Ricciarelli toscani-ricetta senza ammoniaca

I ricciarelli toscani sono presenti tutti gli anni sulla mia tavola di Natale, non possono proprio mancare ed è tradizione realizzarli la vigilia di Natale, con mia madre.

Fare queste delizie di mandorle è veramente facile ed anche veloce tra l’altro.

La storia di questi biscotti senesi, tipici del periodo natalizio, si perde nella notte dei tempi e ci dice che fu Ricciardetto della Gherardesca a riportare dalle crociate, intorno al XI secolo, questi dolcetti e che essi debbono la loro forma alla foggia delle babbucce arabe.

Vorrei fare due precisazioni : i ricciarelli toscani non sono tagliati con uno stampino ma la forma è fatta a mano anche dalle industrie dolciarie senesi dove son impiegati 2 operai durante la formatura; inoltre sono necessarie le mandorle armelline, molto difficili da reperire (io in Abruzzo dove abito non le trovo, le acquisto in una splendida ed antica “drogheria” in Toscana, dove riesco a trovare anche l’ostia.

seguimi anche su Facebook : la pasticcera matta

Ricciarelli toscani

INGREDIENTI (PER CIRCA 48 RICCIARELLI):

400 g di mandorle

40 g di mandorle amare

400 g di zucchero a velo

40 g di miele

90 g di albumi (circa 3 )

la buccia di 2 arance non trattate

2-3 canditi d’arancia tritati (facoltativi)

un pizzico di sale

ostia alimentare (facoltativa)

COME FARE I RICCIARELLI TOSCANI

Ricciarelli toscani

1) Tostare appena le mandorle (sbucciare prima le armelline) e ridurle a farina.

2) Unire lo zucchero a velo, il sale, la buccia d’arancia e gli albumi sbattuti e amalgamare in modo da formare una specie di marzapane, così :

(se 3 albumi fossero pochi aggiungerne un altro poco, l’importante è non rendere troppo morbido l’impasto).

3) Fare dei cilindri di impasto su un tagliere spolverato d zucchero a velo (vedi prima foto) e poi fare delle palline di pasta tra le mani, appiattirle alle estremità tipo “trottole” e dare la caratteristica forma nella teglia. (Io ho messo sotto l’ostia alimentare), spolverare di zucchero a velo e cuocere a 150° per 15 minuti.

5) Ritagliare l’ostia in eccesso e decorare con zucchero a velo o cioccolato fondente.

(Visited 2.036 times, 1 visits today)

Pubblicato da lapasticceramatta

Sono Simona toscana, mi piace cucinare, ma sopratutto amo fare i dolci e la pasta fatta in casa e ho una passione per il lievito madre che "curo" da 9 anni !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.