Linguine al pesto genovese

Linguine al pesto genovese

Kcal 534 a persona

Il pesto è un condimento tradizionale tipico originario della Liguria e io amo tantissimo preparare le linguine al pesto genovese, perché ritengo sia il tipo di pasta più adatto per questo condimento.

Quando preparo questo piatto, a casa sono tutti felici perché, soprattutto i miei figli adorano il pesto genovese.

Il suo ingrediente base è il basilico o più specificamente  il Basilico genovese.

Oltre al basilico, vengono pestati a crudo pinoli e aglio, il tutto condito con parmigiano reggiano e olio extravergine di oliva.

Naturalmente al giorno d’oggi si va sempre di corsa e il pesto lo possiamo fare facendoci aiutare da un robot da cucina che lo frulla a dovere, ma se abbiamo un po’ più di tempo, possiamo pestare il tutto in un mortaio e il risultato sarà sicuramente eccellente.

Linguine al pesto genovese

Ingredienti per 4 persone

– 400 gr di linguine

– 80 gr di parmigiano

Pesto

– 100 gr. di basilico

– 50 gr. di prezzemolo

– 50 gr. di pinoli

– 50 gr. di burro

– 3 cucchiai di olio extravergine di oliva

– 70 gr di parmigiano reggiano

– 1 aglio

– sale

Linguine al pesto genovese

Preparazione

Per prima cosa prepariamo il pesto, prendiamo il robot da cucina e mettiamo dentro tutti gli ingredienti, facciamo frullare alla massima velocità.

Se il composto risulta troppo secco aggiungete burro o olio e se è troppo liquido mettere più parmigiano.

Il composto comunque dovrà risultare molto morbido ma non liquido.

Mettere a bollire un tegame con l’acqua e salarla, quando andrà in ebollizione mettere le linguine.

A fine cottura, scolare la pasta, aggiungere il composto del pesto e mescolate bene la pasta.

Mettete nei piatti e servite con una spolverata di parmigiano.

Se di pesto ve ne avanzerà un po’, potrete conservarlo in frigo per 2-3 giorni, oppure metterlo in congelatore.

Seguitemi su Facebook Pinterest Twitter G+ Instagram Youtube

Se volete restare aggiornati iscrivetevi alla newsletter

Precedente Torta soffice con marmellata di pesche Successivo Masseria Zinni

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.