dolci senza cottura

Budino al cappuccino

Budino al cappuccino
Budino al cappuccino

Budino al cappuccino

Un budino morbido e dal gusto insolito (cappuccino!), preparato con latte di soia, caffè, zucchero e colla di pesce), e accompagnato da una salsa di fragole fresche.

Il budino è uno dei miei dessert preferiti perché si realizza facilmente, non richiede una particolare bravura per essere preparato, ed è perfetto da servire ai vostri ospiti o da mangiare da soli, davanti ad una bella serie TV.

Se non vi fidate dell’accostamento cappuccino-fragole, vi consiglio di sostituire quest’ultime con qualche cucchiaiata di Nutella o ciuffi di panna montata fresca, tanto per dare un tocco in più al vostro dessert.

 

Ingredienti:

Un bicchiere di latte (io ho usato il latte di soia perché secondo me ha un sapore migliore rispetto al latte parzialmente scremato)

1 tazzina di caffe

1 cucchiaio di zucchero (o dolcificante)

1 foglio di colla di pesce

fragole q.b.

succo di mezzo limone

 

 

Procedimento:

Riempire una tazza con acqua fredda e ammollarvi il foglio di colla di pesce per circa 10 minuti.

In un pentolino, scaldare il latte di soia con il caffè e un cucchiaino di zucchero, senza raggiungere l’ebollizione.

Quando il latte sarà ben caldo, toglierlo dal fuoco.

Strizzare il foglio di colla di pesce, unirlo al latte e mescolare bene per far sciogliere il foglio.

Versare il composto ottenuto in un bicchiere (o in uno stampo da cucina) e lasciare in frigorifero per almeno 3 ore. Io, non avendo uno stampo da cucina, ho usato un calice da vino e vi consiglio di fare lo stesso, in modo da servirlo ai vostri ospiti ottenendo un risultato “scenografico”.

Prima di servire il budino, preparare la salsa di fragole lavando bene queste ultime e poi tagliandole a pezzetti (io le ho lasciate intere).

Cuocere le fragole in un pentolino con il succo di limone per 5 minuti, giusto il tempo di far creare la salsa.

Prima di servire il budino, decorarlo con la salsa di fragole e… Buon appetito!

Crostata alla ricotta

Crostata alla ricotta
Crostata alla ricotta

Crostata alla ricotta

Per il ripieno, io ho seguito la ricetta classica che prevede l’uso della sola ricotta ma, se volete qualcosa di più sfizioso, potete aggiungere gocce di cioccolato, uvetta, canditi, pinoli, mandorle, ecc.

 

Ingredienti:

per la pasta frolla:

3 uova

500 gr di farina 00

300 gr di burro

250 gr di zucchero (di canna o semolato, come preferite)

1 bustina di lievito in polvere per dolci

1 bustina di vanillina

per il ripieno:

500 gr di ricotta

2 uova

40 gr di zucchero

la scorza grattugiata di un limone

 

 

 

Procedimento:

Iniziare con la preparazione della pasta frolla.

In una ciotola unire la farina, lo zucchero e la vanillina, quindi fare un buco al centro.

Tagliare il burro a cubetti e versarli nel buco fatto al centro della farina.

Rompere le uova e sbatterle in un piatto.

Versare le uova nel buco al centro della farina e cominciare ad impastare con le mani.

L’obiettivo è ottenere un panetto morbido, elastico e privo di grumi.

Impastare per 5-10 minuti poi avvolgere il panetto nella pellicola trasparente e lasciarlo riposare in frigorifero per almeno 1 ora.

Nel frattempo, preparare il ripieno della crostata.

In una ciotola unire la ricotta, lo zucchero, le uova e la scorza grattugiata di un limone.

Mescolare il tutto con un frullatore o con una frusta manuale, per ottenere una crema liscia, densa e spumosa.

Trascorso il tempo di riposo, togliere il panetto di pasta frolla dal frigorifero e stenderlo su una spianatoia infarinata con l’aiuto di un mattarello.

Rivestire una teglia di carta forno e preriscaldare il forno a 180 gradi.

Distribuire la sfoglia di pasta frolla nella teglia per formare il guscio della crostata.

Con la sfoglia avanzata, realizzare delle strisce.

Versare il ripieno di ricotta nel guscio di pasta frolla e distribuirlo uniformemente.

Disporre le strisce di pasta frolla sulla crostata per formare la famosa griglia.

Cuocere la crostata in forno caldo a 180 gradi per 40 minuti.

Una volta cotta, sfornare la crostata e lasciarla intiepidire a temperatura ambiente.

Servire la Crostata alla ricotta a merenda o come dessert.

