Crea sito

prosciutto e formaggio

Ovetto

Ovetto
Ovetto

Ovetto

Qualche sera fa sono andata a cena in un ristorante ad Ascoli Piceno e, tra gli antipasti servitici, c’erano questi deliziosi “bocconcini” di uova e prosciutto.

Quando ho chiesto alla ristoratrice di cosa si trattasse, lei mi ha risposto “E’ un ovetto!” e da qui, il nome della ricetta.
Dei deliziosi “bocconcini” che di realizzano in poco tempo e senza troppo impegno, perfetti da servire ai vostri ospiti come antipasto, magari accompagnati da crostini o fette di pane abbrustolito.

In realtà, questa ricetta può essere preparata anche in versione “piatto unico”, rivestendo una cocotte abbastanza capiente (o una teglia piccola) con le fette di prosciutto cotto e adagiandovi all’interno le uova e il provolone: in questa veste, potrebbe rappresentare una cena saporita oppure essere servita in stile “brunch americano” per una colazione domenicale alternativa.

Che ne pensate?

Io ho usato il formaggio provolone ma voi potete usare anche la scamorza, la mozzarella, il galbanino, a seconda dei vostri gusti!!

Se volete arricchire il gusto dell’ovetto, potete aggiungere una manciata di funghi sott’olio o qualche pomodoro pachino tagliato a cubetti.

Il risultato sarà indubbiamente ottimo e i vostri ospiti rimarranno più che soddisfatti… Che dite, vi ho convinto?

 

Ingredienti per 2 porzioni:

2 fette di prosciutto cotto

2 uova

50 gr di provolone (o scamorza, mozzarella, galbanino)

olio extravergine di oliva q.b.

Sale, rosmarino

 

 

 

Procedimento:

Tagliare il formaggio provolone a cubetti.

Preriscaldare il forno a 200 gradi.

Oliare leggermente due pirottini da muffin e foderarli con le due fette di prosciutto cotto.

Cuocere in forno caldo per 5 minuti.

Sfornare i pirottini e rompere in ognuno un uovo.

Informare di nuovo ore 10 minuti.

Sfornare e aggiungere il provolone a cubetti, una spolverata di rosmarino e un pizzico di sale.

Infornare per altri 7-8 minuti, o comunque fino a quando l’albume si sarà rappreso e il provolone sarà sciolto.

Sfornare e servire subito.

Croque monsieur

Croque monsieur
Croque monsieur

Croque monsieur

Il Croque Monsieur è un tramezzino le cui origini risalgono al 1910, a Parigi e precisamente in Boulevard des Capucines, dove il proprietario di un bistrot, un certo Michel Lunarca, un giorno, affettando una baguette, decise di realizzare una nuova ricetta: imburrò le fette, le farcì con prosciutto e formaggio, compose il panino e lo rosolò nel burro fuso.

Il primo cliente che assaggiò questo nuovo “esperimento”, rimase così soddisfatto che chiese a Michel che tipo di carne avesse messo nel panino e Michael, prontamente, rispose: “Carne di Monsieur, naturalmente!” (ovvero Carne di signore).
I clienti presenti presero a ridere e, ad uno ad uno, ordinarono il nuovo piatto che, da quel giorno, comparve sulla lavagnetta del menù del bistrot con il nome “Croque Monsieur”.
Marcel Proust adorava questo piatto tanto da menzionarlo nell’opera “Alla ricerca del tempo perduto”, dove il protagonista, tornando in hotel dopo un concerto, scopre che la sua ospite ha ordinato per lui un Croque Monsieur.

Il Croque Monsieur si differenzia dall’arci noto Croque Madame poiché quest’ultimo viene servito con l’aggiunta di uovo sul panino.

Entrambi sono piatti dello street food francese ma possono anche essere delle valide alternative per una na golosa ed economica.

