Happy hour

Chips di patate

Chips di patate
Chips di patate

Chips di patate

Non c’è essere umano che non ami le patatine! Io adoro sgranocchiarle per l’aperitivo, accompagnate da uno Spritz e una manciata di noccioline.

Le Chips di patate sono sfoglie di patate fritte, croccanti e saporite, ideali da servire come happy hour.

Io non ho aromatizzato le Chips ma voi, se preferite, potete spolverarle con pepe nero macinato, peperoncino piccante macinato, paprika piccante, pepe rosa e/o lime grattugiato, proprio come le patatine in vendita al supermercato.

In aggiunta, se volete far rimanere i vostri ospiti a bocca aperta, vi consiglio una ricetta provata in una steakhouse romana: chips di patate servite con una spolverata di formaggio pecorino grattugiato e pepe nero, una vera bontà! Una sorta di patatine cacio e pepe, insuperabili!

Io ho fritto le Chips di patate in olio bollente ma voi, se volete un risultato finale più light, potete cuocerle nel forno tradizionale (a 200 gradi per 20 minuti, girandole a metà cottura) o al microonde (a 800 watt per 4-5 minuti).

 

Ingredienti:

3 patate medie

olio di semi per friggere

sale fino q.b.

pepe nero macinato, paprika in polvere, pepe rosa macinato, lime grattugiato (facoltativo)

 

 

Procedimento:

Lavare le patate e asciugarle bene.

Tagliare le patate molto finemente, senza privarle della buccia, aiutandovi con una mandolina. Più le patate saranno sottili e più saranno croccanti.

Asciugare ogni fetta di patata con un foglio di carta assorbente, in modo da eliminare bene l’acqua.

Versare l’olio di semi in una padella e scaldarlo a fiamma media.

Quando l’olio comincerà a friggere, immergervi delicatamente le fette di patate.

Cuocere le patate fino a doratura, poi scolarle con una schiumarola e adagiarle su un foglio di carta assorbente.

Non disporre le patate cotte “l’una sull’altra” ma ben distanziate, in modo da far assorbire l’olio dalla carta.

Spolverare le patate con un pizzico di sale fino (o pepe nero macinato, peperoncino macinato, paprika piccante, a vostra scelta).

Procedere in questo modo con tutte le altre fette di patate.

Servire le Chips di patate tiepide, accompagnate con cucchiaiate di salsa ketchup, maionese, senape, salsa yogurt, salsa rosa.

 

 

Crocchette di pecorino con besciamella

Crocchette di pecorino con besciamella
Crocchette di pecorino con besciamella

Crocchette di pecorino con besciamella

Una ricetta perfetta per un happy hour sfizioso o per una cena super slurp!

Crocchette preparate con patate, formaggio pecorino grattugiato, prosciutto crudo e funghi trifolati, bagnate con besciamella (già so che farete la scarpetta 😉).

Una ricetta semplicissima e anche low cost; io per comodità ho usato la besciamella confezionata ma voi potete anche realizzarla a casa con farina, latte e noce moscata, che bontà!

 

 

Ingredienti per 10-12 crocchette:

200 gr di patate
6 cucchiai di pecorino grattugiato
2 fette di prosciutto crudo
50 gr di funghi trifolati
2 uova
Pangrattato q.b.
Farina q.b.
Sale, pepe nero macinato
Besciamella q.b.

 

 

Procedimento:

Riempire una pentola d’acqua e portarla a ebollizione per lessarvi le patate con la buccia.

Dopo 25-30 minuti, scolare le patate e lasciarle raffreddare a temperatura ambiente.

Una volta fredde, pelare le patate e schiacciarle con i rebbi di una forchetta (o con uno schiacciapatate, in base alle vostre disponibilità).

Unire alle patate schiacciate il formaggio pecorino grattugiato, i funghi trifolati, il prosciutto crudo tagliato a pezzettini, un pizzico di sale, una spolverata di pepe nero macinato e un uovo, quindi mescolare bene il tutto per ottenere un composto omogeneo.

Sbattere un uovo in un piatto.

Con le mani, formare tante palline con il composto di patate, quindi passarle prima nella farina, poi nell’uovo sbattuto e infine rotolarle nel pangrattato (vi consiglio di realizzare delle crocchette non troppo piccola ma poco più grandi delle classiche olive all’ascolana).

Riempire una padella di olio per friggere e, quando comincia a sfrigolare, tuffarvi le crocchette per cuocerle fino a doratura.

Nel frattempo, versare la besciamella in un pentolino e scaldarla a fuoco basso.

