Crea sito

Frittelle di baccalà

Frittelle di baccalà la mia passione! Da quando ho assaggiato il baccalà  norvegese quello appena pescato in Norvegia devo dire che questa mia passione è cresciuta notevolmente e a ragion veduta, veramente speciale! Queste frittelle di baccalà usatele come antipasto per una colazione o cena a base di pesce, magari preparateli piccoli. Direi come un “finger food” giuro, successo garantito. Questa mattina al mercato del pesce ho comprato un bel filetto di baccalà, giusto avevo in mente di cucinare, ma non il solito filetto di baccalà in pastella. Ho comprato anche delle noci fresche , adesso è il periodo , ne farò un buon pesto di noci semplice ma sfizioso da condire un bel piatto di paccheri. Andate sul mio blog a curiosare sulle mie ultime novità. A proposito di frittura, il pesce andrebbe fritto in olio extra vergine che insieme all’olio di semi di arachide, sono gli unici due oli che nonostante le alte temperature, naturalmente mantengono inalterato il sapore e garantiscono un buona qualità della frittura. 

  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione5 Minuti
  • Tempo di cottura15 Minuti
  • Porzioni2 persone
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 400 gfiletto di merluzzo
  • 150 gfarina
  • 1 spicchioaglio
  • 1 mazzettoprezzemolo
  • q.b.sale
  • 300 mlacqua
  • 1 cucchiaiolievito istantaneo per preparazioni salate
  • q.b.olio extravergine d’oliva

Strumenti

  • Pentolino
  • Ciotola
  • Frusta
  • Carta assorbente

Preparazione

  1. Tritate la polpa di merluzzo, insaporitela con aglio e prezzemolo anch’essi tritati. Mescolate la farina con il lievito, unite l’acqua e con l’aiuto della frusta mescolate bene. Naturalmente fate attenzione che non si formino grumi.

  2. Unite alla pastella la polpa di merluzzo tritato, mescolate delicatamente e fate riposare qualche minuto.

  3. Nel frattempo scaldate l’olio extra vergine e friggete delle cucchiaiate di pastella di baccalà. Un’idea in più potrebbe essere il lievito di birra al posto del lievito secco, unica variante bisognerà fare riposare la pastella di baccalà per trenta minuti, il fritto sicuramente sarà più gonfio.

  4. Naturalmente eccole pronte le frittelle di baccalà

SEGUIMI

SEGUIMI su FACEBOOK e su INSTAGRAM

4,5 / 5
Grazie per aver votato!