 

 

Ingredienti per 1 Croque Monsieur:

2 fette di pan carre’
2 fette di prosciutto cotto
2 cucchiai di burro
1 sottiletta
1 uovo
1 cucchiaio d’acqua
Sale, pepe nero
Patatine fritte (per contorno)

 

 

Procedimento:

Imburrare due fette di pan carre’ poi farcirle con 2 fette di prosciutto e una sottiletta.
In un piatto, sbattere un uovo insieme a sale, una manciata di pepe nero e un cucchiaio di acqua.
Immergere il sandwich nell’uovo.
Imburrare una padella con una noce di burro, metterla sul fuoco e, quando il burro sarà ben sciolto, adagiarvi il sandwich e cuocere per 7-8 minuti, girando il sandwich sull’altro lato a metà cottura.
Servire ben caldo, accompagnato magari da una bella porzione di french fries.

 

 

Plumcake rustico

Plumcake rustico
Plumcake rustico

Plumcake rustico

Io adoro le torte rustiche perché sono perfette da servire ai vostri ospiti come aperitivo finger food (io a volte ne porto due-tre fette per il pranzo in ufficio), non richiedono troppa cura nella preparazione (basta unire tutti gli ingredienti in una ciotola e il gioco è fatto) e sono anche relativamente economiche: a me, infatti, piace realizzarle con gli ingredienti che ho a disposizione in frigorifero, come olive verdi/nere denocciolate, cubetti di prosciutto cotto o di speck, filetti di alici, capperi, wurstel, patate a rondelle, ecc.

Questo plumcake è semplicissimo e anche relativamente economico, perché farcito solo con pomodori pachino e mozzarella, pensato per essere servito proprio ai miei amici invitati a cena, servendolo in un cestino al posto del pane con i soliti grissini. Bella idea, vero?!?

Ingredienti:

250 gr di farina 00

3 uova

1 mozzarella (125 gr)

60 gr di pomodori pachino

100 gr di latte

3 cucchiai di olio extravergine di oliva

1 bustina di lievito in polvere per torte salate

Un pizzico di sale, rosmarino

 

 

Procedimento:

Preriscaldare il forno a 170 gradi e rivestire uno stampo da plumcake di carta forno.

Tagliare la mozzarella a cubetti.

Lavare e tagliare i pomodori pachino.

In una ciotola, sbattere le uova con la farina setacciata, l’olio extravergine di oliva, il latte, un pizzico di sale e mescolare bene per ottenere un composto liscio e senza grumi.

Aggiungere anche il lievito in polvere per torte salate, una spolverata di rosmarino, la mozzarella a cubetti e i pomodori pachino tagliati a metà, e mescolare per amalgamare tutti gli ingredienti (aiutatevi con un cucchiaio di cucina).

Versare l’impasto ottenuto nello stampo da plumcake rivestito di carta forno, applicando sulla superficie del plumcake qualche pomodorino avanzato.

Cuocere il plumcake in forno caldo a 170 gradi per 40-45 minuti e, prima di sfornare, fare la famosa “prova stecchino”.

Sfornare il plumcake e lasciarlo raffreddare prima di servire.

Insalata con uovo barzotto

Insalata con uovo barzotto
Insalata con uovo barzotto

Insalata con uovo barzotto

Un’insalata sfiziosa e saporita, perfetta per un pranzo leggero e veloce; la particolarità del piatto sta nell’uovo barzotto, un altro modo di cuocere le uova oltre ai classici (sodo, occhio di bue, in camicia, a la coque, ecc).

L’uovo barzotto si prepara in 5 minuti: basta mettere l’uovo in un pentolino, ricoprirlo di acqua fredda e metterlo sul fuoco; da quando l’acqua comincerà a bollire, basterà contare esattamente 5 minuti per poi scolare l’acqua e bagnare l’uovo con acqua fredda. Questo procedimento farà sì che l’albume si rapprenda ma il tuorlo resti morbido, ottenendo un risultato simile al più famoso uovo a la coque.

Bella idea, vero? In alternativa, potete cuocere l’uovo sodo e unirlo all’insalata, ottenendo un piatto perfetto anche da consumare per pranzo in ufficio 🙂

Io ho usato il prosciutto spagnolo serrano ma voi potete usare il prosciutto crudo che più preferite (dolce, nostrano, ecc), e aggiungere altri ingredienti rispetto ai miei (es. capperi, olive nere denocciolate, chicchi di mais, ecc).

