panna montata

Belgian waffle

Belgian waffle
Belgian waffle

BELGIAN WAFFLE

Ieri mio padre è rincasato dicendomi: “Ti ho comprato un regalo così puoi preparare qualcosa di speciale per colazione..” e ha posato sul tavolo una scatola di media grandezza.

Subito ho pensato: “Cosa sarà? Una scorta di farine particolari per dolci, oppure gli stampi da cupcake in silicone che avevo visto al supermercato…”

E invece no, ho scartato e ho trovato il ferro per i Waffle!!

Lo volevo tanto!! È uno di quegli elettrodomestici belli da esporre in cucina, che è un peccato nascondere negli scaffali perché hanno un bel design, e soprattutto che puoi usare per realizzare leccornie in poco tempo!

I Waffle sono delle cialde soffici che venivano realizzate già nell’antica Grecia e successivamente, nel medioevo, si diffusero soprattutto nelle città nordeuropee.

E dunque, stamattina mi sono svegliata e ho costretto papi e mami a fare colazione così, alla belga!

I Belgian Waffle sono accompagnati di solito da frutta fresca, crema di cioccolata, sciroppo d’acero, marmellata ecc.

Per la nostra colazione in famiglia, io ho scelto dei frutti di bosco freschi, un cucchiaio di marmellata di fragole e un ciuffo di panna montata spray.

La ricetta che vi posto è quella presente nella confezione del ferro per Waffle, indicata per due dosi, e quindi per 2 Waffle che noi, essendo in tre, abbiamo diviso a metà ottenendo 4 porzioni.

 

 

Ingredienti:

70 gr di farina (io ho usato la farina di riso)
1 uovo
50 gr di zucchero (io ho usato il dolcificante Stevia)
Un pizzico di sale
50 gr di burro
Una bustina di vanillina
Frutta fresca q.b.
Marmellata q.b.
Panna montata q.b.

 

 

Procedimento:

In un recipiente unire le uova, il burro e lo zucchero e sbattere energicamente fino ad ottenere un composto morbido.
Aggiungere la farina setacciata, la vanillina e un pizzico di sale, e continuare a mescolare per evitare la formazione di grumi.
Accendere il ferro per i Waffle per farlo scaldare e, quando sarà caldo, spennellare le piastre con un filo di olio.
Quando le piastre avranno raggiunto la temperatura, versare un mestolo del composto al centro di ognuna delle due forme rettangolari, poi chiudere la piastra in modo che il composto si espanda per tutte la superficie della piastra.
Cuocere per 5 minuti poi estrarre il Waffle dalla piastra e adagiarlo sulla piastra.
Servire i Waffle ben caldi, accompagnati da frutta fresca e panna montata.

Bicchieri Oreo

Bicchieri Oreo
Bicchieri Oreo

Bicchieri Oreo

Un dessert cremoso e vellutato, con una base di biscotti Oreo e una crema al formaggio spalmabile, che bontà!

Oggi sono stata nel mio negozio preferito che vende dolciumi e cibi dal mondo e, tra gli scaffali, ho ritrovato i mitici biscotti Oreo, che papà mi comprava sempre negli autogrill quando andavamo in vacanza!!

Quanti ricordi! Ne ho preso subito una confezione e, tornata a casa, ho pensato di preparare questi bicchieri monoporzione di Oreo Cheesecake, ottenendo un risultato superlativo!! Un crumble di biscotti Oreo farcito con una morbida crema a base di formaggio Philadelphia, burro, panna fresca montata e zucchero a velo, che bontà!!!

Io ho usato dei vasetti di vetro per servire la Cheesecake ma voi potete usare anche gli stampi da budino o da muffin, o addirittura realizzare un’unica torta, magari aumentando le dosi.

Che ne pensate, vi ho convinto?

