Pane cotto: cipolla, alloro e uova per un piatto povero

Il pane cotto è un piatto della tradizione contadina, quando la povertà era veramente di casa nelle campagne e davvero non si buttava nulla. Il pane raffermo è alla base di questa ricetta, un uovo recuperato dal pollaio di famiglia e qualche cipolla non mancava di certo nelle dispense dei contadini cilentani. Questo piatto si fa anche in altre regioni, diciamo che ovunque si viveva solo di terra spesso si cucinava. Oggi io lo ripropongo, nella mia famiglia lo facciamo spesso. Ecco come, con pochi euro, possiamo presentare un piatto gustoso ai nostri commensali.

  • Difficoltà:
    Bassa
  • Preparazione:
    10 minuti
  • Cottura:
    30 minuti
  • Porzioni:
    4 persone
  • Costo:
    Molto Basso

Ingredienti

  • Pane casereccio ((per persona)) 3 fette
  • Uova 4
  • Cipolle ramate 2
  • Alloro 5 foglie
  • Pepe nero q.b.
  • Sale grosso q.b.
  • Olio extravergine d’oliva 5

Preparazione

  1. Tagliamo la cipolla in maniera molto sottile e mettiamola in 5 cucchiai di olio evo riscaldato in una padella fonda. Facciamola soffriggere insieme alle foglie d’alloro fino a quando non è trasparente

  2. a questo punto aggiungiamo 1 litro abbondante di acqua e facciamo cuocere per 20 minuti. Aggiustiamo di sale e pepe.

  3. Aggiustiamo di sale e pepe. In un piatto fondo mettiamo 3 fette di pane casereccio raffermo e teniamo a parte, adesso non resta che aprire le uova e metterle nel brodo di cipolla avendo cura di separarle.

  4. Appena si rassoda l’albume togliamo le uova una alla volta e mettiamolo sul pane, aggiungiamo qualche mestolo di brodo in modo da bagnare bene il pane. Serviamo ben caldo!

Precedente Broccolo siciliano e fagioli, un secondo con gusto Successivo Porcini d’inverno con guanciale e passata di pomodoro per condire fusilli freschi

Lascia un commento