Crea sito

frittata di patate

10 regole per una frittata perfetta

10 regole per una frittata perfetta
10 regole per una frittata perfetta

10 regole per una frittata perfetta

La frittata è un piatto povero della cucina italiana, diffuso sin dai tempi dei romani, preparato con uova sbattute, parmigiano grattugiato, sale e pepe. Un piatto di rapida preparazione, economico e semplice, ma che, per essere perfetto, richiede il rispetto di alcune regole fondamentali. Ecco allora le 10 regole per una frittata perfetta.

1) Uova

Per una frittata perfetta, è consigliabile usare uova fresche e bio.

2) Sbattere le uova

Le uova vanno sbattute in un piatto fondo, con una forchetta o una frusta da cucina. Mai sbattere eccessivamente le uova, ma quanto basta per amalgamare i tuorlo e l’albume.

3) Albumi montati a neve si o no?

Per ottenere una frittata soffice, alcuni consigliano di montare gli albumi a neve e poi incorporarli delicatamente ai tuorli sbattuti, mescolando dal basso verso l’alto.

4) Latte e fecola per una frittata alta e soffice?

Alcune ricette, per ottenere una frittata alta e soffice, suggeriscono di aggiungere due cucchiai di latte e un cucchiaio di fecola ai tuorli sbattuti, ma io, personalmente, non ho mai messo in pratica questo consiglio e mi sono sempre limitata a sbattere bene le uova.

5) Aggiunta di varianti

La versione classica della frittata prevede solo uova, parmigiano grattugiato, un pizzico di sale e uno di pepe ma, prima della cottura in padella, potete aggiungere ai tuorli sbattuti delle verdure ripassate in padella (es. spinaci, patate tagliate a julienne, broccoli, cipolle tritate), salumi (es. pancetta o prosciutto cotto a cubetti), formaggi, funghi, ottenendo così un risultato sfizioso.

Nella cucina napoletana è molto diffusa la frittata di maccheroni, preparata in bianco o con il sugo. Nella cucina piemontese è diffusa la frittata rognosa, fatta con uova sbattute, sale, pepe, formaggio grattugiato, erbe aromatiche e salame sbriciolato e soffritto.

6) Scelta della padella

La padella perfetta per la cottura della frittata è antiaderente e con il fondo spesso, del diametro di 24 cm per 8 uova, o di 16 cm per 4 uova.

7) Cottura: in padella o al forno?

Come da tradizione, la frittata si cuoce rigorosamente in una padella leggermente unta con un filo di olio. Quando l’olio comincerà a sfrigolare, abbassare la fiamma e versare in padella le uova sbattute.

Coprire la padella con un coperchio e cuocere a fuoco basso per 3-10 minuti; quando le uova cominceranno a rassodarsi, scuotere la padella avanti e indietro, per evitare che la frittata si attacchi al fondo della padella.

Alcune ricette, per ottenere una variante “light” della frittata, optano per la cottura in forno tradizionale, evitando così il problema del “rigiro in padella” ma richiedendo, tuttavia, più tempo di cottura (saranno necessari quasi 40 minuti).

8) Incisione

Per cuocere perfettamente la frittata in padella, è consigliabile fare delle incisioni con un cucchiaio di legno sulla superficie durante la cottura, in modo da far penetrare in profondità il composto ancora crudo.

9) Girata

Quando le uova si saranno rassodate e i bordi saranno leggermente dorati, arriva il momento topico: girare la frittata senza romperla. Coloro che si sentono sicuri di sè (e del proprio polso), possono tentare di girare la frittata facendola scivolare su un coperchio dello stesso diametro della padella e riversandola di nuovo nella padella. Questa operazione deve essere fatta in modo “rapido e indolore”, per evitare che la frittata si rompa.

Per i meno temerari, è possibile girare la frittata usando due palette.

Una volta girata, cuocere la frittata per altri 5-6 minuti.

10) Servire

La frittata va servita rigorosamente calda, tagliata a fette o intera. A me piace mangiarla anche il  giorno dopo, fredda o riscaldata per qualche minuto al microonde.

Frittatensuppe

Frittatensuppe
Frittatensuppe

Frittatensuppe

La frittatensuppe è un piatto di origine austriaca che, in realtà, non è altro che una

crespella tagliata a striscioline e immersa nel brodo di carne (di pollo o di manzo o

vegetale, in base alle vostre preferenze).

In Austria viene servita come antipasto, e io l’ho mangiata proprio a Vienna, la

notte di Capodanno, facendo seguire da un abbondante secondo piatto composto

da ribs di maiale e patatine fritte.

In Austria, la tradizione vuole che il Natale si festeggi la sera del 24 dicembre con

una grande cena che inizia sempre con una buona zuppa (la frittatensuppe va

per la maggiore, ma è molto gettonata anche la zuppa di gnocchetti e/o la zuppa

di canederli), prosegue con la portata principale (oca farcita o carpa servita con

verdure) e termine con biscotti di Natale e fette di torta Sacher.