INGREDIENTI PER 2-3 BICCHIERI:

125 gr di formaggio Philadelphia ammorbidito
30 gr di burro a temperatura ambiente
60 gr di zucchero a velo
125 ml di panna fresca per dolci
10 biscotti Oreo (6 biscotti per il crumble + 2 biscotti per la decorazione)

PROCEDIMENTO:

Versare 6 biscotti Oreo nel mixer e tritarli ottenendo una sorta di crumble.
In una ciotola, unire il formaggio Philadelphia, il burro a temperatura ambiente, lo zucchero a velo mescolando bene per amalgamare tutti gli ingredienti.
In un’altra ciotola, montare la panna fresca con le fruste.
Unire la panna montata al composto con il formaggio, mescolando con una spatola delicatamente dal basso verso l’alto, per evitare di smontare la panna.
Ora preparare i bicchieri.
Versare un cucchiaio di crumble sul fondo del vasetto, poi aggiungere due cucchiai di crema, e ripetere di nuovo fino ad ultimare con uno stato di crema.
Procedere in questo modo per tutti i bicchieri e infine disporre su ognuno un biscotto Oreo.
Riporre in frigorifero a rassodare per almeno 2-3 ore. Servire i Bicchieri Oreo ben freddi.

Torta di compleanno

IMG_0974Torta di compleanno

Questa è la torta che ho realizzato per i 48 anni di mia madre, un soffice pan di spagna farcito con crema e ricoperto di panna e frutta. Vi piace?

 

Ingredienti:

per il pan di spagna:

100 gr di farina

3 uova

100 gr di dolcificante (o zucchero di canna o bianco)

1 confezione di panna fresca da montare

per la crema pasticcera:

4 tuorli

1 bustina di vanillina

50 gr di farina

100 gr di dolcificante (o zucchero di canna o bianco)

250 ml di latte

100 ml di panna fresca da montare

1 barattolo di ananas

scaglie o confettini di cioccolato

Procedimento:

Pan di spagna

In una ciotola, sbattere le uova insieme al dolcificante, fino ad ottenere un composto spumoso.

Aggiungere, poco alla volta, la farina a pioggia e continuare a mescolare dal basso verso l’alto, per non far smontare il composto.

Rivestire una tortiera di carta forno, versarvi il composto facendo attenzione a distribuirlo in maniera uniforme (e non solo al centro) e cuocere in forno preriscaldato a 190° per 20 minuti.

Sfornare e lasciare raffreddare.

 

Crema pasticcera:

Versare in un pentolino il latte, la panna, la bustina di vanillina (o la scorza di un limone, in alternativa) e portare a ebollizione, poi spegnere il fuoco.

Nel frattempo, separare i tuorli dagli albumi.

Unire i tuorli con il dolcificante e mescolare fino ad ottenere una crema omogenea.

Aggiungere la farina ai tuorli e continuare a mescolare.

Unire ora il composto ottenuto con il latte e la panna precedentemente cotti; mescolare bene poi riversare nel pentolino, accendere il gas e mescolare.

Quando la crema sarà ben densa, spegnere il fuoco, versarla in una ciotola capiente e lasciarla intiepidire.

 

Composizione della torta:

Tagliate il Pan di Spagna per ottenere tre strati (due da farcire con la crema, e uno finale).

In una ciotola, montare bene la panna con uno sbattitore elettrico.

Tagliare 4 fette di ananas in due (ottenendo così delle mezzelune da usare come decorazione), e le restanti in piccoli cubetti da unire alla crema pasticcera.

Bagnare il primo strato di pan di spagna con del latte, poi farcire con la crema pasticcera e i cubetti di ananas e ricoprire con il secondo strato di pan di spagna. Bagnare anche questo strato con il latte, farcire con la crema pasticcera e adagiarvi l’ultimo strato di pan di spagna.

Ricoprire ora tutta la torta con la panna montata (aiutatevi con un coltello grande) e riponetela in frigo per farla compattare.

Prima di servire, decorare la torta con le fette di ananas tagliate a mezzaluna e le scaglie o i confetti di cioccolato.

 

Che ne dite? La mia mamma ne è rimasta deliziata!

Pancakes panna e cioccolato

Pancakes panna e cioccolato
Pancakes panna e cioccolato

PANCAKES PANNA E CIOCCOLATO

Un’idea formidabile per una merenda o una colazione da 10 e Lode: pancakes americani guarniti con panna fresca e cioccolato, un tripudio di gusto e dolcezza!

Adoro i pancakes e, ultimamente, li ho serviti ai miei amici in occasione di una super merenda organizzata a casa mia, in terrazza (con la scusa di pianificare una sorpresa di compleanno per un’amica), servendoli accompagnati con granella di nocciole, cocco grattugiato, frutta fresca e sciroppata, marmellate di vari tipi, miele millefiori, panna fresca montata, frutta secca (noci sgusciate, mandorle tritate), ecc.

Sono stati un successone!!!

E voi, cosa ne pensate?? Vi ho tentato a sufficienza?

 

INGREDIENTI PER 2 PANCAKE MEDI:

60 gr di farina

1 cucchiaino di lievito in polvere

1 uovo medio

120 ml di latte

2 cucchiai di burro

1 cucchiaio di zucchero di canna

Un pizzico di sale

PER DECORARE:

Panna fresca q.b.
Topping al cioccolato q.b.
Cacao in polvere q.b.
Gocce di cioccolato q.b.

 

PROCEDIMENTO:

In una ciotola mescolare la farina setacciata, il lievito in polvere per dolci, lo zucchero di canna e un pizzico di sale.

In un’altra ciotola sbattere l’uovo.

Aggiungere il latte e mescolare.

Unire ora la ciotola con la farina a quella con le uova e mescolare bene per ottenere un composto privo di grumi (potete aiutarvi con una frusta),

Aggiungere ora due cucchiai di burro a temperatura ambiente e mescolare per amalgamare il tutto.

Ungere una padella antiaderente con una noce di burro e scaldarla su una fiamma.

Con l’aiuto di un mestolo, versare metà composto nella padella e cuocere per 2-3 minuti o fino a doratura.

Girare il pancake dall’altro lato per ultimare la cottura.

Procedere allo stesso modo anche per l’altro pancake.

Adagiare i pancake su un piatto e guarnirli con panna fresca montata, topping al cioccolato, una spolverata di cacao amaro e una manciata di gocce di cioccolato.

Torta ripiena

Torta ripiena
Torta ripiena

Torta ripiena

Una torta non buona, di più! Pura delizia per il palato, il paradiso dei golosi!

Una soffice e gustosa torta al cacao amaro farcita con caramello e ricoperta da una colata di

Nutella, un vero e proprio attentato alla dieta! Prima del primo morso penserete sicuramente “meglio astenersi..

Un solo morso equivarrà a trenta minuti di cardio fitness!” ma, dopo aver ceduto al primo morso,

penserete: “Questa torta val bene una settimana di palestra!” e allora, se sarete fortunate, vi

saprete limitare ad una fetta mentre, se siete chocolate-addicted come me, ne mangerete

anche due fette leccando anche il coltello usato per il taglio.
E dunque cari amici, avvertenze: questa torta crea dipendenza!!

 

 

Ingredienti:

Per la torta:
200 gr di farina
150 gr di zucchero di canna
2 uova
50 ml di olio di semi
60 gr di cacao amaro in polvere
150 ml di latte
1 bustina di lievito per dolci
1 bustina di vanillina

Per la salsa al caramello:
100 gr di zucchero di canna
90 gr di burro
125 ml di panna fresca

Per la copertura:
1 vasetto di Nutella

 


Procedimento:

