Cozze Gratinate

DSC_1881fSiamo finalmente nella stagione delle Cozze Nere, voglio consigliarvene una semplicissima ricetta le Cozze Gratinate. Chi sa in quanti bouffet o antipasti le avete gustate, provando però a casa siete rimasti delusi. E’ una ricetta semplice nella componentistica, ma proprio per questo richiede componenti di prima qualità trattati nella migliore maniera. Volendone preparare una buona ventina, un buon numero, se facente parte di un antipasto misto di quattro o cinque persone, occorrerà una mezz’ora di tempo o poco più e questi ingredienti:

  • mezzo chilo circa di Cozze Nere freschissime, come capirlo? devono essere perfettamente sigillate e lucide perché umide
  • due manciate di Mollica di Pane Pugliese di Semola di Grano Duro e di almeno due o tre giorni
  • un ciuffetto di Prezzemolo fresco
  • uno spicchio d’Aglio nuovo
  • quanto basta di Pepe Nero macinato o schiacciato al momento
  • un generosissimo giro d’Olio Extra Vergine di Oliva di eccellente qualità, possibilmente Pugliese, di quello che si “sente”
  • mezzo Limone fresco e maturo

DSC_1849fDSC_1852f

Cominciamo con il grattugiare grossolanamente la Mollica del Pane Pugliese di Semola di Grano Duro, moderatamente raffermo essendo di almeno due o tre giorni, potete anche farlo in un robot ma con pochi giri, non deve tornare farina, se non fosse abbastanza secco, passatelo un attimo in un forno appena tiepido e ventilato, lasciatelo raffreddare e conditelo con Aglio grattugiato e Prezzemolo tritato, amalgamatelo per bene e lasciatelo ad incorporare i profumi; a proposito di questo, vi sconsiglio di mettere nel mixer insieme pane, prezzemolo ed aglio, cosa che ho visto fare a più d’uno, le lame metalliche alterano il sapore del prezzemolo e aglio specie se lasciassimo che si riscaldino; un semplice coltello, meglio se di ceramica, è l’unico attrezzo che ci vuole. Passiamo alle Cozze, aprendole a crudo, per questa ricetta è, direi, indispensabile farlo, quanto meno, se non ne siete per niente capaci e, malgrado le semplici spiegazioni, messe a vostra disposizione nel precedente articolo scritto a tal proposito, non avete alcuna voglia di provare, almeno, aprendole sul fuoco, seguite i consigli inseriti nello stesso articolo. Aperte che sono le cozze, come si dice a Taranto, “a menza skorz”, togliendo una delle due valve, disporle in bell’ordine in una teglia o leccarda di forno e cospargerle con attenzione con il pane aromatizzato, irroratele con l’Olio, senza parsimonia, non è il momento di far diete o, eventualmente, fatela mangiandone pochissime, ma, che siano, buonissime, spolverare con Pepe Nero direttamente dal mulinello o dal mortaio, io preferisco quest’ultimo, mi piace la sua irregolarità e approssimazione. A questo punto bagnatevi le punte delle dita nell’Acqua delle Cozze che avrete, come sempre, conservato, e spruzzatene un po’ su tutto. Intanto il forno deve aver raggiunto i suoi 200°C, infornate nella parte centrale, per non più di dieci minuti, il tempo sufficiente a che la parte superficiale del pane diventi croccante, sarà sufficiente a cuocere quel minimo indispensabile le cozze. Mangiarle calde, tiepide o fredde, son sempre buone, spruzzate minimamente al momento con succo di limone e, volendo, un minimo d’altro pepe.

Tante altre ricette con Cozze Nere le troverete cliccando per il loro SPECIALE

DSC_1890f

Seguiteci anche su Facebook, cliccando qui andrete alla nostra pagina, se è il caso, date un “Mi Piace”

INDICE FOTOGRAFICO di tutti gli articoli pubblicati

Precedente Tubetti alla Marinara di Aguglie Successivo Cozze in Insalata

2 commenti su “Cozze Gratinate

  1. Arcangelo Panza il said:

    Innanzitutto doverosissimi complimenti per la passione ed il gusto con cui “rendi viva” ogni ricetta!
    Proverò questa variante anche se io preferisco farle così…
    Innanzitutto preferisco non mescolare al grattugiato di pane il prezzemolo e l’aglio, ma sminuzzati finemente insaporire direttamente le cozze, irrorandole poi con olio evo. Il grattugiato lo mescolo a circa 1 etto di pecorino romano, con il composto riempio le cozze. Un cucchiaino di acqua super gassata su ogni cozza, fa in modo che il ripieno non secchi troppo, si mantenga umido e si gonfi in cottura, formando una specie di guscio che trattiene ed esalta i sapori e Buon Appetito!

  2. suditaliaincucina il said:

    Il tuo è completamente un altro concetto, in effetti tu ottieni una cozza quasi ripiena, completamente avviluppata, come vedi, le mie non lo sono. All’acqua gassata preferisco l’acqua delle stesse cozze, che per la sua abbondanza e la fugace cottura non rischieranno mai d’asciugarsi, Buon Appetito anche a te.

I commenti sono chiusi.