Crea sito

Risotto alla verza

Risotto alla verza ebbene si avete capito bene! Tre ricette con la verza in un unico articolo! Qualche settimana fa ho preparato queste delizie ma visto che c’erano le feste di mezzo ho deciso di pubblicarle ora. Spero che siano di vostro gradimento!

Risotto alla verza

Risotto alla verza

Risotto alla verza

Difficoltà: facile

Tempo: 1 ora circa

Gruppo ricette: Primi e secondi

Ingredienti per 6 persone:

Per il risotto:

  • 300 gr di riso per risotti
  • 150 gr di verza tagliata sottile
  • 250 gr di macinato misto
  • 1/2 cipolla
  • 1/2 bicchiere di vino bianco da cucina
  • 1 litro circa di brodo vegetale o di carne
  • 1 noce di burro
  • -sale qb

Per gli involtini:

  • 12 foglie di verza oppure 6 divise a metà togliendo la parte dura centrale
  • risotto verza e macinato
  • 1 scamorza passita
  • poco olio evo

Per le crocchette:

  • risotto verza e macinato
  • 1 uovo
  • 40 gr di parmigiano
  • pangrattato qb
  • farina qb

Preparazione risotto alla verza:

  1. Tritare la cipolla e soffriggerla con 2 cucchiai di olio evo.
  2. Unire la verza tagliata sottile e stufarla  unire il riso e tostare il tutto con la verza (di solito si fa a parte ma ho fatto questa variante, anche per errore e questione di tempo). 
  3. Sfumare il tutto con il vino bianco lasciandone poco per il macinato. Far ritirare ed unire il brodo man mano.
  4. Nel frattempo in una casseruola soffriggere con pochissimo olio il macinato e sbriciolarlo con l’aiuto di una paletta di legno, e sfumare con poco vino bianco e far ritirare. 
  5. Quando il riso è a metà cottura unite il macinato sbriciolato e portare a termine cottura sempre unendo man mano il brodo. 
  6. Mantecare con una noce di burro e poco parmigiano.
  7. Ora potete servire subito ma ovviamente ci sono tre ricette quindi andremo avanti. Se volete 
  8. vi potete fermare anche qui ed avrete un ottimo risotto verza e macinato, l’ho assaggiato e non era male, ma se volete continuare seguite le ricette qui sotto:

Preparazione involtini di verza con riso macinato e verza: con foto passo per passo:

 

  1. Prendere 6 foglie di verza molto grandi. Dividerle a metà e togliere la parte dura. 
  2. Sbollentare le foglie in acqua leggermente salata e scolarle subito e passarle in acqua fredda. Far scolare bene
  3. Stendere la foglia asciutta e versarci all’interno un cucchiaio di riso e chiudere bene con l’aiuto di uno stuzzicadenti.  (Il 
  4. riso è avanzato perché ho utilizzato solo 12 cucchiai non troppo abbondanti).
  5. Ripassare le verze in padella con poco olio e rosolare ambo i lati.
  6. Stendere un foglio di carta forno su una teglia da forno e adagiare gli involtini uno affianco all’altro con sopra una fetta di scamorza passita.
  7. Cuocere in forno a 180/200° circa per  15/20 minuti circa.Involtino verza riso e macinato procedura

Involtino verza riso e macinato

Preparazione crocchette:

  1. In una ciotola sbattere l’uovo con poco sale. 
  2. Prendere il riso avanzato dalla precedente preparazione formare delle crocchette di patate. Passarle nella farina, poi nell’uovo sbattuto e poi nel pangrattato sempre togliendo gli eccessi.
  3. Friggere le crocchette in olio per friggere e quando saranno dorate scolarle beneInvoltino verza riso e macinato1

Personalmente ho fatto un errore, oltre al calcolo errato di riso, visto che le preparavo per la prima volta ispirandomi un po’ agli involtini di riso e vite, o gli involtini africani con riso e macinato. Inoltre ho sbagliato a fare le prime crocchette quindi le prime e due che ho provato si sono sfaldate, poi ho infarinato le crocchette prima di passarle nell’uovo e tre mi sono venute perfette. Ovviamente il riso deve essere freddo prima di utilizzarlo! Inoltre era tardi non avevo tempo alla fine ho fatto un tortino di riso con quello che mi è avanzato, e l’ho spolverato di pangrattato cotto in forno a 200° circa per 20 minuti.