Cominciare preparando la torta.
Preriscaldare il forno a 180 gradi e rivestire una teglia di carta forno.
In una ciotola, unire le uova, l’olio, il latte e la vanillina, mescolando il tutto.
Aggiungere la farina setacciata, lo zucchero, il cacao è il lievito, continuando a mescolare per ottenere un composto omogeneo e senza grumi.
Versare il composto nella teglia rivestita di carta forno e cuocere in forno caldo a 180 gradi per 30-35 minuti.
Sfornare e far raffreddare.
Nel frattempo, preparare la salsa al caramello, versando lo zucchero in un pentolino e scaldandolo a fuoco medio, mescolando per farlo sciogliere.
Quando lo zucchero sarà sciolto, smettere di mescolare e lasciar cuocere fino a che non diventa ambrato.
Aggiungere il burro e mescolarlo al caramello.
Quando burro e zucchero sciolto saranno ben amalgamati, aggiungere anche la panna fresca e continuare a mescolare fino ad ottenere una crema densa e omogenea.

Spegnere il fuoco e lasciar raffreddare.

Dividere la torta raffreddata a metà, ottenendo due dischi, e spalmare sulla base la salsa di caramello, quindi appoggiarvi sopra l’altro disco di torta, come a tornare un sandwich.
Riscaldare la Nutella per 1-2 minuti al microonde, in modo da scioglierla leggermente.
Spalmare la Nutella sulla superficie della torta, con cucchiaiate generose, poi riporre in frigo per farla rassodare.
Servire e divorare!!!

Strauben tirolesi

Strauben tirolesi
Strauben tirolesi

Strauben tirolesi

Gli Strauben sono gustose e croccanti frittelle tirolesi (simili alle chiacchiere di Carnevale), molto diffuse in Trentino Alto Adige e in Baviera, preparate con farina, latte, burro, uova e zucchero, ideali da mangiare a colazione o a merenda, accompagnate da una spolverata di zucchero a velo, ciuffi di panna montata fresca e generose cucchiaiate di marmellata (preferibilmente scura).

“Straub” in tedesco significa “tortuoso”, “scompigliato”, e indica appunto la forma attorcigliata che assumono queste frittelle durante la cottura in olio bollente.

 

Ingredienti per 7-8 Strauben:

200 gr di farina 00

25 gr di burro

250 ml di latte fresco (intero o scremato, come preferite)

1 cucchiaino di grappa (o altro liquore a vostra scelta)

2 uova

un pizzico di sale

per servire:

zucchero a velo q.b.

marmellata scura (di ciliegie, mirtilli o frutti di bosco)

panna montata fresca

 

Procedimento:

Sciogliere il burro nel microonde per 1 minuto alla max potenza o in un pentolino a bagnomaria.

In una ciotola capiente, mescolare  la farina con il latte e il burro fuso.

Rompere le uova e separare i tuorli dagli albumi.

Nella ciotola con la farina, aggiungere un cucchiaino di grappa e i tuorli, e continuare ad impastare con una forchetta o una frusta da cucina manuale.

In un’altra ciotola, montare gli albumi a neve con uno sbattitore.

Aggiungere gli albumi a neve all’impasto mescolando delicatamente dal basso verso l’alto, per evitare di smontare gli albumi.

Riempire una pentola d’olio per friggere e riscaldare.

Versare l’impasto in un sac a poche.

Quando l’olio comincerà a bollire, prendere il sac a poche e far colare l’impasto nella pentola con l’olio disegnando una sorta di chiocciola.

Friggere fino a doratura.

Scolare la frittella e adagiarla su un foglio di carta assorbente, quindi procedere alla cottura della seconda frittella.

Servire gli Strauben tirolesi ben caldi, cosparsi di zucchero a velo e accompagnati da ciuffi di panna montata e generose cucchiaiate di marmellata scura.

 

 

 

Torta Sacher

Torta Sacher
Torta Sacher

Torta Sacher

La Torta Sacher è uno dei miei dolci preferiti della cucina austriaca: una soffice torta al cioccolato farcita con marmellata di albicocche e ricoperta con glassa al cioccolato, mmm una vera bontà!!! Due famose pasticcerie viennesi si contendono la “paternità” della sacher: il famoso Caffé Sacher e la Pasticceria Demel. Fortunatamente, durante una vacanza nella capitale austriaca, ho avuto l’opportunità di assaggiare ambedue le versioni, entrambe accompagnate da ciuffi di panna fresca e una tazza di the e, posso sentenziare che la migliore è quella del Caffè Sacher, più soffice e dal retrogusto meno amaro.

