Crea sito

Ossobuco alla milanese

Uno dei piatti che caratterizza, senza ombra di dubbio, la mia regione di nascita è l’ ossobuco alla milanese, rigorosamente accompagnato da un cremosissimo risotto allo zafferano. Quando dico “accompagnato” intendo esattamente nello stesso piatto, perché, non c’è storia, ossobuco e risotto non vanno divisi in due portate differenti!
. . . e alla fine ti ritroverai a voler assaggiare per forza il midollo insieme al riso, e il condimento insieme alla carne e il riso insieme al condimento, insomma, ormai avrai capito che si tratta di due portate risolte in un piatto unico gustoso e davvero speciale.
Vediamo insieme come si prepara 🙂

Ossobuco alla milanese
  • DifficoltàMedia
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione1 Giorno 6 Ore
  • Tempo di cottura3 Ore
  • Porzioni3
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti

Dosi per 3 persone
  • 300 griso Carnaroli
  • 100 gfarina 00
  • 50 gparmigiano Reggiano DOP (grattugiato)
  • 30 gburro
  • 3ossibuchi di vitello
  • 2carote
  • 2 costesedano
  • 1 cucchiainoconcentrato di pomodoro
  • 1 bustinazafferano
  • limone
  • q.b.sale
  • cipolla
  • scalogno
  • q.b.vino bianco
  • q.b.prezzemolo tritato

Preparazione dell’ ossobuco alla milanese

L’ ossobuco

  1. 1. Inizia preparando il brodo vegetale che ti servirà sia per l’ ossobuco che per il risotto: in una pentola versa due litri di acqua fredda, immergi la carota, la cipolla (io ho usato il cipollotto) e il sedano (io ho usato il sale di sedano, non avendone in casa) tagliati a metà e fai cuocere a fiamma molto bassa cercando di mantenere il bollore.

  2. 2. Ora, in una casseruola, fai soffriggere un trito di sedano, carota e cipolla in un giro di olio evo. Poi, aggiungi gli ossibuchi che avrai precedentemente infarinato.

  3. 3. Quando gli ossibuchi saranno ben rosolati, sfumali con mezzo bicchiere di vino bianco e fai evaporare la parte alcolica.

  4. 4. In seguito, aggiungi un paio di mestoli di brodo vegetale, il concentrato di pomodoro e fai cuocere a fiamma bassa con coperchio per circa due ore e mezza. Ricordati di controllare di tanto in tanto, in modo da poter aggiungere altro brodo se dovesse asciugarsi troppo la carne.

  5. 5. Quando mancherà circa mezz’ ora per la cottura degli ossibuchi, prepara un trito di scalogno e fallo imbiondire in pochissimo olio evo. Aggiungi il riso e fallo tostare per bene.

  6. 6. A questo punto, sfumalo con un goccio di vino bianco, fai evaporare e unisci un paio di mestoli di brodo vegetale fino a coprire completamente il riso.

    Fai cuocere per il tempo indicato aggiungendo altro brodo, se necessario.

  7. 7. Quando mancano pochi minuti alla cottura del risotto, aggiungi lo zafferano e mescola bene per distribuirlo.

  8. 8. Una volta che il tuo risotto allo zafferano sarà pronto, spegni il fornello e mantecalo con burro e parmigiano grattugiato mescolando energicamente per renderlo bello cremoso.

  9. 9. A questo punto anche l’ ossobuco sarà cotto, quindi aggiusta di sale e guarnisci con della scorza di limone grattugiata e del prezzemolo fresco tritato.

  10. Ossobuco alla milanese

    9. Infine, non ti resta che impiattare! Ricorda: ossobuco e risotto vanno nello stesso piatto per un risultato davvero tradizionale e ancora più gustoso!

    Buon appetito!

Conservazione dell’ ossobuco alla milanese

Puoi conservare sia l’ ossobuco sia il risotto allo zafferano in frigorifero, in un contenitore ermetico, per un paio di giorni.

Risotto avanzato? Niente panico!

tortino di riso ubriaco

tortini di risotto giallo

Guarda questo ed altri piatti anche qui https://www.instagram.com/ame_mipiace/

Scarica l’ App di Cookpad, puoi trovarmi anche lì ! https://cookpad.com/it/me/bookmarks

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da amemipiace95

Mi chiamo Camilla Milone e ho 25 anni. Ho sempre lavorato nel mondo della ristorazione come addetta alle vendite e barista. Grazie a questo e alla genetica, sto coltivando la mia passione per la cucina giorno dopo giorno. Mi piace sperimentare piatti e ricette nuovi e scrivere di essi. La scrittura, infatti, è la mia seconda grande passione e, con il blog, posso finalmente esprimere entrambe!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.