Trenette avvantaggiate

Trenette avvantaggiate o, come si dicono in dialetto genovese, “trenette avvantaggee”, sono un formato di pasta tipico della Liguria, preparato con farina mista di grano tenero bianca e integrale. Il nome trenette, deriva da un diminutivo di una parola dialettale che significa “stringa”, infatti le trenette assomigliano a delle lunghe stringhe, che possono essere tagliate più strette o più larghe. Ovviamente, quelle fatte in casa, per ovvi motivi, possono assomigliare parecchio alle tagliatelle, ma se tagliate con il coltello, avranno dimensioni diverse le une dalle altre, e se in più le condite con il vero pesto genovese, e sono fatte con farina integrale, non potete non chiamarle trenette avvantaggiate!
Se volete mettere le mani in pasta, correte a leggere la ricetta, e se avete bisogno di aiuto o consigli su come impastare a mano, vi aspetto sul mio gruppo facebook “Facciamo la pasta con Nenè”.

Trenette avvantaggiate
  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di cottura5 Minuti
  • Porzioni2
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 100 gfarina 00
  • 100 gfarina integrale
  • 2uova
  • q.b.farina di semola di grano duro rimacinata (per spolverare)

Preparazione

  1. Per preparare le trenette avvantaggiate dovete per prima cosa preparare l’impasto.

    Su una spianatoia, versate le due farine e miscelatele con la mano, quindi create un buco al centro.

  2. Sgusciate le due uova all’interno del buco, e con una forchetta, cominciate a sbattere le uova, e, poco alla volta, ad inglobare farina.

    Quando il composto comincia a diventare più sodo, cominciate ad impastare energicamente con le mani fino ad ottenere una palla lisca ed omogenea.

  3. Con un mattarello di almeno un metro, stendete la sfoglia ben sottile, il più sottile possibile.

    Infarinate di tanto in tanto la base e la sfoglia con poca semola di grano duro, che aiuta a far scivolare la sfoglia sulla spianatoia evitando che vi si appiccichi e di conseguenza, comprometta il risultato.

  4. Quando la sfoglia sarà ben sottile, aiutandovi con il mattarello, ripiegatela su se stessa fino ad ottenere un cilindro.

    Con un coltello a lama liscia, ben affilato, tagliate tanti pezzi da circa 0.3/0.5 cm e mano a mano srotolateli, ottenendo cosi le vostre trenette avvantaggiate.

  5. Raccogliete le trenette su un vassoio in cartone ben larghe, e lasciatele in un luogo fresco e asciutto fino al momento di cuocerle.

    Per cuocerle, tuffatele in abbondante acqua bollente salata per circa 5 minuti, e accompagnatele con pesto, patate e fagiolini.

CONSERVAZIONE

  1. Conservate le trenette avvantaggiate per un giorno al massimo in un luogo fresco ed asciutto.

    Volendo potete congelarle, dapprima su un vassoio ben distanziate tra di loro, per poi raccoglierle in un unico sacchetto gelo per alimenti.

Se amate la Liguria e le sue tradizioni culinarie, sono certa che apprezzerete la sezione che le ho interamente dedicato Liguria a tavola“.

Sul mio blog trovate anche le trofie fatte in casa, le trofie di castagna, il mandilli al pesto, la salsa di noci.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.