La ricetta di seguito vi permetterà di ottenere una torta soffice, spumosa, che al primo assaggio vi riporterà ai fasti dell’impero austro-ungarico, facendovi immaginare di essere l’Imperatrice Sissi durante il the pomeridiano.

 

Ingredienti:

63 gr di farina 00

63 gr di burro

3 uova

75 gr di zucchero (di canna o semolato, come preferite)

75 gr di cioccolato fondente (io ho usato il fondente al 75%)

100 gr di marmellata di albicocche

20 gr di zucchero a velo

Per la glassa:

1 tavoletta di cioccolato fondente

100 gr di zucchero

3 cucchiai di acqua

 

 

Procedimento:

Preriscaldare il forno a 160° e rivestire una tortiera di carta forno.

In una ciotola, unire il burro con lo zucchero, aiutandovi con una frusta elettrica o manuale.

Separare i tuorli dagli albumi.

Aggiungere i tuorli e continuare a mescolare per amalgamare gli ingredienti.

Tagliare il cioccolato fondente a quadrotti e scioglierlo in un pentolino a bagnomaria.

Aggiungere il cioccolato fuso nella ciotola con i tuorli e mescolare bene con una frusta da cucina.

Aggiungere anche la farina setacciata e mescolare bene per ottenere un composto omogeneo e senza grumi.

Montare gli albumi a neve ben ferma con uno sbattitore elettrico e aggiungerli al composto con il cioccolato, mescolando delicatamente dal basso verso l’alto con una spatola, per non rischiare di smontare gli albumi.

Versare il composto ottenuto nella tortiera rivestita e cuocere in forno caldo a 160° per 45-55 minuti.

Sfornare la torta e lasciarla raffreddare a temperatura ambiente.

Una volta fredda, rimuovere la parte superiore della superficie della torta, poi tagliarla a metà ottenendo due strati della stessa altezza.

Distribuire la marmellata di albicocche sul primo strato della torta, poi richiuderla come fosse un sandwich.

Distribuire uno strato di marmellata anche sulla superficie del secondo strato della torta.

Ora preparare la glassa al cioccolato.

Tagliare il cioccolato a cubotti e scioglierlo in un pentolino a bagnomaria, insieme allo zucchero e a tre cucchiai di acqua.

Mescolare di continuo con un cucchiaio di legno, per ottenere uno sciroppo denso.

Quando la salsa sarà sufficientemente densa, spegnere il fuoco e versarla a filo sulla superficie della torta, cercando di ricoprirla tutta (senza lasciare buchi). La salsa dovrà essere versata dall’esterno verso l’interno, forando onde concentriche.

Lasciare raffreddare la torta ricoperta di salsa al cioccolato in frigorifero per 3-4 ore, in modo che la salsa si solidifichi.

Servire la Torta Sacher intera o tagliata a fette, magari accompagnata da qualche ciuffo di panna montata.

 

Scones all’uvetta

Scones all'uvetta
Scones all’uvetta

Scones all’uvetta

Gli scones sono una sorta di focaccine scozzesi tondeggianti, molto semplici da preparare (servono solo farina, burro e zucchero), usati per accompagnare il the, e quindi adatti per la merenda.

L’abbinamento scones-the fu inventato nella metà dell’800 dalla duchessa di Bedford Anna Stanhope, che chiese ai domestici di servire il the pomeridiano accompagnato da panini dolci.

Quando sono stata a Londra ho fatto l’afternoon tea in un ristorante storico inglese e ci hanno servito gli scones accompagnati da burro e marmellata (scura e chiara), pura libidine!! 