 

 

 

 

 

Tiramisù al ginseng

Tiramisù al ginseng
Tiramisù al ginseng

Tiramisù al ginseng

Questa è una variante della famosa ricetta italiana, un dessert peccaminoso a base di pavesini inzuppati nel caffè ginseng, ricoperti da una crema di panna, uova e ricotta.
Il caffè ginseng è una bevanda asiatica simile al caffelatte, in grado di facilitare la digestione, migliorare l’appetito e ridurre il senso di stanchezza.

L’idea di sostituire il caffè con il ginseng mi è venuta guardando un film sul famoso tiramisù e sono rimasta molto soddisfatta, proprio perché il risultato è un dessert dal sapore meno “amarognolo” e adatto anche ai bambini.

Che ne dite, vi ho convinto?

 

Ingredienti per 2 porzioni:

250 ml di panna fresca
2 uova
5 cucchiai di zucchero di canna grezzo
80 gr di ricotta
1 tazza grande di caffè ginseng freddo
2 confezioni di pavesini
2-3 cucchiai di cacao in polvere (io ho usato il cacao zuccherato ma voi potete usare anche quello amaro, in base ai vostri gusti)

 

 

Procedimento:

Separare i tuorli dagli albumi e montare questi ultimi a neve ben ferma con l’aiuto di uno sbattitore.
In un’altra ciotola, mescolare i tuorli con lo zucchero di canna grezzo fino ad ottenere una consistenza spumosa.
In una ciotola, montare la panna fresca con le fruste.
Aggiungere la ricotta alla ciotola con i tuorli e mescolare.
Ora incorporare anche gli albumi a neve e la panna montata, mescolando il tutto con una spatola di legno per ottenere una crema densa e omogenea.
Cominciare ora a comporre il tiramisù: inzuppare bene i pavesini nel caffè al ginseng (dovranno essere super morbidi) e disporli sulla base del piatto o in una pirofila (io, dovendo preparare due porzioni, ho realizzato il tiramisù già nei piatti da portata, pronto per essere servito😉).
Ricoprire i pavesini con uno strato di crema e una spolverata di cacao, poi ripetere l’operazione di nuovo.
Lasciare il tiramisù a rassodare in frigorifero per almeno 4 ore.
Prima di servire, decorare il tiramisù con un’ultima spolverata di cacao.

Semifreddo alla vaniglia e frutta fresca

Semifreddo alla vaniglia e frutta fresca
Semifreddo alla vaniglia e frutta fresca

Semifreddo alla vaniglia e frutta fresca

Il semifreddo alla vaniglia è una ricetta facile e veloce per uno sfizioso dessert adatto alla stagione estiva.

Io ho decorato il semifreddo con fette di frutta fresca (mele e kiwi, per la precisione), ma voi potete usare ciò che più vi piace votate e le gocce di cioccolato, scaglie di cocco disidratato, ciuffi di panna fresca, glassa al cioccolato, ecc.

 

 

Ingredienti per due porzioni:

250 ml di panna fresca da montare
2 uova
50 gr di zucchero di canna
1 bustina di vanillina
2 cucchiai di miele liquido
Fette di frutta fresca q.b.

 

 

Procedimento:

In una ciotola, sbattere bene i tuorli con lo zucchero di canna e la vanillina.
Montare gli albumi a neve ben ferma (il trucco è aggiungere un pizzico di sale agli albumi prima di montarli).
In una terza ciotola, montare la panna fresca a neve.
Unire ora gli albumi a neve alla panna, mescolando delicatamente con una spatola dal basso verso l’alto, per evitare di smontare gli albumi.
Aggiungere al composto anche la crema di uova e amalgamare il tutto.
Rivestire due stampini di pellicola trasparente e versarvi la crema ottenuta, sbattendoli bene sul tavolo per eliminare le bolle d’aria e livellare il composto.
Riporre gli stampini a raffreddare in congelatore per almeno 5 ore.
Estrarre gli stampini dal congelatore una decina di minuti prima di servirli, rovesciarli ognuno su un piatto da dessert e decorarli con fette di frutta fresca e due cucchiai di miele liquido.

Bavarese al pistacchio

Bavarese al pistacchio
Bavarese al pistacchio

Bavarese al pistacchio

Adoro il pistacchio!!! I dolci al pistacchio sono i miei preferiti, pensate che la torta della mia laurea era tutta verde e al pistacchio, tanto che gli amici mi hanno soprannominata “la dott.ssa Pistacchio”!! E allora, cosa c’è di meglio di una bavarese cremosa e super gustosa??

