Fagiolina del Transimeno – ricette

Fagiolina di Transimeno

La Fagiolina del Transimeno è un ottimo legume tipico della zona dell’omonimo lago del centro Italia, nella provincia di Perugia in Umbria. Al palato risulta burrosa e piacevole, la sua buccia sottile e il sapore unico la rende perfetta per sfiziosi antipasti, una gustosa zuppa anche abbinata al tartufo, oppure come contorno in umido servito con della polenta calda o del pesce. Questo piccolissimo fagiolo della tradizione è molto variopinto, la sua coltivazione è faticosa e completamente manuale; nel 2000 è diventato presidio slow food.

Dove comprarla? In vendita online si trova facilmente. Per le sue proprietà leggi qui.

STAGIONE della fagiolina di Transimeno secca – si raccoglie in autunno e trova tutto l’anno, consiglio di consumarla entro 18 mesi dalla produzione.

Altre ricette di legumi meno usuali

Fagiolina di Transimeno in umido
  • DifficoltàFacile
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di cottura40 Minuti
  • Porzioni4
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaBenessere
  • StagionalitàTutte le stagioni

Fagiolina del Transimeno in umido

DOSE a persona:  

– g 50 -60 come contorno

– g 30 nelle zuppe o sulla bruschetta

200 g fagiolina del Trasimeno
700 g acqua
1 spicchio aglio
2 foglie alloro (oppure: anice, cumino, origano, rosmarino, salvia, santoreggia, sedano, semi di finocchio, zenzero)
1 cipolla (piccola)
Mezza carota
Mezzo gambo sedano
1 cucchiaio olio extravergine d’oliva
2 pizzichi sale

Non necessita di ammollo, ma come per le lenticchie consiglio di farlo (da mezzora a 2 ore) per diminuire i tempi di cottura.

230,48 Kcal
calorie per porzione
Info Chiudi
  • Energia 230,48 (Kcal)
  • Carboidrati 35,46 (g) di cui Zuccheri 2,18 (g)
  • Proteine 11,84 (g)
  • Grassi 5,47 (g) di cui saturi 0,69 (g)di cui insaturi 0,05 (g)
  • Fibre 3,84 (g)
  • Sodio 216,92 (mg)

Valori indicativi per una porzione di 120 g elaborati in modo automatizzato a partire dalle informazioni nutrizionali disponibili sui database CREA* e FoodData Central**. Non è un consiglio alimentare e/o nutrizionale.

* CREA Centro di ricerca Alimenti e Nutrizione: https://www.crea.gov.it/alimenti-e-nutrizione https://www.alimentinutrizione.it ** U.S. Department of Agriculture, Agricultural Research Service. FoodData Central, 2019. https://fdc.nal.usda.gov

Fagiolina del Transimeno in umido

 cottura fagiolina del lago di Transimeno

Lavare la fagiolina sotto l’acqua corrente, quindi lessarla, partendo dall’acqua fredda, per circa 30 minuti dal bollore (10 minuti dal fischio se in pentola a pressione). A scelta aromatizzare l’acqua con 1 spicchio d’aglio e qualche foglia di alloro, in alternativa utilizzare un rametto di rosmarino o l’alga kombu.

Nel frattempo, tritare finemente la cipolla, la carota e il sedano in un mixer elettrico.

Una volta che la fagiolina è cotta, scolarla e porla in un tegame assieme al trito vegetale, un filo d’olio e il sale. Insaporire il tutto per una decina di minuti o fino a raggiungere il grado di cottura desiderato. All’occorrenza aggiungere dell’acqua calda.

Altre RICETTE

Fagiolina in INSALATA: cuocere immersa in acqua fredda per circa 45 minuti dal bollore (15 minuti dal fischio se in pentola a pressione). Una volta cotta, scolare e condire in insalata con sale e un buon olio extra vergine di oliva.

PASTA con fagiolina: lessare la fagiolina (g 150), quindi scolarla. Cuocere la pasta al dente (g 250). Quindi in un’ampia padella soffriggere in un filo d’olio dell’aglio e del peperoncino, versarci dentro la pasta e la fagiolina (in parte si può ridurre a crema con un tritatutto o il passaverdure), fare insaporire e servire calda.

ZUPPA: porre in ammollo la fagiolina per 15 minuti. Nel frattempo tritare finemente: una cipolla, una carota, un gambo di sedano e se gradito uno spicchio d’aglio. In una capiente pentola, versare la fagiolina scolata, il trito di verdure e coprire il tutto con dell’acqua fredda. Cuocere la minestra per circa 40 minuti o fino a cottura (in pentola a pressione cuoce in 15 minuti). Salare solo a fine cottura, servire nel piatto con un filo d’olio extra vergine di oliva a crudo.

BRUSCHETTA per onnivori: cuocere la fagiolina per 30 minuti in acqua, quindi scolarla e cuocere per altri 10 minuti in acqua salata. Una volta cotta scolare e condire con dell’olio. In un tegame, rosolare della salsiccia spellata e sbriciolata, quindi aggiungerla alla fagiolina cotta. Tostare del pane e ancora caldo, strofinarci sopra uno spicchio d’aglio tagliato a metà. Porre i legumi e la salsiccia sopra alla bruschetta.

Scarica l’APP “Ortaggi che passione

disponibile solo per Android

🍀🍀🍀🍀🍀

SEGUIMI su

🍀FACEBOOK 🍀INSTAGRAM 🍀YOUTUBE 🍀PINTEREST 🍀TIK TOK 🍀TWITTER

Non perdere le ricette di stagione sulla mia HOME.

Copyright ©ORTAGGI che passione by Sara Grissino

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Sara Grissino

Cuoca green, seguo la stagionalità degli alimenti nella preparazione dei miei piatti. Amo conoscere, sperimentare in cucina i prodotti della campagna e non solo. Solare, mi piace stare in mezzo alla gente, condividere emozioni ed imparare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.