Crea sito

Crispelle o zeppole di riso catanesi senza lievito

Le crispelle o zeppole di riso catanesi senza lievito sono un dolce delizioso tipico, nella mia terra d’appartenenza, della festa di San Giuseppe.

La ricetta che condivido con voi é quella della mia mamma, messa a punto nel corso degli anni con tanto di idee preziose che ne facilitano la preparazione, fino alla chicca finale per ottenere la croccantezza che ci si aspetta da questo dolce.

Otterrete delle crispelle consistenti al morso, che non odorano di lievito, che non si aprono in fase di frittura, insomma buonissime al pari delle crispelle preparate con dedizione da generazioni di mamme della provincia catanese.

Una ricetta perfetta é per chi ama la cucina un autentico tesoro e io oggi la dono a voi.

Crispelle o zeppole di riso catanesi senza lievito
  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione40 Minuti
  • Tempo di riposo12 Ore
  • Tempo di cottura3 Minuti
  • Porzioni12
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana
313,22 Kcal
calorie per porzione
Info Chiudi
  • Energia 313,22 (Kcal)
  • Carboidrati 64,30 (g) di cui Zuccheri 30,09 (g)
  • Proteine 6,73 (g)
  • Grassi 3,73 (g) di cui saturi 2,24 (g)di cui insaturi 1,39 (g)
  • Fibre 0,91 (g)
  • Sodio 133,67 (mg)

Valori indicativi per una porzione di 121 g elaborati in modo automatizzato a partire dalle informazioni nutrizionali disponibili sui database CREA* e FoodData Central**. Non è un consiglio alimentare e/o nutrizionale.

* CREA Centro di ricerca Alimenti e Nutrizione: https://www.crea.gov.it/alimenti-e-nutrizione https://www.alimentinutrizione.it ** U.S. Department of Agriculture, Agricultural Research Service. FoodData Central, 2019. https://fdc.nal.usda.gov

Ingredienti

Crispelle o zeppole di riso catanesi senza lievito

  • 400 griso Roma
  • 1100 mllatte
  • 4 gsale
  • 90 gzucchero
  • 40 gfarina di semola
  • scorza d’arancia (di due arance piccole)
  • 3 cucchiainicannella in polvere
  • 80 gfarina 00
  • q.b.zucchero a velo
  • 250 gmiele di arancio (o di acacia)

Strumenti

Crispelle o zeppole di riso catanesi senza lievito

Preparazione

Crispelle o zeppole di riso catanesi senza lievito

  1. Per preparare le crispelle o zeppole di riso catanesi, il giorno precedente di prima sera mettere a bollire il latte in un tegame dal fondo spesso, avente diametro di 22 cm.

    Raggiunta l’ebollizione, salare, versare il riso e abbassare poi la fiamma.

    Rigirando spesso portare a cottura lasciando il riso al dente.

    Alla fine il latte dovrà essere tutto assorbito.

    Se userete un tegame alto e stretto, considerate che avrete minore evaporazione dei liquidi, partire quindi da una quantità di latte minore e aggiungerne altro durante la cottura, se necessario.

    Versare subito il riso cotto in una capiente teglia e allargarlo per bloccare la cottura e farlo presto raffreddare.

    Quando sarà completamente freddo, lavorarvi bene la farina di semola.

    Coprire infine la teglia con pellicola e lasciar riposare a temperatura  ambiente tutta la notte.

    Crispelle o zeppole di riso catanesi senza lievitoCrispelle o zeppole di riso catanesi senza lievito

Crispelle o zeppole di riso catanesi senza lievito

  1. Crispelle o zeppole di riso catanesi senza lievito

    La mattina seguente aggiungere al riso la farina bianca setacciata, lo zucchero, la buccia di un’arancia grattugiata e un cucchiaino scarso di cannella e amalgamare.

    Quando avremo ottenuto un composto omogeneo e profumato, mettere 1 litro d’olio di arachidi a scaldare.

    Crispelle o zeppole di riso catanesi senza lievito

    Intanto in un tagliere piccolo, sistemare un paio di cucchiaiate di impasto e modellando con la lama bagnata di un coltello, formare un rettangolo largo circa 10 cm.

    Crispelle o zeppole di riso catanesi senza lievito

    Con un termometro  da cucina controllate di aver raggiunto la temperatura di 180 gradi.

    In ogni caso l’olio é pronto quando immergendovi il manico di un cucchiaio di legno, esso viene circondato da tante bollicine che salgono veloci in superficie.

    Mettete accanto a voi un bicchiere alto colmo d’acqua e bagnandovi spesso la lama del coltello, con essa realizzare dei cilindri tagliando un pò di riso dal rettangolo e facendolo rotolare direttamente giù nell’olio bollente.

    Consiglio che le crespelle siano lunghe 10 cm e larghe meno di 2 cm.

    Friggetene 3 alla volta, saranno pronte in circa due minuti.

    Appena buttate nell’olio, non movimentatele finché l’olio non le avrà rese più resistenti.

    Poi rigirare con schiumarola e fuoriuscire.

    Adagiare ben larghe su piatti ricoperti da carta assorbente a più strati.

    Realizzare una prima frittura lasciando le crispelle pallide.

    Se alcune si sono attaccate tra loro, staccarle appena si raffreddano.

    Crispelle o zeppole di riso catanesi senza lievito

    Quando finito, cambiare l’olio e riportandolo a temperatura, friggere nuovamente fino a raggiungere una bella doratura.

    Sarà possibile in questa fase friggere insieme anche 4 crispelle, ma attenzione a non far precipitare la temperatura mettendone troppe.

    Quest’operazione  sarà più veloce della precedente.

    Fare sempre raffreddare ben larghe su carta assorbente pulita.

Miele nelle Crispelle o zeppole di riso catanesi senza lievito

  1. Sciogliere a bagnomaria o a fiamma bassissima, il miele con la buccia di un’arancia grattugiata e mezzo cucchiaino di cannella.

    Sistemate le crespelle su un piatto da portata e al momento di servirle, cospargetele col miele ammorbidito.

    Spolverizzare le crespelle o zeppole di riso con zucchero a velo e cannella.

    Crispelle o zeppole di riso catanesi senza lievito

Conservazione

A temperatura ambiente, sotto una campana di vetro per un paio di giorni.

Consigli per gli acquisti

Termometro da cucina e Grattugia agrumi

Potrebbe interessarti anche ..

Ricetta originale cannoli siciliani.

Link sponsorizzati nella pagina

4,5 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.