Nella ricetta che vi presento, ho arricchito gli scones con l’uvetta sultanina ma voi potete ometterla oppure sostituirla con altro tipo di frutta secca (mandorle, frutta candita, ecc.) o addirittura con le gocce di cioccolato fondente.

Ingredienti:

500 gr di farina 00

1 bustina di lievito in polvere per dolci

125 gr di burro

150 gr di zucchero (io ho usato lo zucchero di canna ma va bene anche il semolato)

300 ml di latte (intero o scremato, come preferite)

50 gr di uvetta sultanina (o altra frutta secca)

un pizzico di sale

 

Preparazione:

Preriscaldare il forno a 200 gradi e rivestire una teglia di carta forno.

Sciogliere il burro in un pentolino a fuoco medio.

Setacciare il lievito con la farina e poi unirvi il burro fuso, le uvette, il latte, lo zucchero, un pizzico di sale e impastare bene il tutto.

Su una spianatoia, stendere l’impasto con l’aiuto di un mattarello (non stenderlo troppo sottile) e poi ritagliare dei rettangoli con una formina.

Adagiare gli Scones sulla teglia rivestita di carta forno, distanziandoli l’uno dall’altro (lieviteranno durante la cottura).

In un piatto, sbattere un uovo e poi usarlo per spennellare gli scones sistemati nella teglia.
Infornare e cuocere a 200 gradi per 20 minuti.

Sfornare e far raffreddare a temperatura ambiente.

Servire gli Scones all’uvetta accompagnati da qualche cucchiaio di panna montata o di marmellata, e conservarli in un contenitore ermetico per 2-3 giorni.

Sandwich panna e Nutella

Sandwich panna e Nutella
Sandwich panna e Nutella

SANDWICH PANNA E NUTELLA

Questa ricetta credo sia una delle poche che contiene tutti gli ingredienti segreti della felicità: cioccolato, panna montata e Nutella. Mmmm… Come possono dei soffici tortini a base di Nutella e ripieni di panna fresca montata non tirarci su il morale?? 

Per la preparazione dei tortini ho usato sia la farina 00 che la farina di riso (considerata da molti chef l’ingrediente segreto per ottenere dolci morbidi e soffici) ma voi, in mancanza, potete usare solo farina 00 oppure sostituire la farina di riso con la fecola di patate.

 

 

Ingredienti:

100 gr di farina 00

60 gr di farina di riso (o fecola di patate, a vostra scelta)

150 gr di zucchero di canna

3 uova

200 ml di latte

4 cucchiai di Nutella

1 bustina di lievito in polvere per dolci

250 ml di panna fresca

3 cucchiai di miele millefiori

 

 

Procedimento:

In una ciotola sbattere le uova con lo zucchero di canna, per ottenere un composto spumoso.

Aggiungere il latte, la farina setacciata, la Nutella e il lievito, mescolando di continuo per amalgamare gli ingredienti ed ottenere un composto liscio e senza grumi.

Ora potete procedere in due modi: se avete a disposizione dei pirottini da muffin, potete versare il composto nei pirottini e cuocerli come se fossero muffin, spaccandoli poi a metà per farcirli con la panna montata.

Oppure, potete fare come me: versate il composto in una tortiera rivestita di carta forno e cuocere in forno caldo a 180 gradi per 30-35 minuti.

Nel frattempo, montate la panna con uno sbattitore.

Aggiungere 3 cucchiai di miele alla panna e mescolare.

Sfornare la torta e farla raffreddare.

Con un coppa pasta, tagliare la torta in tanti fischi e dividere ognuno a metà.

Farcire ogni disco con la panna e poi richiudere con un’altra disco, come a formare un sandwich.

Servire i Sandwich panna e nutella subito oppure riporre in frigorifero fino al momento di servire.

10 regole per un tiramisù perfetto

10 regole per un tiramisù perfetto

10 regole per un tiramisù perfetto
10 regole per un tiramisù perfetto

 

Il tiramisù è uno dei dessert italiani più amato in tutto il mondo creato, secondo alcune versioni, da un pasticcere toscano della corte di Cosimo III de’ Medici  e poi diffuso in tutta Europa.

