Orecchiette cavolfiore, tonno e pomodoro

Le orecchiette cavolfiore, tonno e pomodoro sono una ricetta facile e appetitosa, un primo piatto davvero stuzzicante nella sua semplicità, che si può preparare nel tempo necessario a cuocere la pasta: la dolcezza del cavolfiore si abbina perfettamente al gusto saporito del tonno, e la semplice salsa di pomodoro che li abbraccia completa e arricchisce piacevolmente il piatto.

I cavolfiori, ricchi di sali minerali e vitamine come tutti gli ortaggi della famiglia dei cavoli, tipicamente invernali, sono preziosi nella nostra alimentazione anche per le loro grandi proprietà antiinfiammatorie e antiossidanti.  

orecchiette cavolfiore, tonno

Orecchiette cavolfiore,tonno e pomodoro

Ingredienti per 4 persone

  • orecchiette, 350 grammi
  • un cavolfiore medio
  • pelati, 400 grammi (o passata )
  • aglio, due spicchi
  • tonno sott’olio, 150 grammi
  • prezzemolo, un ciuffetto
  • sale e pepe q.b.
  • olio extravergine d’oliva q.b.

Preparazione

Lessare in acqua bollente leggermente salata il cavolfiore lavato e tagliato a cimette.

Scolarlo bene al dente e conservare l’acqua di cottura.

In un tegame far riscaldare un paio di cucchiai d’olio insieme agli spicchi d’aglio, poi unire la passata di pomodoro (o i pelati schiacciati con la forchetta).

Far cuocere la salsa di pomodoro finché non inizia a stringersi.

Aggiungere il tonno un po’ sbriciolato, il prezzemolo tritato e le cimette di cavolfiore, mescolare e far cuocere ancora per qualche minuto affinché s’insaporisca per bene.

Nel frattempo cuocere le orecchiette nell’acqua di cottura del cavolfiore.

orecchiette cavolfiore

Appena pronte scolarle, unirle al sugo ormai pronto e mescolare con cura, in modo che vengano ben condite.

Le orecchiette cavolfiore, tonno e pomodoro sono pronte: non resta che aggiungere una generosa macinata di pepe nero e portare in tavola 🙂

Nota

I cavolfiori sono ortaggi delicati e perdono presto la loro freschezza, è importante perciò al momento dell’acquisto (come del resto per tutto quello che si compra) scegliere con attenzione: l’infiorescenza (bianca, viola o verde che sia) deve essere ben chiusa, soda e compatta, senza macchie, e le foglie esterne croccanti e ben aderenti.

Se questa ricetta ti è piaciuta, seguimi anche sulla mia pagina Facebook,Twitter,Google+ e Pinterest!

Precedente Sfogliatine con formaggio e champignon Successivo Dolcetti con frutta secca e cioccolato

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.