Una volta cotte, scolare le crocchette e adagiarle su un foglio di carta assorbente per far perdere loro l’olio in eccesso.

Servire le crocchette ben calde, insieme alla besciamella calda.

Pomodori ripieni freddi

Pomodori ripieni freddi
Pomodori ripieni freddi

Pomodori ripieni freddi

Una ricetta facile che non richiede neanche l’utilizzo di fornelli: eh si, avete sentito/letto proprio bene, né forno né gas, una vera magia!!!!!

Pomodori ripieni freddi, un’idea sfiziosa per un simpatico aperitivo o antipasto da servire ai vostri ospiti, ma anche un contorno perfetto per secondi piatti di pesce non troppo elaborati.
Io ho farcito i pomodori con tonno al naturale (va bene anche il tonno sott’olio, in base ai vostri gusti), maionese, carciofini sott’olio e capperi sotto sale, ma voi potete aggiungere e/o sostituire gli ingredienti a vostro piacimento (es. uova sode, carote a julienne, cubetti di prosciutto cotto, gamberetti in salamoia, carne macinata, ecc.), facendovi guidare dalla vostra fantasia perché, come dico sempre, è la fantasia l’ingrediente principale di ogni ricetta, e non il budget a disposizione!

Io adoro le verdure ripiene e le considero un piatto così facile e “comodo” che le faccio sempre in porzioni abbondanti, in modo da poterle consumare in più volte e magari portarle anche in ufficio per pranzo, così da suscitare l’invidia (bonaria) di tutti i colleghi.

Altre ricette di pomodori farciti le trovate ai seguenti link:

 

Ingredienti:

4 pomodori maturi da insalata
100 gr di tonno al naturale (o sott’olio, in base alle vostre preferenze)
4 carciofini sott’olio (interi o già tagliati)
4 cucchiaini di maionese
Una manciata di capperi sotto sale
Qualche foglia di prezzemolo fresco

 

Procedimento:

Lavare i pomodori e svuotarli dal loro ripieno con l’aiuto di un cucchiaio.
In una ciotola unire il tonno, la maionese, qualche foglia di prezzemolo tritata, il ripieno dei pomodori, i carciofini sgocciolati e tagliati a pezzetti e una manciata di capperi.
Mescolare bene per amalgamare tutti gli ingredienti.
Farcire i pomodori e servire subito oppure riporre in frigorifero fino al momento del servizio.

Pomodori ripieni di cous cous

Pomodori ripieni di cous cous
Pomodori ripieni di cous cous

Pomodori ripieni di cous cous

Una ricetta facile che potete servire ai vostri ospiti come aperitivo, come antipasto o come contorno durante una cena estiva.

Un piatto gustoso e saporito che riporta la mente ai sapori della Sicilia, grazie alla presenza del cous cous e delle melanzane; io ho usato solo questi due ingredienti ma voi potete aggiungere capperi, olive nere denocciolate, filetti di acciughe sotto sale ecc. incrementando così il gusto del vostro piatto.
Pochi e semplici ingredienti che, mescolati, danno vita ad un piatto delizioso e colorato che mette subito di buon umore.

Ci credete?

 

 

Ingredienti:
3 pomodori grandi
100 gr di cous cous precotto
200 ml di acqua calda
1 cucchiaino di curcuma
Olio extravergine di oliva q.b.
1/2 melanzana
Qualche foglia di prezzemolo fresco
Uno spicchio di aglio
Sale, peperoncino macinato

 

 

 

Procedimento:

Lavare e svuotare tre pomodori dal loro riempimento, mettendo quest’ultimo da parte.

Adagiare i pomodori sul piatto crisp del microonde e cuocerli per 6-7 minuti alla max potenza, funzione microwave.

Sfornare i pomodori e lasciarli intiepidire.

Nel frattempo, lavare e tagliare la melanzana a cubetti.

In una padella antiaderente, rosolare uno spicchio di aglio con un filo di olio poi aggiungere le melanzane a cubetti e una spolverata di peperoncino piccante macinato e cuocere per 4-5 minuti.

Quando le melanzane saranno morbide, spegnere il fuoco e lasciarle intiepidire.

Ora preparare il cous cous.

Versare il cous cous precotto in una ciotola e condirlo con un cucchiaino di curcuma e un filo di olio extravergine di oliva.

Aggiungere l’acqua calda e coprire la ciotola con la pellicola trasparente.

Dopo 2 minuti, il cous cous è pronto, quindi rovesciarlo su un vassoio e separare i chicchi con una forchetta.