 

 

Ingredienti:

1 uovo

2 fette di prosciutto serrano

1 pomodoro da insalata

Una manciata di olive taggiasche

3-4 asparagi sott’aceto

40 gr di gorgonzola

4-5 acciughe sott’olio

Una manciata di foglie di lattuga

un mazzetto di asparagi freschi

Sale, olio

 

 

Procedimento:

Lessare gli asparagi in una pentola con acqua bollente.

Una volta morbidi, scolare gli asparagi e lasciarli raffreddare.

Lavare e tagliare i pomodori e le foglie di insalata.

Tagliare il gorgonzola a cubetti.

Tagliare gli asparagi a metà.

In una ciotola, unire le foglie di insalata, il pomodoro, le acciughe sott’olio e le olive taggiasche.

Condire con un filo di olio e un pizzico di sale.

Ora dedicarsi alla preparazione dell’uovo barzotto, mettendo un uovo in un pentolino, per poi ricoprirlo di acqua fredda e metterlo sul fuoco.

Da quando l’acqua comincerà a bollire, contare esattamente 5 minuti, poi scolare l’acqua e bagnare l’uovo con acqua fredda.

Sgusciare l’uovo, tagliarlo a metà e unirlo all’insalata preparata.

Aggiungere anche le fette di prosciutto serrano e servire subito.

Sandwich ghiotto

Sandwich ghiotto
Sandwich ghiotto

Sandwich ghiotto

Un sandwich goloso, perfetto da gustare in ufficio per pranzo o a cena, quando si vuole mangiare davanti a un bel film o una serie TV, o addirittura da mangiare per un pranzo al mare (in quest’ultimo caso, conservate il panino nella borsa frigo altrimenti lo yogurt greco andrà a male).

Questo sandwich si può realizzare anche in versione mini, creano dei perfetti e simpatici finger food per i vostri aperitivi.

Che ne pensate?

Io adoro cenare seduta sul divano guardando una serie tv, preparandomi una sorta di “tavolino” improvvisato con un piatto di sandwich e una bella Coca Cola (o una birretta fresca)… 😉😉

Io ho farcito il sandwich con yogurt greco, salmone e olive, ma voi potete aggiungere altri ingredienti come fette di pomodoro, cetrioli a rondelle, zucchine grigliate, sottaceti, ecc.

Vi consiglio caldamente di non usare il pan carrè “bianco” per il sandwich ma preferire pan carrè integrale o ai cinque cereali, tanto per dare più sapore al vostro panino.

Se siete in cerca di altri ingredienti per il vostro sandwich, potete provare la ricetta descritta nel seguente link sandwich tonno, lattuga, pomodoro https://blog.giallozafferano.it/unacucinadasingle/sandwich-tonno-lattuga-pomodoro/

 

Ingredienti per 1 sandwich:

2 fette di pan carré integrale

2 cucchiai di yogurt greco (o formaggio spalmabile/ricotta/robiola, in base alle vostre preferenze)

erba cipollina q.b.

2 fette di salmone affumicato

una manciata di olive verdi denocciolate

 

 

Procedimento:

In una ciotola, unire lo yogurt greco con una spolverata di erba cipollina e mescolare bene.

Sciacquare le olive verdi denocciolate sotto acqua corrente e tagliarle a rondelle.

Creare il vostro sandwich spalmando su una fetta di pan carré uno strato di yogurt greco, olive, poi le fette di salmone, altre olive e infine la fetta di pan carré.

Gustate il sandwich davanti a un film, accompagnato da una birra fresca o da un calice di vino bianco.

 

 

Pizza burrata e serrano

Pizza burrata e serrano
Pizza burrata e serrano

PIZZA BURRATA E SERRANO

Una pizza croccante, genuina, che unisce la delicatezza e la morbidezza della burrata pugliese al gusto deciso del prosciutto spagnolo serrano… un’autentica bontà!

Io ho preparato l’impasto per la pizza a casa, seguendo scrupolosamente la ricetta della mia nonnina che, da giovane, lavorava in una pizzeria: tanto amore, pazienza, 3-4 ore di lievitazione al caldo (d’inverno vicino al termosifone, d’estate nel forno spento).

