Ricetta del panforte di Siena

ieri qui da me c’era davvero brutto tempo e allora sai che c’è? Ho deciso di preparare una ricetta che io adoro, la ricetta del panforte di Siena.
Il panforte è un dolce tipico senese, che ha origine dall’antico “panmielato”
e il suo nome comincia ad essere conosciuto ed attestato attorno agli inizi dell’800.
Vi riporto alcuni cenni della sua storia tratti dal sito della storica azienda senese Nannini.
Il “panmielato” era un dolce a base di farina, acqua e miele al quale sarebbe stata aggiunta successivamente la frutta e questa avrebbe fatto ammuffire il dolce, facendolo diventare acido. Da allora fu chiamato “fortis” che ha il significato di acido.
In realtà, alla sua prima apparizione documentata, questo dolce si chiamava panpepato ed era composto di farina di grano, miele, spezie, fichi secchi, marmellata, pinoli e aromatizzato con pepe. Sappiamo, infatti, che fin dal 1206 le monache del Monastero di Montecelso, nei pressi di Fontebecci, ricevevano, come tributo, dai coloni censuari del Convento, “panes piperatos et melatos”, cioè pani insaporiti di pepe e miele . Se questa pratica era già diffusa all’inizio del ‘200, possiamo ritenere che l’origine del panpepato risalga al secolo precedente.
Ad oggi il disciplinare del panforte Igp di Siena prevede la versione bianca, cioè ricoperta di zucchero a velo e la versione nera, ricoperta di spezie.
Ma veniamo dunque alla ricetta del panforte di Siena.
Simona

Ricetta del panforte di Siena
  • DifficoltàMedia
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione30 Minuti
  • Tempo di cottura20 Minuti
  • Porzioni12
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • Ostia
  • 200 gMandorle (con la pellicina)
  • 100 gNocciole (non spellate)
  • 70 gArancia candita
  • 50 gCedro candito
  • 120 gFarina 00
  • 150 gMiele
  • 150 gZucchero
  • q.b.Pepe nero
  • q.b.Cannella in polvere
  • q.b.Coriandolo
  • 4Chiodi di garofano
  • q.b.Noce moscata
  • q.b.Semi di anice

Strumenti

  • Termometro da pasticceria
  • Tortiera con diametro 18 cm a cerchio apribile

Preparazione

  1. Ricetta del panforte di Siena

    1) Cominciate per prima cosa tostando la frutta secca in una padella mescolando di continuo, oppure in forno a 180° per 10 minuti. Ritagliate l’ostia del diametro della tortiera cioè 18 cm, mettete sul fondo dello stampo della carta forno che copra anche i bordi e su di essa l’ostia. Mettete anche delle strisce di ostia lungo i bordi.

    2) Se non lo trovate preparate il misto spezie: prendete abbondante pepe nero, la cannella in polvere, la noce moscata grattata, del coriandolo e 4 chiodi di garofano, pochissimi semi di anice e pestate tutto nel mortaio o su un tagliere aiutandovi con il fondo della caffettiera. Dovrete metterne nel panforte 2 cucchiaini rasi del misto.

    3) Mettete in una ciotola la farina, la frutta secca, le spezie. i canditi tritati e mescolate bene.

    4) Ponete in un polsonetto o casseruola il miele con lo zucchero, accendete il fornello al minimo e portate fino a circa 130° fin quando cioè lo zucchero si è ben sciolto. E’ molto importante non andare sopra a questa temperatura e non far caramellare tutto.

    5) Togliete la casseruola dal fuoco, fate raffreddare 1 minuto e versate sulla ciotola con gli altri ingredienti quindi mescolate bene vigorosamente.

    6) Rovesciate il composto sull’ostia e premete con le mani appena inumidite sul fondo e ai bordi in modo da creare una superficie uniforme quindi infornate a 150° per circa 15-20 minuti.

    7) Togliete il panforte dal forno, fate raffreddare 5 minuti e toglietelo dallo stampo.

    8) Premete la superficie con i palmi delle mani e spolverate di abbondante zucchero a velo, quindi premetelo ben bene.

    Allora vi è piaciuta la ricetta del panforte di Siena? Se si, provate anche i RICCIARELLI

/ 5
Grazie per aver votato!
(Visited 3.782 times, 1 visits today)
Precedente Biscotti al cocco e fragole Successivo Girelle di pancarré farcite-antipasto facile

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.