Crea sito

zucchine a rondelle

Torta rustica di zucchine

Torta rustica di zucchine
Torta rustica di zucchine

Torta rustica di zucchine

Una torta rustica perfetta da servire ai vostri ospiti come antipasto o come aperitivo finger food, o addirittura da portare per il pranzo in ufficio (scaldandola qualche minuto al microonde prima di consumarla).

Forse non tutti sanno che l’idea del pane “farcito” non appartiene ai giorni nostri ma è un’usanza diffusa dal 1400, quando appunto lo si riempiva con carne, pesce, uova, formaggi, in base ai propri gusti.

Io ho preparato la torta rustica usando la pasta sfoglia confezionata ma voi, se avete del tempo a disposizione, potete realizzarla comodamente a casa vostra, magari provando persino a sostituire il burro con lo yogurt, per ottenere un risultato finale più delicato e light.

Per la farciture, ho usato le zucchine tagliate a rondelle, ma voi potete aggiungere altri ingredienti, come cubetti di pancetta, fette di prosciutto cotto, salsicce a dadini, filetti di acciughe, fette di salame piccante, cubetti di mozzarella fiordilatte, sottilette e chi più ne ha più ne metta! Via libera alla fantasia!

Una ricetta facile, economica e sfiziosa per un aperitivo ricco di brio!!!

Ingredienti:

1 rotolo di pasta sfoglia rotonda

3 zucchine medie

3 uova

Olio extravergine di oliva q.b.

Sale, pepe

 

 

Procedimento:

Preriscaldare il forno a 180 gradi.

Lavare e tagliare le zucchine a rondelle.

Cuocere le zucchine in un tegame con un filo di olio extravergine di oliva per qualche minuto, fino  a quando saranno leggermente appassite.

Spegnere il fuoco e lasciare intiepidire le zucchine a temperatura ambiente.

Rivestire una tortiera di carta sforno e stendervi la pasta sfoglia.

Distribuire le zucchine a rondelle sulla pasta sfoglia.

In un piatto, sbattere le uova con un pizzico di sale e di pepe.

Versare le uova sbattute sulle zucchine.

Cuocere la torta rustica in forno caldo per 40-45 minuti.

Sfornare la torta rustica e lasciarla intiepidire.

Una volta fredda, tagliare la torta a fette e servire subito.

Tagliatelle zucchine e gamberetti

Tagliatelle zucchine e gamberetti
Tagliatelle zucchine e gamberetti

TAGLIATELLE ZUCCHINE E GAMBERETTI

Le tagliatelle sono un tipo di pasta inventata nel XV secolo da un cuoco bolognese in onore del matrimonio di uno degli eredi della famiglia Bentivoglio.

Il nome “tagliatelle” deriva dal verbo “tagliare”, visto che questa pasta si ottiene stendendo la pasta in una sfoglia, che verra’ poi arrotolata per essere infine tagliata.
La tradizione vuole che le tagliatelle siano servite con un ragù di manzo, ma la mia ricetta prevede un piatto più leggero e dai sapori delicati, a base di zucchine e gamberetti.

Che ne dite, può piacervi la mia variante??

In alternativa, se non avete a disposizione i gamberetti, vi consiglio di sostituirli con la polpa di granchio o i filetti di sgombro… mmm divini!

Io usato le tagliatelle fresche confezionate ma voi potete realizzarle comodamente a casa vostra oppure sostituirle con bucatini, maltagliati, o qualsiasi altro formato di pasta fresca (eccetto quella ripiena).

INGREDIENTI PER UNA PORZIONE:

Una porzione di tagliatelle
50 gr di gamberi già puliti
1 spicchio di aglio
100 gr di zucchine
6-7 pomodori pachino
1/2 bicchiere di vino bianco
1 cucchiaio di olio
Sale, pepe, erba cipollina, prezzemolo

 

 

PROCEDIMENTO:

Sciacquare i gamberi sotto acqua corrente.
Lavare le zucchine e tagliarle a rondelle.
Lavare i pomodori pachino e tagliarli a metà.
In una padella, rosolare uno spicchio di aglio con un filo di olio poi aggiungere i gamberi e cuocere per 2-3 minuti a fuoco basso.
Sfumare con il vino bianco e, quando l’alcol sarà evaporato, salare, pepare e spolverare con erba cipollina.
Aggiungere in padella le zucchine e i pomodori pachino e continuare la cottura a fuoco medio, mescolando di tanto in tanto con un cucchiaio di legno.
Riempire una pentola d’acqua e portarla a ebollizione per cuocervi le tagliatelle.
Scolare le tagliatelle e versarle in padella per farle saltare insieme al condimento.
Aggiungere qualche foglia di prezzemolo.
Servire ben calde.