Crea sito

confettura di prugne fatta in casa

La ricetta della confettura di prugne, una volta chiamata marmellata di prugne perché dal 1982 una direttiva CEE prevede la denominazione marmellata solo ai prodotti otteniti da agrumi, è una preparazione fatta con la frutta raccolta principalmente dai frutteti di casa e molto gradita durante tutto l’anno per accompagnare la colazione, gli spuntini e la merenda di piccoli e adulti.

Qualche giorno fa, la nonna mi ha chiesto se volevo le prugne del suo orto per preparare la marmellata, e io… ovviamente! Quest’anno, la nonna ha fatto più di 13 kg ma io mi sono limitata a utilizzarne nove. E come la nonna, ho optato per usare molto meno zucchero rispetto agli anni precedenti: è già così dolcemente aspra questa nostra prugna!

E pensare che il rapporto di frutta e zucchero utilizzato era di 1 a 1… Ed era tanto che non la preparavo in casa (e potete immaginare il perché), e così questa volta ho deciso di proporvela in questo nuovo articolo.

ricetta confettura di prugne fatta in casa
  • Preparazione: 10 Minuti
  • Cottura: 3 Ore
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni:
  • Costo: Basso

Ingredienti

  • prugne 2 kg
  • Zucchero 600 g
  • Mela 1

Preparazione

  1. Lavate le prugne o susine, asciugatele e, con l’aiuto di un coltellino affilato, praticate un’incisione tagliandole a metà per eliminare il nocciolo (più vicine alla perfetta maturazione, più facile sarà l’estrazione del nocciolo). Il peso si riferisce al prodotto completamente privo di peduncolo e nocciolo.

  2. Mettete le prugne pulite in una casseruola o in una pentola di alluminio capiente, unite lo zucchero semolato e la mela con la buccia, senza semi e tagliata a pezzi (questo è il conservante naturale, la pectina che contiene la mela).

  3. Iniziate la cottura a fuoco basso per 2-3 ore mescolando regolarmente per evitare che si attacchi, in modo che la frutta cuocia uniformemente. A cottura ultimata, passate la confettura con un passaverdura per renderla più omogenea o in alternativa, utilizzate un minipimer o frullatore ad immersione.

  4. Con l’aiuto di un piccolo imbuto, versate la confettura bollente nei barattoli di vetro (precedentemente omogenizzati insieme agli appositi tappi con metodo tradizionale o lavati in lavastoviglie con ciclo completo e alla massima temperatura).

  5. Chiudete i barattoli con i tappi appositi per garantire la conservazione ottimale e aspettate il “click” del tappo che assicurerà la chiusura ermetica del prodotto.

  6. In alternativa, potete lasciare raffreddare la marmellata completamente, versarla nei barattoli chiudendoli e farli bollire ulteriormente fino alla conferma della chiusura, cioè, quando il tappo farà il suo grazioso “click” (la nonna li fa bollire sempre in ogni i due casi: così son più tranquilla, lei dice).

  7. Conservate la confettura di prugne in luogo fresco e asciutto. Una volta aperta, la confettura va conservata in frigorifero e consumata nel minor tempo possibile.

Note

Vi invito a condividere questa ricetta e a seguire Fusione sui social networks Facebook
Twitter Pinterest e Instagram

La condivisione su Whatsapp è disponibile da cellulari Android e IPhone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.