Rimedi casalinghi – Idee furbe in cucina

rimedi casalinghi - idee furbe in cucina

Rimedi casalinghi – Idee furbe in cucina

Ci troviamo talvolta a dover risolvere alcune situazioni di ordine casalingo e non sappiamo come fare, spesso abbiamo la soluzione a portata di mano e non ci facciamo caso…

Questa pagina sarà un piccolo vademecum dove man mano inserirò dei trucchetti o rimedi casalinghi … alcuni li ho sperimentati personalmente e sono già super collaudati, altri li ho solo riportati,  ognuno ne tragga le proprie considerazioni…

 Rimedi e trucchi per la casa e l’ambiente

  • Acqua
  • Se ci troviamo fuori casa e abbiamo la necessità di bere, spesso ci portiamo dietro la classica bottiglietta. Per mantenere l’acqua fresca più a lungo nel periodo estivo, basta avvolgerla nella carta di giornale.
  • Acqua che bolle
  • Per evitare che schizzi fuori dalla pentola, aggiungere un pezzettino di burro o un cucchiaio di olio.
  • Ape
  • Per immobilizzarla senza ucciderla e senza rischi, spruzzarle addosso dell’acqua, poi raccoglierla e metterla fuori dalla finestra perchè si riprenda.
  • Alloro
  • Si trova in foglie fresche o secche, ottimo per aromatizzare. E’ molto utile per conservare alcuni cibi in dispensa ed evita la formazione delle cosidette “farfalline”: basta mettere un pò di foglie di alloro in un sacchetto di stoffa, chiuderlo e posizionarlo vicino ai cereali, legumi e farine. E’ utilissimo per infusione, come digestivo e rilassante. Immancabile nel ragù, negli stufati e nelle conserve sott’olio.
  • Avocado
  • Se è troppo acerbo, immergerlo in una ciotola piena di farina bianca e lasciarvelo per mezza giornata, oppure avvolgerlo per un paio di giorni in un foglio di carta di giornale.
  • Biscotti
  • Conservarli in un barattolo di vetro o ceramica mettendo sul fondo un pizzico di sale, manterrà più a lungo la friabilità dei biscotti.
  • Bottoni
    Affinchè restino attaccati + a lungo, cucire solo due fori x volta, fissare il filo e spezzarlo, cucire gli altri due fori, così se una cucitura si allenta, l’altra resiste; oppure, stendere sul filo, sia dalla parte che aderisce al tessuto che sull’esterno, smalto per unghie trasparente. In caso di bottoni con 2 fori, effettuare una doppia cucitura.
  • Carciofi
  • Quando puliamo i carciofi, di solito per evitare che si anneriscano viene utilizzato il succo dei limoni. E’ un’ottimo rimedio; ma se in casa non abbiamo limoni? Basta aggiungere all’acqua un paio di cucchiai di farina bianca.
  • I carciofi sono un’ottimo alimento, però talvolta ad alcuni soggetti possono provocare gonfiore e mal di stomaco. Un rimedio efficace per ovviare a ciò, è quello di aggiungere dei semi di finocchio nella loro preparazione.
  • Crema pasticcera
  • Leggo spesso che molti si creano problemi  durante la preparazione della crema pasticcera per via della formazione dei grumi. Questo capita per il semplice motivo che per mescolare viene utilizzato il classico cucchiaio di legno. Per evitare che si formino i grumi, è importante, anzi, direi indispensabile, usare una frusta al posto del cucchiaio, sia al momento di incorporare la farina che durante la cottura. Questo faciliterà di parecchio il procedimento e la crema sarà un capolavoro. Inoltre, un altro trucchetto per evitare che si formi la condensa sulla crema, è quello di coprirla con un tovagliolo di carta, in questo modo la carta assorbirà l’umidità mentre la crema si raffredda.
  • Emergenza pangrattato
  • Se abbiamo bisogno di smaltire delle fette biscottate che magari stanno per scadere, basta metterle nel mixer, ed ecco pronto il pan grattato per le cotolette;  le fette biscottate, sono anche la soluzione ideale quando in emergenza non ci troviamo in casa della mollica già pronta.
    E’ molto utile preparare in anticipo il pangrattato e conservarlo in freezer. (Trovi qui la ricetta per il pangrattato aromatizzato).
  • Farina
    E’ capitato anche a voi di trovare qualche ospite indesidarato all’interno del pacchetto della farina?
    Questo succede perchè l’ambiente della cucina è soggetto ad umidità, ed è proprio l’umidità il principale nemico della farina, dei legumi e cereali in genere. Per ovviare a questo fastidioso problema, ho trovato un rimedio utilissimo. Intanto ho preso l’abitudine a non tenere in casa troppe scorte di questo tipo di alimenti; compro il minimo indispensabile, sistemo i sacchetti all’interno di scatole in plastica munite di coperchio e li ripongo in frigo. Vi posso assicurare che funziona! Ultimamente lo sto adottando anche per le spezie e aromi.
  • Forno
  • Un rimedio efficacissimo per pulirlo senza l’ausilio di prodotti chimici è quello di utilizzare l’aceto. Io faccio così: Riempio per metà una pentola o una teglia con acqua e aceto in parti uguali, la posiziono al centro del forno e lo faccio riscaldare alla massima potenza. Dopodichè, spengo il forno, e mentre è ancora caldo inizio a pulirlo con un panno, usando la stessa acqua e aceto che ho messo all’interno. Lo sporco viene via molto velocemente, eventuali piccole tracce di incrostazioni (sopratutto sul vetro) li elimino con un pò di bicarbonato asciutto, poi risciacquo tutto con acqua sempre calda. Da quando adotto questo metodo mi trovo benissimo e il forno risplende di vero pulito, inoltre si eliminano anche i cattivi odori. Essendo il forno abbastanza caldo, l’unica accortezza sarà quella di indossare guanti di gomma per evitare scottature.
