Crea sito

Pizza di Pasqua teramana- ricetta tradizionale

Oggi ho preparato la pizza di pasqua teramana, una ricetta tradizionale tipica del periodo pasquale, un omaggio alla regione che mi ospita da tanti anni, un soffice lievitato dolce che ha origini molto antiche.
Se volete prepararla dovete organizzarvi: infatti la pizza di Pasqua teramana necessità di 2 lievitazioni, un po’ come il panettone, bisogna quindi impastare la sera il primo impasto e la mattina il secondo.
Poi c’è da dire che se volete un buon risultato dovete unire all’impasto del lievito madre o della pasta di riporto, (vi lascio sotto le ricette per creare entrambi) in caso contrario mettete 10 g di lievito di birra fresco invece dei 5 indicati nella ricetta.

POSSONO INTERESSARTI ANCHE:

Pan di ramerino- panini di Pasqua toscani
Come fare il lievito madre
Pasta di riporto da utilizzare al posto del lievito di birra


Questa è la → HOMEPAGE del mio blog, basterà che tu ci clicchi sopra per leggere tutte le mie ultime ricette!TI ASPETTO ANCHE SULLA MIA PAGINA FACEBOOK: LA PASTICCERA MATTA
Sono anche su PINTEREST INSTAGRAM 

Pizza di Pasqua teramana- ricetta tradizionale
  • DifficoltàMedia
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione1 Ora
  • Tempo di cottura55 Minuti
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 450 gFarina (Io ho messo metà Manitoba o fi forza e metà 0)
  • 80 gZucchero
  • 2Uova (medio-grandi)
  • 80 gOlio di semi di mais
  • 130 gLatte
  • 20 gAcqua
  • q.b.Semi di anice
  • 100 gCanditi
  • buccia di limone grattata
  • 1/3 tazze da caffèrum (liquore all’anice)
  • 4 gSale
  • 5 gLievito di birra fresco (10 g se non usate la pasta di riporto o lievito madre )
  • 80 gpasta di riporto (o pasta madre)
Pizza di Pasqua teramana- ricetta tradizionale

Preparazione

  1. 1) Mettete in una ciotola la farina, ponetevi al centro le uova con lo zucchero e sbattetele bene con una forchetta poi unite il lievito di birra. Se impastate con l’impastatrice sbattete le uova prima a parte col lievito. Iniziate ad impastare le uova con la farina aggiungendo il latte che alternerete all’olio e all’acqua e lavorate per circa 5 minuti. Unite ora il lievito madre o la pasta di riporto e continuate ad impastare per altri 15 minuti, se fate a mano anche di più. La pasta deve essere liscia e setosa.

    2) Ungete con olio di semi una ciotola, fate una palla con l’impasto riponetevelo, coprite con la pellicola e fate lievitare tutta la notte.

    3) Al mattino capovolgete l’impasto sulla spianatoia, sgonfiatelo e unite i canditi tritati e infarinati, l’anice, la buccia del limone e lavorate pr almeno 10 minuti. Unite il sale ala fine e impastate ancora per altri 3-4 minuti.

    4) Ungete un piano di lavoro, fate una palla con l’impasto e fate riposare 20 minuti. Passato questo tempo date ancora la forma a palla, cioè “pirlate” e mettete a lievitare in uno stampo da 1 kg. (anche da 750 g va bene).

    5) Infornate a forno già caldo a 170° per circa 55 minuti. Io l’ho messa nella parte bassa del forno ma si è un po’ scurita lo stesso la pizza di Pasqua teramana, per evitarlo, cosa che io non ho fatto potete mettere sopra della stagnola a metà cottura o abbassare un po’ il forno prolungando i tempi di cottura.

    Una volta sfornata attendete prima di tagliarla che si raffreddi.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!
(Visited 4.115 times, 1 visits today)

Pubblicato da lapasticceramatta

Sono Simona toscana, mi piace cucinare, ma sopratutto amo fare i dolci e la pasta fatta in casa e ho una passione per il lievito madre che "curo" da 9 anni !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.