Crea sito

Panbrioche light per focacce soffici e leggere


Vi piace il panbrioche? Io lo adoro in tutte le sue forme, chi mi segue da un pò sicuramente ha visto che ultimamente sto sperimentando sempre forme nuove, ripieni diversi …
Dopo mille prove ho trovato il giusto equilibrio tra sofficità e leggerezza, volevo ottenere un panbrioche che fosse si soffice, ma che non contenesse uova nè burro e finalmente ci sono riuscita!
Nella foto che segue vi ho messo la “prova del dito” 🙂 Provare per credere
Vi consiglio di provare questa ricetta, da quando l’ho provata la prima volta non l’ho più abbandonata e tutte le mie focacce degli ultimi tempi hanno “lei” come base 🙂 Soffice, delicata, profumata ma al tempo stesso leggera….


Se vuoi ricevere gratuitamente le notifiche delle ricette e tutte le novità, clicca QUI
 
Ti aspetto nella mia pagina Facebook che trovi cliccando qui  e su Pinterest cliccando qui

panbrioche
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 300 gFarina Manitoba
  • 200 gFarina 0
  • 12 gLievito di birra fresco (o 3 gr lievito di birra secco)
  • 20 mlOlio extravergine d’oliva
  • 260 mlLatte (tiepido)
  • 1 cucchiainoZucchero
  • q.b.Sale

Preparazione del panbrioche light

  1. Per impastare io uso la macchina del pane, la trovo estremamente comoda e veloce, ma se non l’avete va benissimo un comune impastatore o meglio ancora le vostre abili mani 🙂

  2. Inizio col miscelare le due farine, aggiungo il lievito granulare ed il cucchiaino di zucchero (se usate il lievito di birra scioglietelo nel latte), aggiungo anche l’olio ed avvio l’impastatrice, dopo qualche istante inizio ad aggiungere il latte a filo fino ad esaurimento .

  3. panbrioche

    Aspetto che la macchina del pane crei una palla e solo a quel punto aggiungo il sale (io ne metto un cucchiaio raso), lascio ancora impastare e lievitare per almeno due ore al buio ed in luogo tiepido ed asciutto.

  4. Per mia abitudine e comodità, preferisco usare poco lievito ed allungare notevolmente i tempi di lievitazione, se ne avete la possibilità potete ridurre il lievito anche a 2 grammi, lasciate riposare poi l’impasto per circa due ore, poi lo lavorate, create il panbrioche che volete e lo lasciate lievitare ancora almeno 3 ore sempre in luogo tiepido ed asciutto.

  5. In genere io impasto ad ora di pranzo ed inforno circa 6 ore dopo, in questo modo posso risparmiare sul lievito ed ottenere un prodotto finale ancora più digeribile 🙂

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da mollichedizucchero

45 anni, un marito , due figlie piccolissime ed una passione sfrenata: i fornelli !!! Il blog nasce per raccogliere e proporre in maniera semplice, tutti i miei esperimenti culinari... Sono bene accetti consigli, suggerimenti e critiche :-)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.