Unire le melanzane, qualche foglia di prezzemolo tritata e il ripieno dei pomodori al cous cous e mescolare bene per far insaporire.

Farcire ora i pomodori e servire subito oppure ripassare per 1 minuto al microonde, in modo da gustare i pomodori caldi.

Focaccia alta e soffice

Focaccia alta e soffice
Focaccia alta e soffice

Focaccia alta e soffice

Durante questa quarantena ho sperimentato varie ricette ma quella che ho più apprezzato è stata quella di questa Focaccia alta e soffice.

Si prepara velocemente con e senza Bimby ed è perfetta per una cena a base di salumi e formaggi, oppure per un aperitivo tra amici.

L’ingrediente fondamentale è il rosmarino, che profuma la focaccia e la rende così appetitosa da poter essere mangiata anche da sola.

Ho trovato varie ricette di focacce in giro per il web (con olio evo, con latte, con olio di semi, ecc) ma, a mio avviso, la cosa fondamentale per una perfetta lievitazione è l’utilizzo di acqua calda nell’impasto.

E voi? Beh, ecco la mia ricetta, provatela e fatemi sapere!

 

Ingredienti:

350 gr di farina di grano tenero tipo 0

1 cubetto di lievito di birra

sale q.b.

mezzo cucchiaino di zucchero

50 ml di olio extravergine di oliva

210 ml di acqua calda

rosmarino fresco q.b.

 

 

Procedimento:

Versare nel Bimby l’acqua, il cubetto di lievito di birra, lo zucchero e l’olio, quindi frullare a vel. 6 per 30 secondi.

Aggiungere la farina e il sale e impastare a vel. 6 per 1 minuto e poi a Spiga per 1 minuto.

Sistemare il panetto ottenuto in una ciotola capiente, coprirlo con la pellicola trasparente e lasciarlo lievitare in luogo caldo (io nel forno spento) per almeno 2 ore.

Al termine delle 2 ore, l’impasto avrà raddoppiato di volume!

Ungere una teglia tonda con un filo di olio e stendere l’impasto lievitato con le mani.

Lasciare lievitare l’impasto nella teglia per 1 ora.

Ultimata questa seconda lievitazione, preriscaldare il forno a 180°.

Fare dei buchi sulla focaccia con i polpastrelli.

Spennellare la superficie della focaccia con un filo di olio e cospargerla di rosmarino fresco e sale grosso.

Cuocere la focaccia in forno caldo per circa 25 minuti (fino a doratura).

Sfornare e servire la Focaccia alta e soffice calda calda oppure tiepida, già tagliata a quadrotti.

 

 

Girelle al salame

Girelle al salame
Girelle al salame

Girelle al salame

Queste girelle sono degli stuzzichini semplici e veloci, ideali da servire come aperitivo agli ospiti o in occasione di feste.

Una ricetta facile, veloce, economica, per fare un figurone con gli amici e arricchire il vostro buffet con una spesa minima!

Volendo stare attenta alla linea, ho preparato la pasta sfoglia in casa, seguendo una ricetta che non prevede l’uso di burro e/o margarina (solo farina, acqua e sale), ma voi, se avete poco tempo a disposizione, potete usare direttamente la pasta sfoglia confezionata, in vendita al supermercato.

Per il ripieno delle girelle ho scelto il salame spianata ma, se non lo preferite, potete optare per fette di prosciutto crudo, prosciutto cotto, pancetta.

 

 

Ingredienti:

500 gr di farina 00

10 gr di sale

150 gr di acqua tiepida

120 gr di salame (io ho usato il salame spianata)

1 uovo

 

 

Procedimento:

Disporre la farina a fontana su una spianatoia e fare un buco al centro.

Sciogliere 10 gr di sale in 150 ml di acqua tiepida.

Versare l’acqua nel buco fatto al centro della farina e cominciare a impastare con le mani.

L’obiettivo è ottenere un panetto compatto, liscio ed elastico.

Coprire il panetto con un canovaccio e riporlo in frigorifero a riposo per almeno 30 minuti.

Trascorso il tempo di riposo, prendere il panetto dal frigo e stenderlo su una spianatoia infarinata con l’aiuto di un mattarello.

Coprire la pasta con le fette di salame e avvolgerla sul ripieno, chiudendo bene i bordi.

Tagliare il rotolo a fette.

Preriscaldare il forno a 200 gradi e rivestire una teglia di carta forno.

Adagiare le girelle sulla teglia rivestita.

Rompere un uovo in un piatto, sbatterlo e usarlo per spennellare le girelle.

