Crea sito

patatine fritte

Cotoletta alla bolognese

Cotoletta alla bolognese
Cotoletta alla bolognese

Cotoletta alla bolognese

La cotoletta alla bolognese è un piatto sostanzioso, ricco di gusto, simbolo della cosiddetta Bologna “La grassa”.

La morbidezza della cotoletta fritta con il burro, il sapore del prosciutto crudo e del parmigiano, rendono questo piatto una vera delizia per il palato, specie se accompagnato da un contorno composto da patate al forno oppure un tris di verdure in padella. Che bontà!

Ho assaggiato questo piatto per la prima volta nel ristorante di un noto chef bolognese e me ne sono innamorata, un vero peccato di gola che vale due ore di duro allenamento in palestra! 🙂

 

 

Ingredienti:

Una fetta di fesa di vitello
Un cucchiaio di parmigiano grattugiato
Una fetta di prosciutto crudo
Un uovo
2-3 cucchiai di pangrattato
Succo di mezzo limone
3-4 cucchiai di brodo di carne
1/2 cipolla piccola
1 noce di burro
Sale, pepe nero macinato, noce moscata

 

 

Procedimento:

In un piatto fondo, sbattere l’uovo, il parmigiano grattugiato, qualche goccia di succo di limone, un pizzico di sale, una spolverata di pepe nero macinato e una di noce moscata.
Marinare la fettina di vitello nel composto di uovo almeno per un’ora.
Trascorso il tempo della marinatura, passare la fettina di vitello nel pangrattato.
Sciogliere una noce di burro in una padella a fuoco medio e friggervi la cotoletta, rigirandola su entrambi i lati.
Scolare la cotoletta e adagiarla su un piatto con un foglio di carta di cucina, per far si che quest’ultimo assorba il grasso del burro.
Adagiare sulla cotoletta una fetta di prosciutto crudo e poi qualche cucchiai di parmigiano.
Cuocere la cotoletta così farcita in una padella con il brodo, a fuoco lento, fino a quando il parmigiano non si sarà sciolto.

Servire la cotoletta alla bolognese calda, magari accompagnata da un avvolgente purè di patate o una porzione di piselli primavera e carote a rondelle ripassate in padella.

Crispy chicken

Crispy chicken
Crispy chicken

Crispy chicken

Un’idea sfiziosa per un secondo piatto diverso dal solito: fette di petto di pollo con una croccante panatura di cornflakes.

Un’idea originale, economica, perfetta se accompagnata da patatine fritte, un’insalatina fresca e, soprattutto tante salse!!!!!!

Questa ricetta me l’ha data la mia cuginetta (insomma, ha 17 anni ma per me sarà sempre una piccina) Lorenza, raccontandomi di averla preparata con il suo gruppo di boy scout: durante un campeggio, avevano a disposizione un budget limitato da destinare ai pasti giornalieri e così, una sera, volendo evitare di cuocere il solito petto di pollo alla piastra, hanno pensato di panare i petti di pollo nei cornflakes comprati per la colazione, ottenendo una cena sfiziosa e soprattutto economica!

Ciò dimostra che nella cucina, come in tutti gli altri campi, sono sempre la fantasia e l’ingegno gli ingredienti principali, tutto il resto… è noia!!

 

 

Ingredienti:

200 gr di petto di pollo
1 uovo
1 cucchiaio di formaggio grattugiato
4 cucchiai di cornflakes
1 cucchiaio di farina
Sale, pepe

 

 

 

Procedimento:

Tagliare le fette di pollo in strisce non troppo piccole.
Tritare i cornflakes nel mixer (oppure chiuderli in una busta e schiacciarli con un matterello).
In una ciotola, sbattere le uova con il formaggio grattugiato, pepe e un pizzico di sale.
Passare le fette di pollo prima nella farina, poi bell’uomo e infine panarli con i cornflakes tritati.
Riempire una padella di olio e, quando sarà caldo, friggervi le fette di pollo panate.
Scolare le fette di pollo e adagiarle su un foglio di carta assorbente.
Servire calde.

Pollo fritto all’americana

Pollo fritto all'americana
Pollo fritto all’americana

Pollo fritto all’americana

Il pollo fritto è un classico piatto della tradizione americana, solitamente accompagnato con patatine fritte e insalata.
Una ricetta semplice ed economica per un secondo piatto ricco di gusto, in grado di soddisfare i palati dei vostri ospiti.