Tuttavia, se non avete proprio voglia di mettervi a impastare, potete benissimo acquistare il panetto già pronto al supermercato, nel banco frigo, e limitarvi a stenderlo nella teglia, condirlo e cuocere in forno caldo.

 

Ingredienti per una pizza tonda:

150 gr di farina 00
1/2 panetto di lievito di birra
1/2 tazza di acqua calda
Sale q.b.
3 fette di prosciutto serrano
100 gr di burrata fresca
Origano macinato q.b.

 

 

Procedimento:

In un recipiente, versare la farina e scavare un buco al centro.
Sciogliere 1/2 cubetto di lievito di birra e un pizzico di sale in 100 ml di acqua calda.

Versare l’acqua con il lievito sciolto nel buco fatto nella farina e cominciare a impastare con le mani.
L’obiettivo è quello di ottenere una bella palla elastica e non eccessivamente dura.
Sistemare l’impasto in una ciotola coperta con uno strofinaccio e metterla a lievitare in un luogo caldo (io di solito la metto nel forno spento o vicino al termosifone, in inverno).
Dopo 3-4 ore l’impasto sarà lievitato.

Infarinare una spianatoia e adagiarvi l’impasto lievitato, impastando ancora una volta con le mani.
Ungere una teglia tonda con un filo di olio extravergine di oliva e stendervi l’impasto.
Preriscaldare il forno a 200 gradi.
Infornare e cuocere in forno caldo a 200 gradi per 10-15 minuti.
Sfornare la pizza e condirla con le fette di prosciutto e la burrata tagliata a fette.
Rinfornare la pizza per 1 minuto, giust il tempo di far scaldare leggermente la burrata, poi sfornarla e divorarla!!

Tomini al prosciutto

Tomini al prosciutto
Tomini al prosciutto

Tomini al prosciutto

I tomini al prosciutto sono un secondo piatto che prepara spesso mia cognata, quando mi fermo a casa sua per un “pranzo inatteso” e lei comincia a svuotare il frigorifero per mettere qualcosa in tavola e soddisfare i nostri appetiti.

Il risultato? Sempre qualcosa di super gustoso e particolare, proprio come questi tomini caldi, avvolti in fette di prosciutto (bacon o speck, in base a ciò che avete a disposizione) croccante, ideali da servire con un’insalata mista, pomodori a fette, verdure grigliate, funghi sott’olio, ecc.

Il Tomino è un formaggio piemontese, prodotto con latte vaccino o latte vaccino mista a ovino/caprino, un formaggio a pasta molle con crosta bianca, con una consistenza burrosa e un sapore fresco, morbido e cremoso.

Avendo poco tempo a disposizione, ho cotto i tomini in padella (3-4 minuti per lato) ma voi, se avete più tempo a disposizione, potete optare per la cottura in forno elettrico (a 180 gradi per 20-25 minuti)

 

 

Ingredienti per 2 tomini:

1 tomino

4 fette di prosciutto crudo (o di speck o di pancetta, in base ai vostri gusti

insalata, pomodori, verdure grigliate, verdure sott’olio (per accompagnare)

 

 

 

Procedimento:

Tagliare il tomino a metà, in modo da ottenere due fette di uguale dimensione.

Avvolgere ogni tomino  con due fette di prosciutto crudo, come se stesse impacchettando un regalo, facendo in modo che la parte finale rimanga nella parte inferiore del tomino.

Scaldare una padella antiaderente sul fuoco.

Quando la padella sarà ben calda, adagiare i tomini sul fondo della padella e cuocerli per qualche minuto.

Quando il prosciutto comincia a scurirsi, girare i tomini dall’altro lato, aiutandovi con una spatola.

Continuare la cottura dei tomini al prosciutto per altri 3-4 minuti.

Quando i tomini saranno sufficientemente morbidi, spegnere il fuoco.

Adagiare i tomini sul piatto da portata aiutandovi con una spatola o una paletta da cucina.

Servire i tomini caldi, accompagnandoli con qualche ciuffo di insalata verde o mista.