Pandoro (anche Bimby)

Alzi la mano chi, sotto Natale, non sia stato colto almeno una volta dal famoso dilemma: pandoro o panettone?? Personalmente preferisco il pandoro, sin da piccola l’ho sempre amato rispetto al cugino panettone perché… odiavo i canditi! Ma ad ogni modo, Natale non sarebbe Natale senza pandoro o panettone, diciamo la verità.

Quella che vi propongo è la ricetta del pandoro che meglio mi è riuscita (perché lo ammetto, ne ho provate diverse prima di trovare quella giusta…). Intendo dire che con questa ricetta, presa sul web (abbiate pietà… non mi sono appuntata dove 😫😫😫) e leggermente modificata da me, otterrete un pandoro come quelli acquistati al supermercato. Con la differenza che sarà una grande, grandissima soddisfazione mangiarlo perché fatto in casa con le vostre mani!

CONSIGLIO: leggere per bene la ricetta e preparare anticipatamente tutti gli ingredienti (già pesati) prima di procedere. E’ altamente consigliato l’utilizzo della planetaria, ma possiamo procedere anche a mano con la giusta dose di pazienza.

pandoro

PANDORO
(ricetta con e senza Bimby)

INGREDIENTI per un Pandoro di circa 1 Kg
13 g di lievito di birra fresco
450 g di farina Manitoba
170 g di zucchero semolato
2 uova intere + 3 tuorli
200 g di burro
1/2 cucchiaino di essenza Vaniglia (o 1 bustina di vanillina)
1 cucchiaino scarso di sale
80 g di acqua tiepida

PROCEDIMENTO
Iniziamo con la preparazione del lievitino: in una ciotolina sciogliamo 10 g di lievito di birra in 60 g di acqua tiepida unitamente a 10 g di zucchero. Aggiungiamo 50 g di farina ed 1 tuorlo, mescoliamo per bene con una forchetta, copriamo con un panno e lasciamo lievitare il composto per una mezz’oretta (o comunque finché non avrà raddoppiato di volume).

Procediamo con il primo impasto: In un bicchiere di plastica, far sciogliere i restanti 3 g di lievito di birra (che equivale ad 1/8 di cubetto da 25 g) in 20 g di acqua tiepida. Nel frattempo, in una terrina setacciare 200 g di farina, aggiungere 50 g di zucchero, 1 uovo intero + 1 tuorlo, 30 g di burro a fettine e il lievito precedentemente sciolto. Aggiungere anche il lievitino. Amalgamare accuratamente, coprire e lasciar lievitare un’ora (finché l’impasto non avrà raddoppiato il suo volume).

Si passa al secondo impasto: Riprendiamo l’impasto e lavoriamolo velocemente con le mani per sgonfiarlo. Aggiungiamo 1 uovo intero + 1 tuorlo, 110 g di zucchero, la vanillina, 200 g di farina e un cucchiaino scarso di sale. Impastiamo di nuovo scrupolosamente il tutto e aggiungiamo man mano i rimanenti 170 g di burro, a fette. Continuiamo ad impastare finché non avremo ottenuto un composto liscio ed omogeneo. Lasciar riposare sul piano di lavoro per circa 30 minuti.

Con il Bimby:  

LIEVITINO: Inserire nel boccale 10 g di lievito di birra, 60 g di acqua, 10 g di zucchero: 1 min. 37° vel. 2/3. Aggiungere 1 tuorlo e 50 g di farina: 30 sec. vel. 4. Lasciar lievitare nel boccale fino al raddoppio del volume (circa mezz’ora).

PRIMO IMPASTO: Sciogliere 3 g di lievito di birra (1/8 di cubetto) in 20 g di acqua tiepida – possiamo usare un bicchiere di plastica. Versare nel boccale e aggiungere il lievitino, 1 uovo intero, 1 tuorlo, 30 g di burro a fettine, 50 g di zucchero e 200 g di farina: 30 sec. vel. 4 e 2 min. vel. Spiga. Lasciar lievitare nel boccale fino al raddoppio del volume (circa un’ora).

SECONDO IMPASTO: Sgonfiare l’impasto: 2 sec. Vel. Spiga, quindi inserire: 1 uovo intero, 1 tuorlo, 110 g di zucchero, la vanillina, 200 g di farina, un cucchiaino scarso di sale: 2 min. vel. Spiga. Poi impostare 2:30 min. vel. Spiga e, mentre impasta, inserire dal foro del coperchio, una fettina per volta, i 170 g di burro residuo. Poi, un altro volta terminato di inserire il burro, impastare ancora: 2:30 min. vel. Spiga. Verrà un impasto liscio ed omogeneo. Versarlo sul piano di lavoro e lasciarlo riposare circa mezz’ora mezzora.


Mentre il secondo impasto è in lievitazione, imburrare uno stampo da pandoro. Spianare l’impasto (non troppo) in modo da ottenere una forma rettangolare. Piegarlo in tre parti (come se fosse un depliant) e poi di nuovo in tre ma stavolta dall’altro lato, come se dovessimo formare una palla. Metterla nello stampo e lasciar lievitare dalle 9 alle 12 ore finché non avrà raggiunto il bordo dello stampo. L’ideale sarebbe posizionare lo stampo nel forno spento, al riparo da correnti d’aria e sbalzi di temperatura.

Una volta trascorso il tempo di lievitazione, procediamo con la cottura in forno statico a 180°C per i primi 10 minuti, poi abbassiamo la temperatura a 170°C per 30/40 minuti circa. Lo stampo va posizionato sulla griglia più bassa del forno, avendo cura di coprirlo con un foglio di carta forno o alluminio per non farlo bruciare. Una volta cotto, lasciamolo nel forno spento per ulteriori 10 minuti e poi sforniamo.

I tempi sono lunghi ma non lasciatevi scoraggiare perché ne vale assolutamente la pena: otterrete un Signor Pandoro a 5 stelle!

pandoro

*** Seguimi su Facebook per rimanere sempre aggiornato sulle mie ricette! ***

*** Tutti i miei DOLCI ***

Precedente Pasticcio di verza, riso e salsiccia Successivo Salsicce in umido con lenticchie (anche Bimby)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.