozafferano.it/asilannablu/stinco-al-forno-con-patate-ricetta-secondo-piatto-di-carne/ e se la provi, aspetto i tuoi consigli e pareri!!Buonissima giornata e ancora grazie!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.