Rubrica Cibo e regioni: Ratafia Abruzzese

Rubrica Cibo e regioni: Ratafia Abruzzese

I liquori

Ben tornati dalle vacanze oggi vi presento nella rubrica Cibo e regioni la Ratafia Abruzzese ma devo dire che questa splendido liquore è stato preparato dalla madre di un amico di mio fratello, io non ho mai preparato un liquore ma sicuramente lo preparerò come l’ha fatto lei.

Ma prima di tutto vogliamo passare per vedere cosa hanno preparato le nostre amiche blogger? E soprattutto diamo il benvenuto a Cinzia che rappresenterà la Valle D’Aosta una delle regioni che mancava alla nostra rubrica!

 

Con uno scorcio del panorama da casa mia.

La mia amica ha preso la ricetta da qui: La cucina tradizionale di Giulianova, che è una città in provincia di Teramo

Costo: medio
Difficoltà: facile
Gruppo ricette: I liquori
 
Ingredienti:
  • 1 kg di amarene mature
  • 1 litro di Montepulciano d’Abruzzo o vino rosso secco
  • gr 300 di alcool da liquore
  • gr 300 di zucchero
  • gr 20 di vaniglia
  • 1 bacca di cannella
Attrezzatura: 
  • 1 bottiglia grande o un barattolo di vetro grande
  • telo
 

Preparazione:

  1. Lavare le amarene e  togliere loro il picciolo lasciando il nocciolo, e lasciarle riposare un giorno all’aria.

  2. Metterle il tutto una una bottiglia grande ed unire il  Montepulciano d’Abruzzo, aggiungere la vaniglia e la cannella, chiudere leggermente con un tappo e legarvi sopra una pezza e lasciare la bottiglia al sole per 40 giorni. (e diciamo che io fino a qui ci sono arrivata, mancano un paio di giorni ed anche io preparerò la mia ratafia!)

  3. Il liquido deve rimanere 10 – 15 centimetri al di sotto del collo del bottiglia.
  4. Passati i 40 giorni occorre filtrare il vino facendolo passare da un telo non troppo spesso e lasciandolo cadere in una ciotola grande, a questo punto togliere la cannella e strizzare le amarene nel telo.

  5. Unite al liquido lo zucchero e mescolare bene ora aggiungere l’alcool.

  6. Far riposare per un’ intera giornata, ed il giorno dopo imbottigliare ermeticamente il Ratafia.

  7. Prima di poterla bere dovrete aspettare almeno uno o due mesi, più invecchia e più è buona.

ABRUZZO: Ratafia Abruzzese  di  In Cucina da Eva 

CAMPANIA:  Nocillo di Le ricette di Tina

 CALABRIA:   Liquore alla liquirizia di Rosa ed Io

 EMILIA ROMAGNA:   Nocino  di Zibaldone Culinario

 FRIULI VENEZIA GIULIA: Liquore di Terrano di  Nuvole di Farina   

 LAZIO:  Ciambelle alla Sambuca di Chez Entity 

LOMBARDIA: Il Bombardino   di L’Angolo Cottura di Babi 

MARCHE:  Liquore al caffè di La Creatività e i suoi Colori 

SICILIA: Crema di Limoncello di Cucina che ti Passa 

  TOSCANA: Alkermes di Non Solo Piccante 

PIEMONTE:  Genepì  di La Casa di Artù 

PUGLIA: Liquore di Lime  di Breakfast da Donaflor 

TRENTINO ALTO ADIGE:   Liquore alle fragoline dei boschi trentini

   di A Fiamma Dolce  

  UMBRIA: Barcarola di 2 Amiche in Cucina 

VALLE D’AOSTA:  “Ebòlabò, liquore di achillea moscata”

di L’Appetito Vien Mangiando  

VENETO:    Grappe alla Bussola’ di Semplicemente Buono 

Rubrica Cibo e regioni: Ratafia Abruzzese

Ed ecco ora passiamo alla ricetta: Ratafia Abruzzese

 Seguimi anche nella mia pagina di facebook: qui per accedere

Be Sociable, Share!
 
Precedente Alla ricerca dei sapori perduti | primo blog tour enogastronomico con workshop Successivo Divertiti cucinando il nuovo libro di Sonia dall'11 settembre

30 thoughts on “Rubrica Cibo e regioni: Ratafia Abruzzese

    • incucinadaeva il said:

      grazie Tina! anche io ho visto certe ricette che mi piacciono tantissimo!! ma da oggi dopo aver sistemato qualcosa tra blog e vari eventi, mi metterò a studiare fino al 18, perché l’esame si avvicina!

