frutta secca

Pollo alle mandorle

Pollo alle mandorle
Pollo alle mandorle

Pollo alle mandorle

Il Pollo alle mandorle è una delle ricette più famose della cucina cinese, insieme al riso alla cantonese e agli involtini primavera.

Ogni volta che vado a cena al ristorante cinese, non manco mai di ordinare almeno una porzione di nuvolette di gamberi e pollo alle mandorle, sono i miei piatti preferiti!

Stavolta ho deciso di preparare questo gustoso piatto a casa, con le mie mani, usando il wok e gli ingredienti tipici che caratterizzano il piatto: mandorle tostate, salsa di soia e zenzero.

Se volete arricchire la vostra ricetta, vi consiglio di aggiungere un cucchiaio di miele di castagno alla salsa di soia prima di versarla sul pollo in cottura nel wok, e una manciata di anacardi e mandorle.

L’accompagnamento perfetto per il Pollo alle mandorle? Una porzione di riso basmati, nel rispetto della migliore tradizione cinese.

 

 

Ingredienti per 2 porzioni:

200 gr di petto di pollo

50 gr di mandorle pelate e/o anacardi

1/2 cipolla

2 cucchiai di farina di riso

salsa di soia q.b.

2 cucchiai di olio di semi di girasole

zenzero fresco q.b. (o 1 cucchiaio di zenzero in polvere)

sale

 

 

Procedimento:

Tagliare il pollo a cubetti.

Passare i cubetti di pollo nella farina di riso.

Tritare finemente la cipolla.

Scaldare una padella antiaderente e tostarvi le mandorle per 2 minuti (in alternativa, potete usare il forno elettrico e cuocere le mandorle a 200 gradi per 4-5 minuti).

Pelare e grattugiare lo zenzero fresco

Scaldare 2 cucchiai di olio di semi nel wok.

Quando l’olio sarà caldo, aggiungere la cipolla tritata, lo zenzero grattugiato e i cubetti di pollo infarinato.

Salare e mescolare con un cucchiaio di legno.

Cuocere a fiamma media per una decina di minuti, mescolando spesso.

Quando il pollo sarà cotto, aggiungere la salsa di soia e le mandorle tostate e cuocere per altri 4-5 minuti.

Servire il Pollo alle mandorle ben caldo, accompagnato da una porzione di riso basmati.

Fettuccine al pesto di menta

Fettuccine al pesto di menta
Fettuccine al pesto di menta

FETTUCCINE AL PESTO DI MENTA

Una ricetta facile per un primo piatto dal gusto fresco, delicato, ideale da gustare per un pranzo estivo: saporite fettuccine condite con un pesto a base di menta, prezzemolo e pinoli, un piatto che riempirà di profumo tutta la vostra cucina!

Io ho usato le foglie di menta piccoline, che sono le più profumate, ma voi potete usare anche le foglie normali, senza porvi troppi problemi: il vostro pranzo sarà fantastico al 100%!!!

Vi consiglio caldamente di usare la pasta fresca (come le mie fettuccine, oppure le tagliatelle) e non rimediare sui classici spaghetti o bucatini perché rischiereste di sprofondare nella banalità, ottenendo un piatto dove la semplicità della pasta mal si sposa con la particolarità del condimento.

Il tocco in più? Un bel calice di vino bianco e qualche tartina di pancarrè con maionese o paté di olive… Ecco gli ingredienti per un pranzo non eccessivamente calorico, sfizioso e saporito… Cosa si può volere di più?!?

