Cosce di pollo alla salvia

Ultimamente avevo voglia di provare il pollo alla salvia, ma , un po’ per pigrizia, un po’ perché ogni volta dimenticavo di comprare le cosce di pollo (sbadata!), non riuscivo mai a prepararlo, rimanendo, regolarmente,  con questo desiderio. La settimana scorsa, ho finalmente comprato questa “benedetta” coscia di pollo e mi sono decisa.
Il risultato?Buonissimo come pensavo, e anche più buono dato che l’ho accompagnato alle patate sabbiose (di cui sono diventata praticamente dipendente) . Adesso tocca a voi provarlo… e fatemi sapere come vi sembra.

 

Cosce di pollo alla salvia
Cosce di pollo alla salvia

Ingredienti:

  • 4 cosce di pollo
  • 3 Spicchi d’aglio
  • 10 Foglie di salvia
  • sale e pepe q.b.
  • un Bicchiere di vino bianco secco
  • un litro di brodo (potete scegliere se di carne o vegetale, e se usare o meno il dado.. a seconda delle vostre abitudini)
  • Olio extravergine di oliva q.b.

Procedimento:

  1. Preparate il brodo facendo sciogliere il dado in un litro d’acqua (oppure potete prepararlo portando ad ebollizione l’acqua con dentro: una carota, una cipolla, un gambo di sedano ed una patata)
  2. Lavate e asciugate le cosce di pollo.
  3. In una padella fare imbiondire l’aglio pelato e intero nell’olio caldo (mantenete la fiamma bassa).
  4. Quando l’aglio sarà imbiondito alzate la fiamma ed aggiungete le cosce di pollo le foglie di salvia, rigirando la carne in modo che prenda colore su tutti i suoi lati.
  5. Abbassate la fiamma, salate e pepate a piacere, quindi versate il bicchiere di vino nella padella e, quando sarà evaporato, lasciate cuocere il pollo a fuoco basso per circa 40-45 minuti (se le cosce sono grosse, mentre se sono piccole avrà bisogno di meno tempo), rigirandolo di tanto in tanto con e bagnandolo frequentemente con il brodo.
  6. Prestate attenzione a mantenere sempre umide le cosce di pollo.
  7. Appena il pollo avrà raggiunto la cottura (attenzione: Il pollo deve essere sempre ben cotto) togliete dal fuoco e servite il pollo caldo d’inverno e tiepido d’estate.

Comments are closed.