Crea sito

PESTO DI RUCOLA

PESTO DI RUCOLA – Ricetta di Piero Benigni – È una salsa a crudo molto delicata, ottima per condire la pasta, le lasagne, la verdura cotta, il pesce , la carne e altro ancora. Permette inoltre di preparare tartine, tramezzini e sandwich. È profumata e saporita, con un leggero retrogusto amaro.

Si può fare con la rucola coltivata o con quella selvatica, che dà un gusto amarognolo leggermente più sensibile; si può usare solo rucola oppure aggiungere una piccola parte di basilico per evidenziare profumo e sapore; si può infine fare con i pinoli o con le mandorle.

Quella che vi presento è una mia ricetta, fatta con la rucola coltivata venduta già lavata, una piccola parte di basilico e le mandorle sbucciate e pelate. Vediamo come si prepara.

Pesto di rucola
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Porzioni4
  • Metodo di cotturaSenza cottura
  • CucinaItaliana

Ingredienti per 4 persone

  • 60 grucola
  • 10 gbasilico
  • 30 gGrana Padano DOP
  • 20 gpecorino
  • 100 golio di oliva
  • 30 gmandorle pelate
  • 1 pizzicosale
  • 1/2 spicchioaglio

Per il pesto di rucola vi serviranno

  • Frullatore a immersione
  • Vasetto
  • Bilancia
  • Grattugia

Preparazione

Ricetta di Piero Benigni

Io ho usato rucola venduta già lavata in confezione sigillata. Se volete usare di quella sfusa o selvatica, lavatela bene sotto l’acqua corrente, fatela scolare poi mettetela su un canovaccio pulito e asciugatela con cura con qualche foglio di carta da cucina. Preparate nello stesso modo anche il basilico.

Meglio se alla fine la lasciate per qualche tempo sparsa su un altro canovaccio asciutto, muovendola ogni tanto per far evaporare l’umidità. Nel frattempo potrete grattare e pesare il grana e il pecorino, che devono essere di qualità e stagionati. Evitate i formaggi venduti già grattati.

Quando la rucola sarà ben asciutta mettetela insieme al basilico dentro al contenitore dove frullerete la salsa. Io uso un barattolo per preparazioni di credenza con l’apertura abbastanza grande da far passare la testa del pimer. In questo modo alla fine non devo travasare niente: mi basta chiudere col coperchio e mettere in frigo.

Versate nel barattolo l’olio pesandolo, poi frullate fino ad avere una crema omogenea. Aggiungete gli altri ingredienti cioè aglio, mandorle, formaggi e un pizzico di sale. Frullate ancora, pulite la testa del pimer con un pennello e la salsa è pronta.
  1. Pesto di rucola

    Il vasetto in cui frulleremo il pesto permette l’entrata della testa del pimer. Qui si vede con dentro rucola, basilico e olio.

  2. Pesto di rucola

    Grana e pecorino grattati nella stessa scodella. Dopo aver frullato erbe e olio, verranno aggiunti nel vasetto insieme a mandorle, sale e aglio.

  3. Un appetitoso piatto di trenette al pesto di rucola!

Quando volete utilizzare il pesto per condire la pasta, scolatela bene e passatela su una zuppiera, quindi aggiungete il pesto, un po’ d’olio di oliva e girate bene. In genere si serve con altro formaggio a disposizione.

La salsa si conserva in frigorifero per qualche giorno dopo averci versato un po’ d’olio in superficie per proteggerla. Si può congelare senza problemi e dura sei mesi nel freezer, ma non si può pastorizzare perché perderebbe ogni profumo. Qui sotto trovate il link di questo pesto e di quello alla genovese.

Link utili per il pesto di rucola e altri

PESTO DI RUCOLA

PESTO ALLA GENOVESE

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.