  • Frigorifero
  • Per evitare la formazione di cattivi odori all’interno del frigorifero, lavarlo spesso con acqua e bicarbonato o acqua e aceto. Poi sarà utile tenere una ciotolina con il bicarbonato in polvere su un ripiano alto del frigo rinnovandolo di tanto in tanto.
    Un altro rimedio contro i cattivi odori è quello di versare alcune gocce di Tea tree oil su un dischetto di cotone e posizionarlo su un ripiano del frigo. Il Tea tree oil è un efficace antibatterico.
  • Ghiaccio
  • Per evitare che i cubetti di ghiaccio si attacchino tra di loro, una volta estratti dal freezer e dall’apposito contenitore, aggiungere al recipiente che li contiene, il succo di mezzo limone.
  • Gusci d’uovo
    Tritati finemente e mescolati alla terra, sono un ottimo fertilizzante per le piante da appartamento.
  •  Il latticello è un ingrediente che viene utilizzato sopratutto per la preparazione di dolci, aggiunto all’impasto contribuisce a renderli più morbidi e soffici. E’ utile nella preparazione della famosa Red Velvet, per i pancake, oltre che per pane, torte e biscotti. Viene utilizzato anche per ammorbidire carne, pollo e selvaggina. Il sistema migliore per ottenere il vero latticello in casa consiste nel montare della panna fresca per almeno 10/15 minuti, in questo modo il burro si separa dalla sua parte liquida e si ottiene quindi il latticello (ad es. con una confezione di panna fresca da 250ml si ottengono circa 90 gr. di burro e 125 ml di latticello).
    Finto latticello: Per ottenere velocemente il latticello, mescolare latte e yogurt in parti uguali (es.200 ml + 200 ml) e aggiungere un cucchiaino di succo di limone. Lasciare riposare a temperatura ambiente per 10/15 minuti e poi utilizzarlo.
  • La lavatrice
    Per mantenere la lavatrice perfettamente pulita, periodicamente procedere con questo trattamento:
    Versare nella lavatrice 4 litri di aceto, scegliere un programma a 30°, far fare il ciclo completo, in modo che l’aceto pulisca i tubi e le manichette eliminando residui di sapone e calcare.
  • Lievitazione
  • Per sapere con certezza i tempi giusti, prima di coprire la pasta per farla lievitare, staccarne un pezzettino e porlo a parte, in un bicchiere pieno d’acqua tiepida; quando il pezzetto di pasta viene a galla, l’impasto sarà al punto giusto di lievitazione, pronto per essere lavorato.
  • Lievito
  • Per verificare se il lievito a cubetti è ancora efficace, immergerne un pezzettino in una tazza di acqua bollente, se resta a galla è utilizzabile, se va a fondo,va buttato. Per fare le torte, può essere sostituito con gli albumi montati a neve. Per renderlo più efficace, spremere sul lievito al momento dell’impasto, mezzo limone o un cucchiaino di zucchero.
    Spesso capita di  utilizzare i cubetti del lievito per metà, in questo caso, quello che avanza si potrà congelare. Al momento dell’utilizzo, basta farlo sciogliere in un po’ di acqua tiepida o latte.
  • Macchie ostinate
    Per le macchie ostinate di frutta, vino, ecc. su capi bianchi o chiari in fibra naturale, la soluzione più economica e rapida è quella di mettere della candeggina in un vaporizzatore, e prima del lavaggio spruzzare il prodotto direttamente sulle macchie, poi procedere con il lavaggio in lavatrice; le macchie spariranno  e (visti i prezzi dei vari prodotti per smacchiare) si saranno risparmiati un bel po’ di soldini!
  • Panna acida
  • Montare a neve 200 ml di  panna fresca, poi unire un cucchiaino di succo di limone, 1/2 cucchiaino di sale e mescolare.
  • Pentole bruciate con incrostazioni
    A chi non è mai capitato di bruciare una pentola e magari pensare di doverla buttare perchè irrimediabilmente compromessa? Basta metterci un pò d’acqua con aceto e bicarbonato e farla bollire per 10 minuti, poi spegnere e lasciarla raffreddare. Dopodichè, con una spatola cercare di rimuovere l’incrostazione. I piccoli residui andranno via con la semplice paglietta d’acciaio.
  • Piatti e stoviglie
  • Insieme al detersivo per i piatti, è utile aggiungere all’acqua mezzo bicchiere di aceto bianco, oltre ad eliminare gli odori e a sanificare le stoviglie, faciliterà il risciacquo e farà da brillantante naturale.
  • Piumoni e coperte lavabili a mano
  • Se non possedete una lavatrice di ultima generazione con maxi cestello o non vi va di spendere una certa cifra in lavanderia per far pulire i vostri piumoni , un rimedio molto economico è quello di lavarli in casa. Per farlo al meglio e igienizzarli, basterà riempire la vasca da bagno con acqua (ovviamente se ce l’avete una vasca…) 🙂 e aggiungere uno o due bicchieri di candeggina profumata. Mescolare bene e immergere il piumone fino a bagnarlo completamente. Lasciarlo in immersione mezza giornata, poi togliere il tappo della vasca in modo da eliminare l’acqua attraverso lo scarico. Strizzare un po’ il piumone fino ad eliminare tutta l’acqua residua, quindi riempire nuovamente la vasca  con  acqua pulita. Dopo averlo sciacquato, far scaricare nuovamente  tutta l’acqua, poi trasferirlo in una vasca capiente e stenderlo. Avrete già capito che la soluzione di usare la candeggina è quella ideale, in quanto, non producendo schiuma, rende facile il lavoro del risciacquo, altrimenti impossibile da fare. Con questo trattamento i vostri piumoni saranno puliti e profumati quasi a costo zero.
  •  Prezzemolo