INGREDIENTI PER 1 PORZIONE:

90 gr di fettuccine (o qualsiasi altro tipo di pasta, purché fresca)
30 gr di foglie di menta
15 gr di foglie di prezzemolo
1 spicchio d’aglio
2 cucchiai di pinoli
2 cucchiai di parmigiano grattugiato
30 ml di olio extravergine di oliva
Sale

PROCEDIMENTO:

Riempire una pentola d’acqua e portarla a ebollizione per cuocervi la pasta.
Lavare le foglie di menta e di prezzemolo.
Nel boccale del frullatore a immersione, unire le foglie di menta e di prezzemolo, uno spicchio d’aglio, i pinoli, il parmigiano grattugiato e frullare tutto.
Aggiungere anche l’olio extravergine di oliva e un pizzico di sale e dare un’ultima frullata. L’obiettivo è ottenere un pesto cremoso, senza grumi e non troppo liquido.
Scolare le fettuccine al dente, versarle nel piatto e condirle con il pesto preparato.
Servire le Fettuccine al pesto di menta subito, magari aggiungendo un’ultima spolverata di parmigiano grattugiato.

Rocher

Rocher
Rocher

Rocher

Questi cioccolatini sono perfetti da servire ai vostri ospiti per deliziare i loro palati, o da mangiare dopo cena come dessert (ma occhio perché sono uno tira l’altro!). Sfiziosi bon bon ricoperti di cioccolato e ripieni di nocciole, nutella e wafer: una ricetta che metterà a dura prova l’efficacia del vostro allenamento in palestra!

La ricetta me l’ha suggerita mio padre che, dopo aver sperimentato i Baci https://blog.giallozafferano.it/unacucinadasingle/baci-homemade/  ed ottenuto un risultato spettacolare, ha deciso di darsi anima e corpo al mondo dei cioccolatini, provando prima i Raffaello https://blog.giallozafferano.it/unacucinadasingle/raffaello/ e poi i Rocher.

Ora voi ditemi: come si può non amare un padre così??? E’ proprio vera la frase: “Ogni uomo può essere padre ma deve essere una persona speciale per essere papà”.

 

Ingredienti per 20 cioccolatini:

400 gr di nutella

300 gr di nocciole tostate

20 nocciole intere

200 gr di wafer (io ho usato i wafer al cioccolato fondente)

1 tavoletta di cioccolato fondente

 

 

Procedimento:

Tritare i wafer.

Tritare le noci tostate grossolanamente.

In una ciotola, unire i wafer, le nocciole tritate e la Nutella, quindi mescolare bene con un cucchiaio di legno per amalgamare gli ingredienti.

Riporre la ciotola in frigorifero per almeno 30 minuti, in modo da far rapprendere il composto.

Rivestire un vassoio di carta forno.

Trascorsi 30 minuti, riprendere la ciotola e, con le mani, formare 20 palline con l’impasto ottenuto e disporle sul vassoio rivestito.

Inserire una nocciola intera al centro di ogni pallina e richiudere le palline.

Riporre nuovamente il vassoio con le palline di cioccolato in frigorifero per farle rassodare.

Sciogliere il cioccolato fondente in un pentolino a bagnomaria.

Una volta sciolto, spegnere la fiamma e far intiepidire il cioccolato.

Con l’aiuto di una pinza, prendere le palline ad una ad una e passarle nel cioccolato sciolto, poi adagiarle di nuovo sul vassoio con la carta forno.

Riporre i cioccolatini in frigorifero per l’ultima volta per almeno 1 ora.

Servire i cioccolatini freddi.

Baci homemade

Baci homemade
Baci homemade

Baci homemade

Non esiste festa di San Valentino senza i mitici Baci Perugina, i più famosi cioccolatini italiani, farciti con gianduia, granella di nocciola e ricoperti di cioccolato fondente.

Questi cioccolatini nacquero negli anni ’20 dal genio di Luisa Spagnoli, che pensò di impastare le nocciole tritate che venivano gettate durante la lavorazione dei dolciumi con cioccolato: nacque così un cioccolatino dalla forma che richiamava un pugno chiuso, dove la nocca più sporgente era costituita dalla nocciola intera inserita nell’impasto.