Il pollo fritto è una ricetta che mi riporta con la mente ad una vacanza a Madrid insieme alle mie amiche quando, una sera, in preda ad un attacco di fame acuta, ci siamo fermate in una nota catena di fast food e abbiamo preso delle mega porzioni di pollo fritto per divorarle nella camera dell’hotel spaparanzate sul letto.. Bei ricordi!

 

 

 

Ingredienti:

Pollo a pezzi q.b.
150 gr di farina
1 uovo
un bicchiere di latte (intero o scremato, come preferite)
1 cucchiaino di paprika in polvere
1/2 cucchiaio di pepe
Olio di semi q.b.
Sale

 

 

 

Procedimento:

Adagiare i pezzi di pollo in una ciotola e ricoprirli con il latte; lasciarli riposare per 1 ora.
In un piatto, mescolare la farina, la paprika, il pepe e un pizzico di sale.
In un piatto, sbattere l’uovo.
Trascorso il tempo di riposo, scolare i pezzi di pollo e passarli prima nella farina, poi nell’uovo, poi di nuovo nella farina, creando così una doppia panatura.
Versare l’olio di semi in una padella e, quando sarà caldo, friggervi i pezzi di pollo fino a renderli dorati e croccanti su entrambi i lati.
Scolare i pezzi di pollo e adagiarli su carta assorbente.
Servire caldi, magari accompagnati da patatine fritte o insalata mista.

Chips di patate

Chips di patate
Chips di patate

Chips di patate

Non c’è essere umano che non ami le patatine! Io adoro sgranocchiarle per l’aperitivo, accompagnate da uno Spritz e una manciata di noccioline.

Le Chips di patate sono sfoglie di patate fritte, croccanti e saporite, ideali da servire come happy hour.

Io non ho aromatizzato le Chips ma voi, se preferite, potete spolverarle con pepe nero macinato, peperoncino piccante macinato, paprika piccante, pepe rosa e/o lime grattugiato, proprio come le patatine in vendita al supermercato.

In aggiunta, se volete far rimanere i vostri ospiti a bocca aperta, vi consiglio una ricetta provata in una steakhouse romana: chips di patate servite con una spolverata di formaggio pecorino grattugiato e pepe nero, una vera bontà! Una sorta di patatine cacio e pepe, insuperabili!

Io ho fritto le Chips di patate in olio bollente ma voi, se volete un risultato finale più light, potete cuocerle nel forno tradizionale (a 200 gradi per 20 minuti, girandole a metà cottura) o al microonde (a 800 watt per 4-5 minuti).

 

Ingredienti:

3 patate medie

olio di semi per friggere

sale fino q.b.

pepe nero macinato, paprika in polvere, pepe rosa macinato, lime grattugiato (facoltativo)

 

 

Procedimento:

Lavare le patate e asciugarle bene.

Tagliare le patate molto finemente, senza privarle della buccia, aiutandovi con una mandolina. Più le patate saranno sottili e più saranno croccanti.

Asciugare ogni fetta di patata con un foglio di carta assorbente, in modo da eliminare bene l’acqua.

Versare l’olio di semi in una padella e scaldarlo a fiamma media.

Quando l’olio comincerà a friggere, immergervi delicatamente le fette di patate.

Cuocere le patate fino a doratura, poi scolarle con una schiumarola e adagiarle su un foglio di carta assorbente.

Non disporre le patate cotte “l’una sull’altra” ma ben distanziate, in modo da far assorbire l’olio dalla carta.

Spolverare le patate con un pizzico di sale fino (o pepe nero macinato, peperoncino macinato, paprika piccante, a vostra scelta).

Procedere in questo modo con tutte le altre fette di patate.

Servire le Chips di patate tiepide, accompagnate con cucchiaiate di salsa ketchup, maionese, senape, salsa yogurt, salsa rosa.

 

 

Hamburger e patatine

Hamburger e patatine
Hamburger e patatine

Hamburger e patatine

Quando mia nonna mi telefona e chiede “Cosa mangi stasera per cena?” e io rispondo: “Hamburger”, lei pensa sempre che si tratti di un piatto rimediato, cotto in pochi minuti e di scarsa qualità perché, per le persone di un’altra epoca, mangiare la “carne” vuol dire solamente mangiare pollo, bistecche e salsicce, tutto il resto sono robette!