Se siete alla ricerca di altre ricette al pistacchio, vi consiglio di assaggiare la tavoletta biancoverde descritta al seguente link https://blog.giallozafferano.it/unacucinadasingle/tavoletta-biancoverde/

 

 

Ingredienti per 2 stampini:

125 ml di latte
1 tuorlo
30 gr di zucchero
1 bustina di vanillina
20 gr di pasta di pistacchio
3 gr di colla di pesce
Zucchero a velo e cacao amaro in polvere per decorare

 

 

Procedimento:

In un pentolino, portare a bollore il latte con la vanillina, poi spegnere il gas e mettere da parte.
In un recipiente, lavorare i tuorli con lo zucchero poi aggiungere la pasta di pistacchio e amalgamare bene.
Ammollare la gelatina in un recipiente con acqua fredda per almeno 10 minuti, poi strizzarla e incorporarla alla crema di pistacchio.
Quando il latte sarà tiepido, unirlo alla crema di pistacchio e mescolare amalgamando bene.
Versare il composto in 2 stampini da budino e far riposare in frigorifero per almeno 6 ore.
Sformare le bavaresi su un piatto, decorarli con una spolverata di zucchero a velo e di cacao amaro e servirli.

Semifreddo alle nocciole

Semifreddo alle nocciole
Semifreddo alle nocciole

semifreddo alle nocciole

un dessert facile ed economico, gradito da tutti sia nella stagione estiva che invernale, il cui sapore ricorda lontanamente quello della mitica “Viennetta”.

Ogni volta che lo preparo, la cosa che più mi scoccia è il dover aspettare una notte intera prima di consumarlo, un’attesa estenuante!

Odio preparare dolci e consumarli il giorno seguente, è una tortura, ma alla fine, gli sforzi vengono sempre ricompensati.

Io ho decorato il semifreddo con nocciole tostate e topping al caramello, ma voi potete aggiungere qualche ciuffo di panna fresca, cacao amaro in polvere, scaglie di cioccolato fondente, e qualsiasi altra cosa a vostra disposizione: lasciatevi guidare dalla fantasia e otterrete un risultato sicuramente eccellente!

 

Ingredienti per uno stampo da plumcake (7-8 fette):

100 gr di nocciole tostate

2 uova

60 gr di zucchero di canna

250 ml di panna

per decorare: topping al caramello Fabbri e qualche nocciola tritata

 

Procedimento:

Tritare le nocciole in un mixer fino a ridurle in granella.

In una ciotola, sbattere con le fruste i tuorli con lo zucchero, fino ad ottenere un composto spumoso.

Aggiungere anche la granella di nocciole e mescolare bene per amalgamare gli ingredienti.

In un’altra ciotola, montare gli albumi a neve con un pizzico di sale.

In una terza ciotola, montare la panna fresca.

Unire la panna montata al composto con le uova e mescolare delicatamente.

Aggiungere ora anche gli albumi, mescolando delicatamente con una spatola, dal basso verso l’alto, per evitare di smontare gli albumi.

Rivestire uno stampo da plumcake di pellicola e versarvi il composto, livellandolo bene e sbattendo lo stampo più volte sul tavolo, per evitare la formazione di vuoti d’aria.

Riporre lo stampo in freezer per tutta la notte, in modo che il composto solidifichi.

Mezz’ora prima di servire, estrarre lo stampo dal freezer e rovesciare il semifreddo sul piatto da portata.

Servire il semifreddo decorandolo con nocciole tritate e topping al caramello..

 

Crostata di frutta fresca

Crostata di frutta fresca
Crostata di frutta fresca

Crostata di frutta fresca

La crostata di frutta fresca è stata la torta del mio primo compleanno, che bel ricordo!!

Un semplice guscio di pasta frolla farcito con crema pasticciera e frutta fresca di stagione, una vera bontà!!!

Per questa ricetta, ho usato kiwi, banane e fragole ma voi potete aggiungere altra frutta come le arance, i mandarini, le more, i mirtilli, le pesche, ma vi sconsiglio di usare le mele perché tendono ad annerire.

Una merenda o un dessert semplicemente divino, che soddisfa sia il palato sia lo sguardo, e preparato con poco sforzo e minima spesa. Che ne dite, vi ho convinto??

Ingredienti:

Per la base:
250 gr di farina
140 gr di burro
70 gr di zucchero
2 uova
1 bustina di vanillina
1 bustina di lievito in polvere per dolci

Per la crema pasticcera:
400 ml di latte
100 ml di panna fresca per dolci
8 uova
150 gr di zucchero
40 gr di farina
1/2 bacca di vaniglia
1 bicchierino di rum

Per decorare:
Frutta fresca q.b.
Gelatina alimentare

Procedimento:

Cominciare preparando la base della crostata.

Su una spianatoia disporre la farina, lo zucchero, la vanillina e il lievito in polvere per dolci a fontana.