Cuocere in forno caldo a 200° per circa 15 minuti o fino a doratura.

Sfornare le Girelle al salame e farle raffreddare prima di servire.

Gamberi in pastella di cornflakes

Gamberi in pastella di cornflakes
Gamberi in pastella di cornflakes

GAMBERI IN PASTELLA DI CORNFLAKES

Avendo fatto la primina, sono sempre stata la più piccola fra le mie amiche, l’ultima ad aver compiuto gli agognati 18 anni, quella che “deve ancora crescere“.

Con la mia amica Rosa, invece, è diverso: io sono “la grande”, mentre lei è come se fosse la mia sorellina da coccolare, quella che quando racconta una cosa, ti fa pensare “Ah bei tempi, quando succedeva anche a me!”, quella che ti dice: “Quando esci dal lavoro, mi accompagni alla presentazione di un libro perché vorrei conoscere l’autore e dirgli che le sue parole mi emozionano sempre?” (e tu pensi “E secondo te sarai l’unica a dirglielo?” ma poi ti guarda con quello sguardo ingenuo e trasognato, tipico dei ventenni, e tu non puoi fare altro che riporre nel dimenticatoio il tuo commento sarcastico e rispondere “Certo! Esco per le 18 e ti raggiungo in libreria!”), quella che mi ha fatto assaggiare uno dei miei piatti preferiti, e che vi racconto in questa ricetta.

A Rosa, ricordando una serata invernale in cui, nonostante piovesse a dirotto, appena ci siamo incontrate mi hai abbracciata così a lungo dimenticandoci quasi dell’ombrello..

Ingredienti per 1 porzione:

10-12 gamberi

80 gr di cornflakes

50 gr di pane grattugiato

140 ml di acqua frizzante fredda

1 uovo

sale, pepe nero

salse di accompagnamento (ketchup, maionese, senape)

Procedimento:

Pulire i gamberi privandoli della testa e del carapace.

Versare i cornflakes nel bicchiere del mixer e frullarli.

In un piatto, unire il pane grattugiato con i cornflakes frullati.

In un piatto, sbattere l’uovo con un pizzico di sale e uno di pepe nero macinato.

Passare i gamberi prima nell’uovo poi nel mix di pane grattugiato e cornflakes.

Riempire una pentola di olio e, quando sarà bollente, friggervi i gamberi fino a doratura.

Scolare e adagiare su un foglio di carta assorbente.

Servire caldi, accompagnando con salsine varie (ketchup, maionese, senape).

Torta zucchine e provola

Torta zucchine e provola
Torta zucchine e provola

Torta zucchine e provola

Una ricetta per una torta salata perfetta da servire ai vostri amici come antipasto finger food: due dischi di pasta sfoglia che racchiudono un ripieno di zucchine, provola, uova e parmigiano  grattugiato… Una vera delizia!
Io ho usato la provola affumicata ma può essere sostituita  tranquillamente con mozzarella fiordilatte, ricotta, caciotta, formaggio galbanino, ecc.

Ingredienti:

2 dischi di pasta sfoglia (io ho usato la pasta sfoglia Buitoni)
4 zucchine
200 gr di provola
2 uova
1 spicchio di aglio
olio extravergine di oliva q.b.
parmigiano grattugiato q.b.
sale, pepe

Procedimento:

Lavare e tagliare le zucchine a cubetti.
In una padella, rosolare uno spicchio d’aglio con un filo di olio extravergine di oliva.
Quando l’aglio comincerà a sfrigolare, aggiungere le zucchine e cuocere per una decina di minuti, fino a farle appassire leggermente.
Una volta cotte, spegnere il gas e trasferire le zucchine in un piatto.
Nel frattempo, preriscaldare il forno a 200 gradi e rivestire una teglia tonda di carta forno.
Adagiare uno dei dischi di pasta sfoglia all’interno della teglia, cercando di far aderire bene i bordi della sfoglia al bordo della teglia.
Bucare la superficie della sfoglia con i rebbi di una forchetta.
Tagliare la provola a cubetti.
Rompere le uova in un piatto e sbatterle con una forchetta.
Aggiungere alla uova sbattute due cucchiai di parmigiano grattugiato, un pizzico di sale e una spolverata di pepe nero, quindi mescolare.
In una ciotola, unire le uova sbattute, la provola a cubetti e le zucchine, mescolando per amalgamare bene gli ingredienti.
Trasferire il composto ottenuto nella teglia con la pasta sfoglia.
Ricoprire con il secondo disco di pasta sfoglia, sigillando bene i bordi e praticando dei forellini sulla superficie della torta rustica con i rebbi di una forchetta.
Cuocere la torta rustica in forno caldo a 180 gradi per 25-30 minuti, fino a doratura della superficie.
Servire la Torta zucchine e provola tiepida, intera o tagliata a fette.