Giovanni Buitoni, allora Amministratore Delegato della Perugina, pensò di dare a questi cioccolatini il nome “Baci”, e successivamente si cominciò ad accompagnare ogni cioccolatino con un cartiglio con scritta una frase d’amore.

Quando ero più piccola, conservavo tutti i cartigli trovati nei Baci Perugina in una scatola di latta a forma di cuore (unitamente alle bustine di zucchero che hanno una frase scritta sul retro), e una delle frasi che più mi piacque fu “E’ incredibile quante cose si trovino mentre cerchi qualcos’altro”.

Questa ricetta dei Baci Perugina è presa dal programma televisivo “I menu di Benedetta” e vi permetterà di preparare in poco tempo dei deliziosi cioccolatini da regalare al vostro fidanzato per la festa degli innamorati o da servire ai vostri ospiti come dessert di fine pasto.

 

 

Ingredienti:

120 gr di nocciole
100 gr di farina 00
120 gr di crema alla nocciola (io ho usato la Nutella)
200 gr di cioccolato fondente (io ho usato due tavolette fondenti al 75% ma, se preferite, potete usare il cioccolato bianco, ottenendo così la variante bianca dei famosi Baci)

 

Procedimento:

Tritare le nocciole nel mixer.
In una ciotola, unire le nocciole ridotte in polvere, la farina e la Nutella.
Lavorare il composto con le mani e formare tante piccole palline da adagiare su un vassoio rivestito di carta forno.
Sciogliere il cioccolato fondente in un pentolino.
Ricoprire ogni pallina con il cioccolato fuso.
Far rassodare in frigorifero per una notte intera e poi servire i Baci homemade.

Linzertorte

Linzertorte
Linzertorte

Linzertorte

La Linzerorte è una delle torte più antiche al mondo, creata in Austria, nella città di Linz per l’esattezza, e famosa già nel XVII secolo.

Una ricetta semplice, a base di farina, burro, uova, cannella, nocciole e marmellata (preferibilmente scura),

in altre parole, una crostata italiana ma con la base più alta e con le nocciole nell’impasto.
In breve, una torta adatta da mangiare a colazione, a merenda, accompagnata da una tazza di the o come dessert al termine di una cena.

 


Ingredienti
:

350 gr di farina integrale
250 gr di nocciole
1 bustina di lievito per dolci
150 gr di burro
2 uova
150 gr di marmellata di fragole (o di ciliegie)
50 gr di zucchero di canna
2 cucchiai di miele millefiori
1 cucchiaio di cannella in polvere

 


Preparazione
:

In primo luogo, versare le nocciole nel bicchiere del mixer e frullarle per ridurle in polvere.
In una ciotola, unire le nocciole in polvere, la farina integrale, il lievito per dolci, il burro a temperatura ambiente e tagliato a pezzettini, un cucchiaio di cannella in polvere e lo zucchero di canna.
Quindi mescolare il tutto con le mani, per ottenere un composto “sbricioloso”.
Aggiungere ora le uova e il miele, continuare a impastare per ottenere una palla elastica e soda.
Avvolgere la palla di impasto nella pellicola e farla riposare in frigorifero per almeno 30 minuti.
Trascorso il tempo di riposo, rivestire una tortiera di carta forno e preriscaldare il forno a 180 gradi.
Stendere l’impasto su una spianatoia infarinata con l’aiuto di un matterello (non create una sfoglia troppo sottile ma cercate di farle rimanere i bordi alti) e poi adagiarlo all’interno della tortiera, lasciandone un po da parte per formare le “strisce” della torta.
Quindi spalmare la marmellata di fragole al centro della torta.
Con l’impasto tenuto da parte, realizzare infine delle strisce da mettere sulla marmellata per formare una griglia.
Cuocere la torta in forno caldo a 180 gradi per 30 minuti.
Infine, sfornare e far raffreddare prima di servire.

