Porri al vino bianco con latte e robiola, Ricetta contorno

Adoro i porri al vino bianco con latte e robiola vi garantisco che è una bomba di bontà. Richiede un pò di tempo per la pulizia ma credetemi ne vale proprio la pena. Devo dire di aver introdotto da poco l’utilizzo di questo ingrediente nei miei piatti e devo ammettere che si riescono a preparare degli ottimi piatti. Le dosi indicate sono per due, tuttavia confido nel vostro innato talento per dosare quanto trascritto e portare le quantità al dosaggio che più si avvicina alle vostre esigenze. 

porri

Ingredienti per 2 persone:

porro  2  /  olio per il soffritto q.b.  /   latte ½ bicchiere  /  robiola 1 cucchiaio  / 
vino bianco  ½ bicchiere  /  maggiorana 1 cucchiaino scarso  /  brodo vegetale q.b.  /  burro una noce  /  sale q.b.

 Procedimento:

porri

Affetta il porro
( a rondelle o a striscioline – qui dipende dal piatto  che si vuole realizzare  e come si vogliono utilizzare –
personalmente le preferisco a rondelle ma mi capita anche di tagliarle a striscioline per poi dividerle a metà perché tendono ad attorcigliarsi).

Saltale in padella con un po’ d’olio.
Quando sono appassite innaffiale col vino e  appena quest’ultimo  evapora unisci il latte.
Cucino  a fuoco moderato lasciando andare per qualche minuto a pentola coperta.

A seconda dei gusti, a chi piace sentire la consistenza del porro sotto i denti consiglio di  assaggiarli per regolarsi con i tempi durante la cottura. Normalmente io li cucino per almeno 20″ a fuoco basso innaffiando con un pò d’acqua per non lasciare che si asciughino troppo.

Poi unisco il sale,  la robiola e un po’ di brodo vegetale  se troppo asciutto. Termino con una noce di burro a fuoco basso insieme ad una spolverata di maggiorana.

porriQuesto sughetto lo uso anche per condire la pasta, ma è nato così allo scopo di accompagnare la polenta con un sugo che fà leccare le dita.

Allegria e buon appetito!

Grazie della visita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.