Pizza parigina-ricetta napoletana

La pizza parigina è una ricetta napoletana, ed è un particolare tipo di pizza costituita da una base di pasta per pizza e una che va sopra di pasta sfoglia.

Questa pizza bella ricca (se siete a dieta scordatevela! ) è una vera “bomba” di bontà, che poi, di parigino non ha nulla, pare che  “Parigina” ossia ” pa’ regin’ ” deriverebbe da “pa’regin‘”, ossia “per la regina” in dialetto napoletano. Secondo la leggenda, sembra infatti che questa pizza sia stata preparata per la prima volta per omaggiare una sovrana del Regno delle Due Sicilie“.

Io per questa preparazione, per la pasta della pizza cioè, ho utilizzato la mia ricetta con pasta madre, se volete, ovviamente potete utilizzare la vostra e seguire il procedimento.

SEGUIMI ANCHE SU FACEBOOK: LAPASTICCERAMATTA

Pizza parigina-ricetta napoletana

Pizza parigina-ricetta napoletana

INGREDIENTI PER UNA TEGLIA GRANDE:

600 g di pasta per la pizza vedi QUI la mia ricetta

1 rotolo di pasta sfoglia rettangolare

200 g circa di passata di pomodoro

200 g di scamorza

100 g di prosciutto cotto

olio extra vergine di oliva

sale

origano q.b.

ESECUZIONE:

1) Per prima cosa preparare la pasta per la pizza, se volete seguire la mia io utilizzo lievito madre, la ricetta  → QUI.

2) Una volta che l’impasto è lievitato rovesciarlo sopra una spianatoia infarinata e allargarlo delicatamente con un mattarello dandogli la forma di rettangolo della grandezza della leccarda, ricoprire la teglia del forno con carta e disporvi sopra la pasta della pizza.

3) Preparare la salsa, condire in una ciotola la passata con un po’ di origano, l’olio evo e il sale e versarla sulla base di pizza, coprire con il prosciutto cotto  a fette sottili e la scamorza affettata.

4) Adesso allargare appena, ma proprio appena la pasta sfoglia e bucherellarla con i rebbi di una forchetta come vedete dalla foto, poi avvolgerla sul mattarello e appoggiarla sopra alla pizza, chiudere bene i lati e spennellare con latte e uovo in parti uguali, infornare a 190° per circa 10 minuti e abbassare a 180° per altri 20-25 minuti circa.

Se vedete che dopo 10 minuti la pasta sfoglia si alza, nonostante sia stata forata, aprite il forno e velocemente bucherellate un po’ qua e là!

 

(Visited 503 times, 1 visits today)
Precedente Ciambella salata al pesto e patate con uova di quaglia Successivo Girelle di tacchino ripiene di speck e crema di asparagi e scamorza

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.