Linguine al pesto di rucola e stracciatella

Linguine al pesto di rucola e stracciatella
Linguine al pesto di rucola e stracciatella

LINGUINE AL PESTO DI RUCOLA CON STRACCIATELLA

Un primo piatto delizioso: Linguine al pesto di rucola con stracciatella, un modo perfetto per assaporare il cremoso formaggio pugliese, più saporito rispetto alla famosa burrata, a base di panna fresca e mozzarella.

Si tratta di un formaggio irreperibile al supermercato, e per questo vi consiglio di sostituirlo con della burrata oppure, come ho fatto io, fermarvi ad un caseificio (se siete di ritorno da una gita in campagna, come è successo a me) e acquistarla.
Per questa ricetta ho usato le linguine ma voi potete usare qualsiasi formato di pasta a vostra disposizione purché lunga (es. spaghetti, bucatini, ecc).

Per preparare il pesto ho usato un frullatore a immersione ma voi potete usare un robot da cucina o un mortaio, in base alle vostre disponibilità!

Amerete questo pesto, ne sono certa, poiché il suo sapore amarognolo viene smorzato benissimo dalla dolcezza della stracciatella. Un primo piatto veramente degno di nota, provare per credere 😉

Ingredienti:

80 gr di pasta
40 gr di rucola
15 gr di noci sgusciate
3 cucchiai di olio
1 cucchiaino di parmigiano grattugiato
1 spicchio di aglio
2-3 cucchiai di Stracciatella
3-4 pomodori pachino
Sale, pepe nero macinato

Procedimento:

Riempire una pentola d’acqua e portarla a bollore per cuocervi la pasta.
Nel frattempo, lavare e tagliare grossolanamente le foglie di rucola e i pomodori pachino,
Versare nel bicchiere del frullatore a immersione lo spicchio d’aglio, le noci, le foglie di rucola lavate e tagliate, un cucchiaino di parmigiano grattugiato, un pizzico di sale e frullare il tutto, aggiungendo un cucchiaio di olio per volta.
Quando la salsa sarà abbastanza cremosa, spegnere il frullatore a immersione e versare la salsa in uno recipiente.
Scolare la pasta al dente, unirla al pesto di rucola e mescolare bene.
Servire le Linguine al pesto di rucola e stracciatella decorando con una spolverata di pepe nero, pomodori pachino e generose cucchiaiate di stracciatella.

Galette des Rois

Galette des Rois
Galette des Rois

Galette des Rois

La Galette des Rois è un dolce tipico della Francia del Nord (ma diffuso anche nel Regno Unito con il nome di King cake e in Spagna con il nome di Roscon de Reyes), che viene consumato ogni anno il 6 gennaio in occasione dell’arrivo dei Re Magi.

Si tratta di una galletta a base di pasta sfoglia, cotta in forno e mangiata con marmellate, creme, crema frangipane, frutta, cioccolato ecc.

La tradizione vuole che nel dolce si nasconda una fava o, nelle famiglie più abbienti, la figura di un re, e la persona a cui capita di avere l’oggetto nascosto nella sua fetta di torta, è considerata il re della giornata.

Un dolce ideale da gustare come dessert di fine pasto o come merenda, rigorosamente nella giornata del 6 gennaio!!!

 

Ingredienti:

2 rotoli di pasta sfoglia rotonda

125 gr di mandorle

125 gr di zucchero

2 uova

125 gr di burro

1 tuorlo

 

Procedimento:

Preriscaldare il forno a 200 gradi e rivestire una tortiera di carta forno.
In una ciotola, unire il burro con lo zucchero, mescolando per ottenere un composto liscio e omogeneo.
In un mixer, frullare le mandorle per ridurle in polvere.
Aggiungere al composto di burro e zucchero le mandorle in polvere e le 2 uova, mescolando bene.
Adagiare un rotolo di pasta sfoglia nella tortiera rivestita di carta forno e versarvi sopra il composto di mandorle e uova ottenuto.
Ricoprire con il secondo rotolo di pasta sfoglia e sigillare bene i bordi, delineandoli con i rebbi di una forchetta.
In una ciotola, sbattere il tuorlo d’uovo e spennellarlo sulla superficie della galette.
Con la lama di un coltello, disegnare degli incroci sulla superficie della galette e praticare dei minuscoli fori sulla pasta, per evitare che si gonfi durante la cottura.
Cuocere in forno caldo a 200 gradi per 20 minuti, fino a doratura.
Sfornare e far raffreddare prima di servire.