Inoltre  qui  potete trovare una tabella sulle verdure stagionali, che è sempre buono da sapere! A volte pubblichiamo ricette con verdure surgelate, o fuori raccolta provenienti da paesi esteri, c’è da dire che al giorno d’oggi si possono coltivare le verdure anche nelle serre in tutte le stagioni, quindi non si è sempre in pecca, basta sapere la provenienza dei vostri ortaggi o frutta e verdura. Personalmente ho il mio fruttivendolo di fiducia quindi so sempre dove andare ad acquistare, ma se mi trovo a comprare in un centro commerciale allora faccio attenzione a guardare etichette e vicino al prezzo c’è sempre scritta la provenienza, magari in piccolo.

Ormai le verdure vengono anche coltivate in serre, e sono serre italiane. Esistono orti verticali, tra cui uno lo vorrebbero fare all’Expò di Milano del 2015, dove verranno coltivate tutte le piante in un edificio/serra, ecologico. Ormai dobbiamo andare oltre e vedere la nuova tecnologia come un’amica e non come una cosa da demonizzare! Studio design e queste cose mi interessano tantissimo. Ho acquistato anche i libri della Slow Food della scuola di cucina che ovviamente indicano cibi di stagione,  per ora  ne ho comprati tre (verdure e legumi, pasta fresca e gnocchi, e biscotti e piccola pasticceria) perché ancora non trovo gli altri. E sono molto interessanti. Però dobbiamo aprirci alle nuove tecnologie e non fare le capre perché c’è un gran bigottismo nella cucina. Come a dire: “Si fa così è basta!” e si va bene… per le ricette tradizionali, ma se si vogliono fare varianti? Vi sembra giusto attaccare altri blogger che fanno piccole imprecisioni oppure cambiano la ricetta? Ma io dico a casa mia non posso fare varianti e sperimentare? Ricordiamo che la  famosa Tarte tatin di mele” è nata da un’errore! La “Crema ganache” anche. quindi abbassiamo la testa e usiamo il cervello! Scusate lo sfogo, ma ultimamente leggo cose assurde da persone che nemmeno hanno studiato cucina ma che si dilettano come le altre e si pensano tuttologi della cucina solo perché hanno fatto un corsetto con un piccolo attestato. Credetemi per definirci cuochi non basta l’esperienza, ma ci vuole anche tanto studio. Io non sono una cuoca ma una donna che ama cucinare ed ogni tanto variare, e sbaglio anche è ovvio! Infatti in questo post è nato un piatto per errore…ma ho voluto condividere con voi il mio errore.

Torna alla Home per vedere le ultime ricette.

Vuoi seguire i mie aggiornamenti da FACEBOOK? Metti il like!!! Clicca QUI per la fan page

Ti aspetto anche nel gruppo facebook, In cucina da Eva & amici foodblogger dove troverai tante ricette di altri amici foodblogger.

Ti aspetto negli altri social: ** TWITTER ** GOOGLE ** YOUTUBE ** PINTEREST**INSTAGRAM **

Vuoi trovare altre ricette interessanti o con ingredienti specifici? Vai nel menù a tendina e cerca la voce che ti interessa, o cerca con la lente d’ingrandimento. Troverai tante ricette dagli antipasti al dolce, per intolleranti al lattosio e al glutine oltre a tanti utili consigli! Che aspetti? Cerca la tua ricetta. E se provi una mia ricetta inviamela la metterò tra le ricette dei fan nella mia fan page!

Pubblicato da incucinadaeva

Mi chiamo Eva, sono abruzzese ed amo cucinare fin da quando ho ricordi. Autodidatta fino a quando nel 2011 ho aperto il blog, così ho iniziato a studiare. Amo tramandare le ricette delle mia regione e sperimentare. Copyright © dal 2011 "In cucina da Eva" – Tutti i diritti riservati. E’ vietato l’utilizzo, anche parziale, la manipolazione e la modifica di testi o foto. La violazione dei diritti d’autore è perseguibile e punibile a norma di legge. È possibile condividere il link o citare le mie ricette, scrivendo la fonte e link negli articoli. No copia ed incolla, nemmeno parziale.

12 Risposte a “Risotto alla verza”

    1. fai pure! mi piace condividere le ricette con gli altri! non sono una chef, ma amo cucinare ed imparare ed ogni tanto sperimentare

  1. adoro la verza! faccio spesso gli involtini, raramente il risotto, buonissmo! belle le crocchette, altro che tris..hai fatto l’un plein 😀 bravissima!

    1. sai è la prima volta che li preparo, di solito li faccio con ripieno di purea di patate e piselli

    1. provali! sono delicati nonostante la verza è una verdura pesante, una mia amica ha provato con la salsiccia, ma con il macinato è più leggero, però si potrebbe provare con salsiccia e provola non male alla fine anzi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.