Pizzette rustiche

Pizzette rustiche
Pizzette rustiche

Pizzette rustiche

Alzi la mano chi non ama le pizzette rustiche di pasta sfoglia: nessuno, lo sapevo!

A Roma, le pizzette migliori sono quelle dell’antico forno di Trastevere Roscioli, preparate con un impasto a base di farina, burro, acqua e sale, condite con pomodori pelati e origano.

La cosa che adoro di più? Scendere dal tram a Largo Argentina la domenica mattina e addentrarmi tra le viuzze di Trastevere, tra i negozi di artigianato, passeggiare tra le bancarelle del mercato a Campo de’ Fiori e infine concludere con l’acquisto di una manciata di pizzette di pasta sfoglia da Roscioli.

Questo è il riassunto delle mie domeniche primaverili.

Il profumo di queste pizzette, la fragranza, sono una vera droga per me!

Mi piace prepararle quando ho degli ospiti a cena e servirle come antipasto: in realtà, cerco sempre di sfornarle appena gli ospiti arrivano, in modo da evitare di mangiarle tutte io lasciando agli altri solo gli avanzi.

Oggi ho resistito, ma giusto per il tempo di scattare la foto!

Per la preparazione, ho usato la pasta sfoglia confezionata ma voi, se avete tempo e voglia di mettervi all’opera, potete prepararla con le vostre mani, scegliendo tra un impasto con/senza burro.

 

 

Ingredienti:

1 rotolo di pasta sfoglia rettangolare

200 ml di salsa di pomodoro

Origano, sale

 

 

Procedimento:

Preriscaldare il forno a 200 gradi.

Stendere la pasta sfoglia su una spianatoia leggermente infarinata.

Con l’aiuto di una formina circolare (io ho usato una tazzina da caffè), ritagliare dei dischi dalla pasta sfoglia.

Rivestire una teglia di carta forno e adagiarvi i dischetti.

In un piatto fondo, versare la salsa di pomodoro e condirla con un pizzico di sale e una spolverata di origano.

Distribuire la salsa al pomodoro su ogni dischetto.

Cuocere in forno caldo a 200 gradi per 10 minuti o fino a quando le pizzette non saranno dorate e si saranno leggermente gonfiate.

Montanare

Montanare
Montanare

Montanare

Le Montanare, dopo la pizza, sono uno dei miei piatti preferiti della tradizione partenopea.

Croccanti pizzette condite con sugo e parmigiano, servite calde calde e ideali per l’aperitivo o per una cena economica e non impegnativa.

La ricetta classica prevede un condimento di sugo e parmigiano ma, se volete, potete optare per provolone e prosciutto crudo, oppure burrata e alici, o addirittura verdure grigliate.

Insomma, quello che più preferite!

 

Ingredienti per 15 montanare:

500 g di farina 0

10 g di sale

1/2 bustina di lievito istantaneo Pane Angeli

1 cucchiaino di zucchero

300 ml di acqua

1 cucchiaio di olio extra vergine di oliva

500 ml di salsa di pomodoro

parmigiano grattugiato qb

 

Procedimento:

Cominciare con l’impasto per la pizza.
In una ciotola versare la farina, lo zucchero, il sale e il lievito istantaneo.
Aggiungere man mano l’acqua calda e l’olio extravergine di oliva e cominciare ad impastare.
Impastare per qualche minuto fino ad ottenere un palla morbida ed elastica.
Trasferire l’impasto su una spianatoia infarinata e suddividerlo in 15 palline di uguali dimensioni.
Stendere con le mani le palline per ottenere delle pizzette tonde.
Lasciare riposare le pizzette per almeno 30 minuti.
Nel frattempo, versare la salsa di pomodoro in una ciotola e condirla con un pizzico di sale e un filo di olio extravergine di oliva.
Versare l’olio di semi di arachidi in una padella e scaldarlo.
Quando l’olio comincerà a sfrigolare, tuffarvi un paio di pizzette e cuocerle fino a doratura.
Scolare le pizzette e adagiarle su un foglio di carta assorbente, quindi procedere con la cottura delle altre pizzette.
Condire le pizzette con la salsa di pomodoro e una spolverata di parmigiano grattugiato.
Servire le Montanare calde calde. Buona cena!

 

1 2 3 11