Crumble di panettone

Crumble di panettone
Crumble di panettone

Crumble di panettone

Una ricetta facile facile per riciclare il panettone avanzato a Natale: un crumble realizzato con una base di panettone e farcito con mele e frutta secca.

Una ricetta facile, veloce ed economica, ideale per servire ai vostri ospiti un dessert sfizioso utilizzando ingredienti avanzati.

Se non avete a disposizione il panettone, potete usare il panettone o un altro dolce a vostra disposizione, come il plumcake o una semplice torta margherita.
Come frutta secca, io ho usato uvetta sultanina, canditi, noci tritate e pinoli, ma voi potete aggiungere ciò che più preferite o comunque ciò che avete in dispensa!

Via libera alla fantasia e al riciclo!!

 

Ingredienti:

Panettone avanzato q.b.

2 mele

Una manciata di frutta secca (io ho usato un mix di uvetta sultanina, canditi, noci e pinoli)

1 bicchiere di latte

100 gr di farina 00

50 gr di zucchero

50 gr di burro

Cannella in polvere q.b.

 

 

Procedimento:

Preriscaldare il forno a 200 gradi e rivestire una teglia di carta forno.

Tagliare il panettone a fette (o a pezzi più piccoli, se il panettone che avete è già tagliato) e adagiarle nella tortiera rivestita, per formare la base del crumble.

Bagnare il panettone con mezzo bicchiere di latte.

Sbucciare la mela, tagliarla a dadini e versarla in una ciotola.

Unire alla mela a dadini la frutta secca e mescolare bene.

Versare la mela e la frutta secca sulla base di panettone e distribuire uniformemente.

Bagnare lo strato di mela e frutta secca con il latte rimasto, e spolverare con la cannella in polvere.

In una ciotola, unire la farina, lo zucchero, il burro e un pizzico di cannella, mescolando per ottenere un impasto sbricioloso, un crumble insomma!

Distribuire il crumble sopra le mele e la frutta secca, poi infornare la torta a 200 gradi per 15-20 minuti circa.

Sfornare e far raffreddare a temperatura ambiente.

Servire il Crumble di panettone intero o tagliato a fette.

Panforte

Panforte
Panforte

Panforte

Il panforte è un dolce senese tipico del periodo natalizio, le cui origini risalgono addirittura all’anno 1000, quando i farmacisti e gli speziali erano gli incaricati della preparazione di questa ricetta, per via del l’elevato quantitativo di spezie presenti in essa.

Tuttavia, solo dal 1400 la ricetta del Panforte diviene famosa grazie all’incremento dei traffici commerciali interregionali e europei.
Il nome “panforte” deriva proprio dal sapore aspro conferito al dolce dai frutti canditi e dalla frutta secca presente.
Una ricetta semplice ma altamente speziata e ricca di sapore, a base di mandorle, canditi, miele, zucchero e farina: un tripudio di vera dolcezza!
Esistono due versioni di panforte: una bianca (creata in onore della Regina Margherita di Savoia, nel cui impasto il pepe nero viene sostituito con l’aroma di vaniglia), e una nera, quest’ultima raccontata nella ricetta seguente.

Un dolce ideale da gustare nel periodo festivo, accompagnato da un the per la merenda pomeridiana, o dopo cena come dessert.

