Crea sito

Porcini d’inverno con guanciale e passata di pomodoro per condire fusilli freschi

I porcini che si raccolgono nei mesi freddi non hanno lo stesso sapore e profumo di quelli autunnali, per questo motivo non consiglio di cucinarli in bianco ma di abbinarci un buon guanciale e della passata di pomodoro possibilmente casalinga. Questa ricetta semplice, esalta questi funghi porcini poco pregiati e ne viene fuori un piatto saporito. Provate a cucinare questi porcini e ad abbinarli a dei fusilli e vedrete che sapore, i porcini sono dei funghi che si prestano bene a questo tipo di cottura.

  • Preparazione: 10 Minuti
  • Cottura: 25 Minuti
  • Difficoltà: Medio
  • Porzioni: 4 persone
  • Costo: Medio

Ingredienti

  • Fusilli freschi 400 g
  • Funghi porcini d'inverno 3-4
  • Guanciale 100 g
  • Passata di pomodoro (preferibilmente casalinga) 400 g
  • Aglio 1 spicchio
  • Sale grosso
  • Pepe nero
  • Olio extravergine d'oliva 3 cucchiai

Preparazione

  1. Tagliamo il guanciale a cubetti non troppo piccoli e facciamoli soffriggere in 3 cucchiai di olio, produrranno anche loro del grasso quindi evitiamo di mettere troppo olio.

  2. Quando i cubetti saranno diventati trasparenti, aggiungiamo l’aglio e i funghi che in precedenza avremo tagliato a fette non troppo sottili. Facciamo soffriggere per qualche minuto.

  3. Adesso aggiungiamo la passata di pomodoro, aggiustiamo di sale e pepe e facciamo cuocere a fuoco basso per almeno 20 minuti. Nel frattempo, mettiamo l’acqua per la pasta e portiamo a ebollizione, ricordiamo che la pasta fresca ha tempi di cottura brevi, quindi, quando mancano 5-6 minuti alla fine della cottura dei porcini, caliamo la pasta e portiamola a cottura.

  4. Scoliamola bene di tutta l’acqua e mettiamola nella padella con il sugo di porcini, serviamola caldissima e a piacere possiamo farci una grattugiata di formaggio. Vi consiglio un formaggio strutturato, un caprino stagionato oppure un pecorino.

Note

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.