  1. artù il said:

    ma che meraviglia!!!! deve essere meravigliosamente profumato e buonissimo!
    meno male che hai ricevuto questa ricetta, sai a volte c’è un pò di gelosia nello svelare le delizie…

    evviva l’abruzzo e il ratafià!

    • incucinadaeva il said:

      si vero! molte persone sono gelose delle loro ricette! ma per continuare a tenere viva la tradizione occorre mantenere vive le ricette!

  2. Cara Eva ma complimenti per la ricetta!!! se si fa con le amarene già so che lo amerò!!
    Sono sicura che quando lo farai tu sarà davvero delizioso, la foto è davvero molto bella (godi di una bellissima vista, fortunata tu!)
    Bentornata nella nostra bellissima rubrica!!
    un bacione grandee

    • incucinadaeva il said:

      grazie!!! speriamo bene! per ora riposa in un contenitore bello ampio! appena sarà pronto ne farò ottimo liquore e non solo!!

  3. Cinzia il said:

    Complimenti Eva! E grazie mille per il.tuo benvenuto… Non conoscevo questa ricetta, da provare;-)! Un abbraccio dalla Valle d Aosta;-) Cinzia

  4. Cinzia il said:

    Complimenti Eva! E grazie mille per il.tuo benvenuto… Non conoscevo questa ricetta, da provare;-)! Un abbraccio dalla Valle d Aosta;-) Cinzia …

  5. Anche io non mi sono mai addentrata nei meandri della preparazione di un liquore, ma per fortuna c’è Tommy che invece è incuriosito tantissimo da queste preparazioni. Ma forse dipende anche dal fatto che non bevo alcolici e questo mi limita sicuramente nella voglia di sperimentare.
    Tantissimi complimenti alla mamma del tuo amico perché questo liquore ha un aspetto davvero molto bello. E poi con le amarene deve essere anche squisito!!

  6. Complimenti alla mamma del tuo amico, un liquore davvero particolare! E grazie a te per avercelo proposto, un bacio e buonissima settimana, Babi

  7. Ciao Eva!!!non conoscevo questo liquore ma dagli ingredienti direi che è eccellente!!!compliumenti alla mamma del tuo amico e a te!!!! Un bacio

    • incucinadaeva il said:

      ma sai che nemmeno io? ho fatto una lunga ricerca di liquori abruzzesi e ne ho trovati tantissimi!

  8. Complimenti alla mamma del tuo amico e grazie a te per averla condivisa! Davvero particolare con le amarene, non la conoscevo, mio marito ne uscirebbe pazzo!! Bentornata e a presto, Babi

    • incucinadaeva il said:

      e si ora starà gongolando e gli fischieranno le orecchie! deve essere molto orgogliosa perché il liquore è ottimo!

    • incucinadaeva il said:

      mi piacerebbe farvelo assaggiare! ma devo aspettare che sia pronto il mio, questo praticamente è quasi finito che amarezza

  9. donaflor il said:

    ben ritrovata cara Eva e complimenti alla mamma del tuo amico…sono sicura che il tuo liquore sarà buonissimo come il suo!
    un bacione e a presto

  10. non sapevo come si preparasse il ratafià e conoscevo questo liquorino solo di nome ma deve essere veramente speciale. quanto bel verde dalla tua finestra 🙂

    • incucinadaeva il said:

      grazie tante! e si dalla finestra tanto verde e tante zanzare però! ma almeno si sta più freschi!

  11. Ottima ricetta, non ho mai assaggiato il ratafià ed ero incuriosita dagli ingredienti, grazie di avercelo proposto…e complimenti per la foto..che panorama!! baci

  12. Aspetterò con ansia le prossime amarene per fare questo delizioso liquorino. Grazie per la ricetta ed ora vado a leggere il post sulla tua “avventura” a Cesenatico. A presto

  13. veronica il said:

    Ciaoooo!
    Grazie mille per la ricetta! Mi fecero assaggiare questo ottimo liquore all’aquila quando andai dopo il terremoto ma non ricordavo come si chiamava e come era fatto adesso grazie a te posso rifarlo! ottimo!

Lascia un commento