prezzemolo

  • Prima mi capitava spesso di dover buttare via il prezzemolo dopo un paio di giorni dall’acquisto, diventava ingiallito o si afflosciava. Per evitare di buttare via il prezzemolo e… i soldini spesi, metterlo in un sacchetto di quelli usati per congelare, far uscire l’aria e sistemarlo nel reparto + basso del frigo; durerà per almeno 10 giorni….Provare per credere!!!
  • IMPORTANTE: NON LAVARE IL PREZZEMOLO  PRIMA DI METTERLO NEL SACCHETTO, IN QUANTO, UN EVENTUALE RESIDUO DI UMIDITA’ LO FAREBBE MARCIRE.

 

Ti potrebbero interessare anche:

Erbe aromatiche e spezie
Olive verdi schiacciate e condite
Conserve
Radicchio di Treviso in agrodolce

Se ti va, puoi seguirmi anche sulla mia Fan Page: Clicca QUI

Senza titolo-1

 Grazie x la visita! Torna a trovarmi!!! ;)

COPYRIGHT

Precedente La scatola dei biscotti - raccolta di biscotti fatti in casa Successivo Gelatina di Ribes rossi - ricetta facile

4 commenti su “Rimedi casalinghi – Idee furbe in cucina

  1. LELLA il said:

    IO PER IL PREZZEMOLO USO QUESTO METODO: LO TRITO FINEMENTE E LO METTO NELLE VASCHETTE DEL GHIACCIO, LO RICOPRO CON OLIO E LO CONGELO. QUANDO I CUBETTI SONO DURI LI METTO IN UN SACCHETTO DA FREEZER E COSI’ E’ SEMPRE PRONTO PER OGNI UTILIZZO.

    • Ottima soluzione, anch’io ogni tanto faccio così (utile averlo di scorta), ma certe ricette richiedono proprio il prezzemolo fresco e allora preferisco conservarlo in quel modo. Grazie e buon pomeriggio! 🙂

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.