Fare un buco al centro della farina e versarvi le uova e il burro tagliato a cubetti.

Cominciare a impastare con le mani, per ottenere un panetto compatto ed elastico.

Avvolgere il panetto nella pellicola trasparente e riporlo in frigorifero a riposare per almeno 30 minuti.

Nel frattempo, preparare la crema pasticcera.

Separare i tuorli dagli albumi, poiché per la ricetta serviranno solo i primi.

In una ciotola, sbattere i tuorli con lo zucchero, il rum e la bacca di vaniglia, fino ad ottenere un composto spumoso (usate una frusta da cucina o uno sbattitore elettrico).

Aggiungere la farina setacciata e continuare a mescolare per evitare la formazione di grumi.

Versare il latte e la panna per dolci in un pentolino e portare a bollore.

Quando il latte sarà caldo, aggiungere nel pentolino il composto con le uova, quindi mescolare con una frusta per 2-3 minuti, continuando la cottura a fuoco basso.

Quando la crema si sarà addensata, spegnere il fuoco e travasare la crema in un contenitore di plastica o ceramica, per farla raffreddare a temperatura ambiente.

Riprendere l’impasto per la base della crostata e stenderlo su una spianatoia con l’aiuto di un mattarello.

Preriscaldare il forno a 180 gradi e rivestire una teglia di carta forno.

Stendere la frolla nella tortiera.

Cuocere in forno caldo a 180 gradi per 15-20 minuti.

Sfornare e lasciar intiepidire.

Una volta tiepida, riempire il guscio di pasta frolla con la crema pasticcera e disporre sulla superficie la frutta fresca tagliata a fette.

Lucidare la frutta con la gelatina alimentare e riporre la Crostata di frutta fresca in frigorifero fino al momento di servire.

Bignè ghiotti

Bignè ghiotti
Bignè ghiotti

Bignè ghiotti

Questi bigné sono un vero peccato di gola: croccanti bigné (io ho usato quelli confezionati ma voi potete realizzarli tranquillamente nella vostra cucina) farciti con una crema bigusto al cioccolato fondente e bianco, pura libidine!!!! Io ho usato le tavolette di cioccolato ma voi, se non le avete a disposizione, potete sostituirle con il cacao in polvere, otterrete comunque un risultato degno di nota! (altro…)

Torta al limone e cocco

Torta al limone e coccoTorta al limone e cocco

Questa Torta al limone e cocco è fantastica da mangiare a merenda, magari accompagnata da una tazza di tè speziato.

Una torta soffice, morbida, che durante la cottura riempirà la vostra cucina del profumo di agrumi, una vera delizia!

Farina, uova, zucchero, lievito, olio di semi e limoni fanno di questa torta un piccolo assaggio di paradiso.

L’assenza di burro e latte, inoltre, rende questo dolce perfetto per gli intolleranti al lattosio.

Per l’aroma, io ho usato solo la scorza di limone e il limoncello ma, se preferite, potete aggiungere una bustina di vanillina o una fialetta di aroma al limone.

 

 

Ingredienti:

200 gr di farina 00

50 gr di farina di riso

4 uova

200 gr di zucchero di canna (o semolato, come preferite)

100 ml di olio di semi di girasole

1 bicchierino di limoncello (facoltativo)

100 ml di acqua

1 limone

1 bustina di lievito per dolci

scaglie di cocco grattugiato q.b.

 

 

 

Procedimento:

In una ciotola, sbattere le uova con lo zucchero di canna usando una frusta elettrica o una forchetta.

Lavare il limone e grattugiarne la scorza.

Nella ciotola con le uova, aggiungere la scorza grattugiata del limone, l’acqua, il limoncello, l’olio di semi di girasole e continuare a mescolare.

Aggiungere la farina setacciata e mescolare.

L’obiettivo è ottenere un composto omogeneo, privo di grumi solitamente dovuti alla farina.

Come ultimo ingrediente, aggiungere il lievito in polvere e mescolare.

Preriscaldare il forno a 180 gradi.

Rivestire uno teglia di carta forno e versarvi il composto.

Cuocere la torta in forno caldo per circa 40 minuti, fino a doratura.

Prima di sfornare la torta, fare la “prova dello stuzzicadenti”: infilare lo stuzzicadenti nella torta e spegnere il forno solo se lo stuzzicadenti sarà perfettamente pulito.

Altrimenti, lasciare cuocere la torta per qualche altro minuto.

Una volta pronta, sfornare la torta e lasciarla raffreddare a temperatura ambiente.

Prima di servire la Torta al limone e cocco, spolverare la superficie con scaglie di cocco grattugiato.

Buona merenda!

 

 

 

 

1 2 3 5