Dite la verità: state pensando di trascorrere il 24 dicembre a Vienna e poi tornare

in Italia il 25 mattina, vero?!?!
Stasera ho voluto preparare questa frittatensuppe qui a casa, per riportare alla

mente quei giorni magici a cavallo del nuovo anno…

E voi? La preparate con me? Vi consiglio di non consumarla come

antipasto ma mangiarla direttamente come secondo piatto, accompagnandola

con una dose abbondante di crostini da inzuppare nel brodo.

 

(altro…)

Gateau di patate

Gateau di patate
Gateau di patate

Gateau di patate

Il Gateau di patate è un delizioso tortino a base di patate e prosciutto, adatto da servire ai vostri ospiti come aperitivo finger food (basta tagliarlo a quadrotti o piccoli spicchi), da portare come pranzo nelle gite domenicali o, come ho fatto io, da preparare e mangiare in più volte, riscaldando la porzione prescelta al forno a microonde poco prima di consumarla.
Una ricetta facile ed economica, perfetta quando si hanno delle patate un po’ vecchiotte in casa; mia madre, quando non ha in casa il prosciutto cotto, lo sostituisce con una decina di acciughe, ottenendo così un tortino più saporito ma che, secondo me, mal si presta ad essere consumato per più giorni perché il sapore delle acciughe, diversamente dal prosciutto cotto che è più delicato, dopo 2 volte che viene mangiato di seguito, annoia il palato. E voi, come fate il Gateau di patate??

 

Ingredienti:

800 gr di patate
100 gr di prosciutto cotto
125 gr di mozzarella
2 uova
3 cucchiai di parmigiano grattugiato
1/2 bicchiere di latte
2 cucchiai di burro
2 cucchiai di pangrattato
Sale, pepe

 

 

Preparazione:

Lavare e pelare le patate.
Riempire una pentola d’acqua, portarla a ebollizione e lessar i tutte le patate eccetto una (piccola), che servirà per il topping del tortino.
Scolare e le patate e schiacciarle con una forchetta (o uno schiacciapatate).
Tagliare le mozzarella a cubetti.
Preriscaldare il forno a 180 gradi.
In una ciotola, unire le patate schiacciate, il burro, il parmigiano, le uova, il latte e mescolare bene.
Rivestire una tortiera di carta forno e adagiarvi meta’ del composto di patate.
Sopra lo strato di patate, stendere le fette di prosciutto, i cubetti di mozzarella e l’altra metà delle patate.
Tagliare a fettine sottili la patata avanzata e disporre le fette sulla superficie del tortino, insieme a qualche giochetto di burro e una spolverata di pangrattato.
Cuocere in forno caldo a 180 gradi per 40 minuti, poi altri 5 minuti con funzione grill.
Sfornare e far raffreddare prima di servire.

Frittata di fagiolini

Frittata di fagiolini
Frittata di fagiolini

Frittata di fagiolini

Un’idea facile per un secondo piatto economico e ricco di gusto: due uova e una manciata di fagiolini freschi per una cena veloce e low cost… Cosa si può volere di più??

La frittata è una ricetta “povera” della cucina piemontese, preparata originariamente con uova sbattute, parmigiano grattugiato, sale pepe e erbe aromatiche (la cd. frittata di rognone).

Oggi la frittata è sovente arricchita con gli ingredienti più svariati: cubetti di prosciutto cotto o di pancetta, funghi, carciofi, gamberetti, tonno, patate, spinaci, ecc.

Io ho usato i fagiolini freschi ma voi potete usare quelli surgelati, avendo cura di cuocerli precedentemente in padella o di lessarli in una pentola con acqua bollente.

Ulteriormente, potete servire questa frittata come happy hour ai vostri ospiti, tagliandola a quadrotti e creando una sorta di “tortilla” spagnola.. che ne dite?!

 

Ingredienti per una frittata:

150 gr di fagiolini freschi

2 uova

1 cucchiaio di parmigiano grattugiato

olio extravergine di oliva q.b.

Sale, pepe nero

 

 

Procedimento:

Lavare i fagiolini e tagliarne le estremità.

Se usate i fagiolini surgelati, cuoceteli in padella con un cucchiaio di olio extravergine di oliva, uno spicchio di aglio e un bicchiere d’acqua.

Una volta cotti, lasciare raffreddare i fagiolini a temperatura ambiente.

In una ciotola, sbattere le uova con il parmigiano grattugiato, un pizzico di sale e una spolverata di pepe nero.

Aggiungere anche i fagiolini freddi e mescolare bene.

Versare un filo di olio extravergine di oliva in una padella antiaderente e scaldarlo.

Quando l’olio sarà caldo, versarvi il composto di uova e fagiolini e cuocere a fuoco medio, girando la frittata sull’altro lato a metà cottura (aiutatevi con un coperchio).

Se non ve la sentite di “rigirare” la frittata, potete optare per la cottura in forno (180° per 30-35 minuti).

Servire la Frittata di fagiolini calda, intera o tagliata a spicchi.