Ingredienti:

250 gr di mandorle con la pelle

100 gr di nocciole

150 gr di noci

75 gr di farina

150 gr di zucchero

150 gr di miele (io ho usato il miele millefiori)

400 gr di frutta candita mista (cedro, arancia, ciliegie)

3 albumi

1 cucchiaino di cannella in polvere

3 chiodi di garofano macinati

1 ostia per dolci

Pepe nero macinato q.b.

Noce moscata q.b.

zenzero in polvere q.b.

Zucchero a velo q.b.

Procedimento:

In primo luogo, preriscaldare il forno a 180 gradi e rivestire una teglia di carta forno.

Adagiare le mandorle sulla teglia rivestita e cuocerle in forno caldo per 10-15 minuti, in modo da tostarle.

Nel frattempo, in un pentolino, sciogliere il miele e lo zucchero a fuoco basso.

Mescolare bene per far sciogliere lo zucchero.

Quando il composto sarà denso, spegnere il fuoco.

Dopo tritare finemente le nocciole e le noci.

In una ciotola, unire le mandorle tostate, le nocciole e le noci tritate, la frutta candita, il miele tiepido, gli albumi, la farina e tutte le spezie.

Amalgamare bene tutti gli ingredienti.

Rivestire una teglia di carta forno e foderare i bordi con l’ostia.

Versare il composto sulle ostie, pressando con le mani per evitare la presenza di zone vuote.

Cuocere il Panforte in forno caldo a 150 gradi per 40 minuti.

A cottura ultimata, sfornare il dolce, farlo intiepidire e poi spolverarlo con lo zucchero a velo.

Infine, servire il Panforte freddo, tagliato a quadrotti.

Panpepato

Panpepato
Panpepato

Panpepato

Il panpepato è un dolce natalizio tipico della cucina umbra.

Una ricetta di non facile realizzazione (per via del lungo tempo richiesto, due giorni + 1 ora di cottura in forno) e non proprio economica (gli ingredienti base sono cioccolato e frutta secca), ma fidatevi che la pazienza premerà gli sforzi: un dolce aromatizzato, speziato, dal sapore deciso, che sarà divorato da tutti!
Una ricetta elaborata ma che vi farà fare un figurone senza alcun dubbio!
Inoltre, questa ricetta è adatta anche agli intolleranti al glutine e a chi segue un regime alimentare vegano poiché viene utilizzata la farina di farro e la ricetta è priva di uova, burro e latticini.

Ingredienti:

500 gr di farina di farro
500 gr di nocciole
750 gr di noci
250 gr di mandorle
75 gr di cioccolato fondente (io ho usato la tavoletta fondente al 75%)
200 gr di uvetta
100 gr di canditi
50 gr di pinoli
500 ml di vino bianco
250 gr di zucchero (io ho usato lo zucchero di canna)
500 gr di miele
1 cucchiaio di pepe nero

Procedimento:

Preriscaldare il forno a 170 gradi.
Rivestire una teglia di carta forno e adagiarvi tutta la frutta secca (noci, nocciole, mandorle, pinoli).
Tostare la frutta secca in forno caldo per 20 minuti, dando una mescolata alla frutta di tanto in tanto (basta una volta, a metà cottura).
In un pentolino, sciogliere il cioccolato e il miele per ottenere una crema densa.
Versare il vino e lo zucchero di canna in un pentolino e portarlo a ebollizione.
In una ciotola, versare la frutta secca tostata, i canditi, il vino bollito, l’uvetta, il pepe nero, il cioccolato sciolto e mescolare aggiungendo, pian piano, la farina.
Impastare con le mani per ottenere un composto compatto.
Adagiare il composto su una spianatoia e lasciarlo riposare per una notte, coperto da un panno.
La mattina, preriscaldare il forno a 180 gradi.
Lavorare il composto formando una sorta di cupola e sistemarla su una teglia rivestita di carta forno.
Cuocere in forno caldo a 180 gradi per almeno un’ora, fino a doratura.
Sfornare e far raffreddare prima di servire.

1 2 3 5