Ma quali sono gli ingredienti da usare per la preparazione: Pavesini o savoiardi? Mascarpone o panna? Uova crude o cotte? Ecco a voi 10 regole per un tiramisù perfetto da preparare a casa vostra.

1) I biscotti

Gli unici veri biscotti deputati per la preparazione del tiramisù sono i Savoiardi, perfetti per assorbire il caffè. In alcune ricette vengono usati i Pavesini o gli Oro Saiwa, ma io mi chiedo: perché rovinare la ricetta originale??

2) Il caffè

Il caffè deve essere preparato con la moka e va leggermente allungato con un po’ di acqua. Evitate assolutamente il caffè solubile e l’aggiunta di zucchero.

3) L’inzuppo

I savoiardi vanno inzuppati nel caffè tiepido (o freddo), versato precedentemente in una pirofila, avendo cura di non imbeverli troppo.

In alcune ricette i savoiardi vengono inzuppati nel latte (soprattutto nei tiramisù alla frutta) o in un mix di caffè-latte, ma io preferisco la versione originale con solo caffè.

4) La crema al mascarpone

Una crema consistente è fondamentale per la perfetta riuscita del tiramisù. Per questo, sarà necessario rispettare le giuste proporzioni tra uova, zucchero e mascarpone; nello specifico, 4 uova, 4 cucchiai di zucchero, 400 gr di mascarpone.

Si procede sbattendo, in una ciotola e con l’aiuto delle fruste elettriche, i tuorli con lo zucchero, per ottenere una crema spumosa. Successivamente si aggiunge il mascarpone e si continua a mescolare.

Il passo successivo prevede il montaggio degli albumi a neve ben ferma con un pizzico di sale.

Gli albumi montati a neve andranno infine incorporati alla crema di uova e mascarpone, mescolando delicatamente dal basso verso l’alto per non far smontare gli albumi.

5) Uova si, uova no?

In alcune ricette, per coprire l’odore di uova, è prevista l’aggiunta di un goccio di Marsala o di Grand Marnier; visto che le uova saranno consumate crude, vi consiglio di usare le uova fresche e biologiche.

In altre si preferisce omettere completamente l’uso delle uova e sostituire gli albumi a neve con la panna montata per dolci. Il risultato? Una crema meno corposa ma ugualmente buona.

6) Panna si, panna no?

In alcune ricette, si preferisce omettere completamente l’uso delle uova e sostituire gli albumi a neve con la panna montata per dolci. Il risultato? Una crema meno corposa ma ugualmente buona. Io prediligo la ricetta originale e quindi ometto la panna dal tiramisù, e voi?

7) Assemblaggio

Il tiramisù va assemblato in una pirofila di vetro o in un contenitore in alluminio, con i bordi bassi. In alternativa, potete optare per un piatto da portata o realizzare direttamente una versione monoporzione già assemblata nel piatto in cui verrà servito il vostro dessert.

8) Tempo di riposo

Dopo essere stato assemblato, il tiramisù deve riposare in frigorifero per 3-4 ore prima di essere servito, in modo da far insaporire i biscotti con la crema.

8) La decorazione

Prima di servire, il tiramisù va decorato spolverando la superficie con del cacao amaro in polvere e/o gocce di cioccolato fondente.

Vi consiglio di non usare il cioccolato al latte perchè rischiereste di ottenere un risultato finale eccessivamente stucchevole.

10) Le varianti

Esistono molte varianti di tiramisù: alla frutta fresca, al the verde, banana e Nutella, con crema di pistacchio, con crema di nocciole, con la ricotta al posto del mascarpone, ecc. ma, a mio parere, la versione originale è sempre imbattibile!

10 regole per un tiramisù perfetto
10 regole per un tiramisù perfetto

1 2 3