Quanto mi piacerebbe dire a mia nonna che, se potessi, mangerei hamburger tutti i giorni, conditi con le verdure, con lo speck, con il formaggio (cheddar soprattutto), ripieni e con una montagna di salse (bbq, yogurt, senape, ketchup, ecc)… Gnammmm

Oggi vi presento la ricetta degli hamburger di Gordon Ramsey, una succulenta specialità della tradizione americana ma originaria di Amburgo dove, sul finire del XIX secolo, i marinai tedeschi sbarcavano e divoravano una polpetta di carne cotta infilata tra due fette di pane, che ribattezzarono “la polpetta di Amburgo”.

 

 

Ingredienti per 1 hamburger:

100 gr di carne di manzo tritata (un consiglio: usate carne di chianina per un risultato finale di prima qualità)
1/2 cipolla rossa
1 cucchiaio di senape
Sale, pepe

 

 

Procedimento:

Tritare finemente la cipolla.
In un recipiente, amalgamare la cipolla, la carne macinata, la senape, sale e pepe.
Impastare bene e dare all’impasto la forma dell’hamburger (l’ideale sarebbe usare l’apposito attrezzo ma personalmente non l’ho mai acquistato, visto che fare l’hamburger non è molto difficile).
Scaldare la piastra e, quando sarà rovente, cuocervi l’hamburger da entrambi i lati e poi servire.
Io ho accompagnato gli hamburger con una bella porzione di patatine fritte ma è possibile sostituirle con delle verdure grigliate (es. peperoni, zucchine, melanzane), una bella insalata mista o delle patate al forno.
Immancabile per la perfetta riuscita del piatto è la presenza delle salse: a mio parere, più ce ne sono meglio è, ma i “must have” sono sicuramente salsa barbecue e senape.
Buon appetito anzi… Have a nice dinner!

Sweet potatoes

Sweet potatoes
Sweet potatoes

Sweet potatoes

Ho assaggiato per la prima volta le patate dolci americane in una steakhouse, servite come appetizers, accompagnate con salsa barbecue e senape. Da allora, me ne sono innamorata! Sono semplicemente deliziose, croccanti all’esterno ma morbide e cremose all’interno, dal sapore simile alla zucca…. mmm…. che bontà!

Quanto al metodo di cottura, ho optato per la frittura delle patate in olio bollente ma, se siete alla ricerca di una ricetta meno calorica, potete optare per la cottura in forno (15-20 minuti a 200 gradi).

Per il condimento, mi sono limitata a spolverare le patate fritte con sale, pepe nero e paprika ma voi potete optare per altre spezie come pepe rosa, erbe aromatiche, aglio in polvere, ecc.

Ingredienti per 2 porzioni abbondanti:

400 gr di patate dolci

60 gr di amido di mais

100 ml di acqua gassata

olio di semi di arachidi (o di girasole) q.b.

sale, pepe nero macinato, paprika, erbe aromatiche q.b.

 

 

Procedimento:

Lavare e pelare le patate dolci.
Con un coltello affilato, tagliare le patate dolci a bastoncini di uguale dimensione.
Sciacquare le patate sotto l’acqua corrente e asciugarle con un foglio di carta assorbente.
Versare in una ciotola l’acqua gassata e l’amido di mais, quindi mescolare bene con un cucchiaio per sciogliere l’amido.
Immergere le patate nella ciotola e ricoprirle completamente con l’acqua.
Estrarre le patate dall’acqua e tamponarle con un foglio di carta assorbente. Le patate dovranno essere perfettamente asciutte prima di essere fritte nell’olio bollente.
Riempire una padella di olio di semi di arachidi e scaldare.
Quando l’olio sarà abbastanza caldo, versare una manciata di patatine nella padella e cuocere fino a doratura.
Scolare le patate fritte con una schiumarola e adagiarle su un foglio di carta assorbente.
Procedere con la cottura delle altre patate.
Spolverare le patate cotte con un pizzico di sale, pepe nero macinato e paprika.
Servire le Sweet potatoes ben calde, accompagnate da cucchiaiate di salsa senape e/o barbecue.