Trippa alla pennese

Trippa alla pennese oggi per la rubrica l’Italia nel piatto vi parliamo dei piatti a lunga cottura, una ricetta preparata sapientemente da mio cugino. Oggi volevo anche ricordare i nostri fratelli Sardi che stanno soffrendo per l’alluvione, amici l’Abruzzo vi è vicino!

stiamo con il popolo sardo

Trippa alla pennese

trippa alla pennese

L'Italia nel piatto Abruzzo

Trippa alla pennese: la ricetta per la regione Abruzzo

Cotta nella terracotta come si faceva una volta sopra alla stufa a legna

trippa alla pennese2

Difficoltà: media
Tempo:2 ore circa di cottura più la lavorazione (circa 30 minuti)
Gruppo ricette: I secondi
Ingredienti per 6 persone:
  • 1.500 gr di trippa di manzo
  • salsa di pomodoro (circa 1 litro)
  • sedano
  • prezzemolo
  • alloro
  • mentuccia
  • parmigiano
  • peperoncino
  • maggiorana
  • cipolla
  • sale qb

 Preparazione:

  1. Lavare accuratamente la trippa, tre volte in acqua calda e due in acqua fredda.

  2. Tagliarla a strisce piccole e farla soffriggere con l’olio, il sedano e la cipolla sminuzzati finemente.

  3. Far rosolare.

  4. Aggiungere la passata di pomodoro circa 1 litro diluendola con dell’acqua ma non troppa, aggiungere l’alloro la menta la maggiorana ed il peperoncino, se non piace si può aggiungere verso la fine o nei singoli piatti.

  5. Far cuocere a fuoco molto lento per almeno due ore, salare verso la fine.

  6. Servire con abbondante parmigiano.

Questa ricetta l’ho trovata su un libro di cucina abruzzese ed è molto simile a come la fa mio padre. Mio padre fa anche una variante che non so se è abruzzese o è una ricetta di famiglia, aggiunge anche le olive nere ma non utilizza la mentuccia a volte ci mette anche i pezzettoni di carota. Mentre mio cugino che poi è proprio di Penne una città in provincia di Pescara, ci mette la salvia e l’erbapepe non mette il sedano, ma la carota (quindi come mio padre, il più delle volte mentre mamma mette sedano e carota), poi mette del peperone dolce secco tritato ed il  peperoncino a parte nel piatto la fa sfumare con il vino bianco (questo veramente anche mio padre) ed anche il rosmarino infine il formaggio non lo mette, se qualcuno lo vuole lo si serve nel piatto da solo come il peperoncino.

Trippa alla pennese

Ecco alcune foto e sotto non perdetevi le ricette dei miei amici blogger.

trippa alla pennese3

trippa alla pennese4

trippa alla pennese6

trippa alla pennese5

Ecco le ricette dei miei amici blogger:

“TUTTE LE FOTO SONO DI PROPRIETA’ DI (In Cucina da Eva TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7/03/2001. Non autorizzo nessuno a prelevare foto e testi presenti in queste pagine, senza prima aver chiesto l’autorizzazione.”

Be Sociable, Share!
 

37 thoughts on “Trippa alla pennese

  1. Eva, visto che siamo vicine vicine, la prossima volta che prepari questa trippi, mi inviti? Sono disponibile ad assaggiare tutte le varianti, pennese, abruzzese, solo con le carote, sfumata con il vino bianco, del papà e del cugino, purchè sia trippa! 😉

    • incucinadaeva il said:

      allora lo devo dire a mio cugino! pensa che io non la mangio, ma è un piatto tipico che non volevo tenere nell’ombra! C’è chi l’adora come i mia madre e mio padre ma anche i miei fratelli

  2. Eh bravo tuo cugino! hai una famiglia cuochi e artisti cara Eva!!
    Complimenti davvero per la ricetta e poi si sa, ogni famiglia ha la sua versione della ricetta tradizionale. Ma il bello è proprio questo no? L’importante è che è sempre buona!
    un bacione

  3. Il coccio di terracotta non può mai mancare per questo tipo di cotture. Ed è così bello quando poi lo porti in tavola e il piatto continua a sobbollire per tanto tempo sul tavolo, proprio davanti ai tuoi occhi.
    Complimenti al cugino per la ricetta!

    • incucinadaeva il said:

      si vero! è stato bello poter assistere alla preparazione di un piatto della tradizione così complesso!

  4. Un altro piatto che non ho mai assaggiato 🙂 Un piatto che la mia nonna faceva spesso al ristorante quando io non ero ancora nata 🙂 bravissima Eva 🙂

  5. artù il said:

    mmmm mi hai fatto venire una fame!!! poi vedere la pentola di coccio sulla stufa a legna è davvero una favola!!!

    complimenti anche per i suggerimenti delle varie versioni locali!

  6. tesoro, mi hai fatto venir voglia di rifarla! la vicinanza delle nostre regioni rende le nostre ricette simili. Très bon!!!

  7. stefania il said:

    non amo la trippa ma mio papà ne va matto, questo piattino glielo regalo la prossima volta che sono da loro, grazie Eva

  8. Mamma mia e che trippa , spettacolare, immagino il sapore.
    Pero’ ti confesso che mi ha incuriosito quella pietra lavica in foto.
    Come la utilizzi????
    E dove???
    Io ne sono un amante
    A presto

    • incucinadaeva il said:

      L’ha comprata mio cugino, credo ad Auchan. Ero a casa sua mi aveva invitato a cena. La utilizza come una padella normale solo sulla stufa, e cuoce che è una meraviglia!

    • incucinadaeva il said:

      ma sai che oggi era in offerta a 9.90€!!! e mio padre non me l’ha fatta prendere perché secondo lui si usa solo sulla stufa a legnaaaaaaaaa! mannaia!

  9. La trippa non l’ho mai mamngiata ma ti assicuro che con quell’aspetto…la mangerei subito!!!!! Spettacolare anche la foto!!!Bravissima Eva!

  10. donaflor il said:

    ma bravo il cugino…e che piatto appetitoso ha preparato! la trippa mi piace molto anche se purtroppo non la preparo mai, il maritino non tanto la gusta, mi sa che qualche volta me la preparo solo per me!
    sai che a Penne ci sono stata qualche anno fa, abbiamo accompagnato un nostro amico americano di origini proprio di Penne!
    un bacione

    • incucinadaeva il said:

      ma dai!!! che roba! magari conosce pure mio cugino! Lui conosce un americano se non ricordo male!!

  11. Anch’io come te non la mangio la trippa, che cucinata in modo diverso è un piatto tipico della mia città e si prepara il 19 gennaio per la festa del nostro patrono San Bassiano, ma con questo tuo piatto farei felice marito, una sorella e molti amici!!!
    Bravissima

  12. Io sono di forchetta buona 😉 Un piatto eccellente che adoro mangiare Da noi anche si prepara così. L’unica differenza e che non usiamo la mentuccia.

    • incucinadaeva il said:

      ahahaah immagino!!! si infatti la mentuccia qualcuno la usa, anche se personalmente non mo piace, premettendo che non mangio la trippa ne interiora….

Lascia un commento