Pici

Adoro la pasta fatta in casa e cerco di provare tutti i formati che sento anche solo nominare. Questa volta ho voluto preparare i pici fatti in casa e devo dire che è stato molto più semplice di quel che pensavo. Sono un’ottima pasta che raccoglie molto bene il sugo. Danno il loro massimo con il sugo all’aglione, ma sono ottimi anche per una cacio e pepe, o con del pesto, o con un buon ragù.
I pici sono una pasta tipica tipici del sud della Toscana, in particolare di Siena, della val d’Orcia, della val di Chiana, del Monte Amiata, della Provincia di Arezzo. Si trovano paste simili anche qui in Umbria, come ad esempio gli umbricelli

pici
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di riposo30 Minuti
  • Tempo di cottura4 Minuti
  • Porzioni4
  • Metodo di cotturaBollitura
  • CucinaItaliana

Ingredienti per 4 persone

  • 500 gfarina 0
  • 1 pizzicosale
  • 240 mlacqua (calda)

Preparazione

  1. Per prima cosa mettete la farina sulla spianatoia formando una fontana, poi mettete il sale . Versate l’acqua calda (non deve essere bollente, ma solo un po’ calda) al centro della fontana, poca per volta, e fatela assorbire dalla farina.

    La quantità di acqua può variare un pochino a seconda della farina utilizzata. L’importante è che venga fuori un panetto liscio e omogeneo di un impasto bello sodo.

    Lasciate il panetto sul piano di lavoro e copritelo con una ciotola poi fatelo riposare per 30 minuti.

  2. pici

    Una volta trascorsi i 30 minuti dovrete infarinare per bene il piano di lavoro e l’impasto e iniziare a stenderlo con il mattarello fino ad ottenere una sfoglia di 3 millimetri di spessore.

    Tagliatela in 3 grandi strisce di circa 15 centimetri di lato, poi prendete una striscia per volta e tagliate delle striscioline di 4-5 millimetri di lato.

    Ora mettete un cucchiaino di olio di semi sulla spianatoia e distribuitelo bene con le mani facendolo assorbire dal legno. Prendete una strisciolina per volta e lavoratela a mano con un movimento delicato per tirare e arrotolare ogni spaghettone. Questa lavorazione si chiama “appiciare” ed è questo che da il nome a questo formato di pasta.

  3. Per cuocerli li dovrete gettare in acqua bollente salata. Il tempo di cottura è circa 4 minuti ma conviene sempre fare una prova di assaggio prima di scolarli.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: