Crea sito

Melanzane sott’olio

Melanzane sott’olio per la rubrica Cibo e regioni siamo ancora insieme per la nostra rubrica settimanale, oggi parleremo dei piatti freddi vi presento le melanzane sott’olio, come le prepara mia zia Rita. Ci sono molte varianti ma da noi si fanno così, poi c’è chi dopo averle messe in barattolo le fa bollire per sigillare il tutto.

Melanzane sott’olio
Melanzane sott'olio

Vi ripropongo una vecchia ricetta, purtroppo per voi, sono sotto esame e non ho molto tempo per cucinare, e soprattutto tempo per andare alla ricerca degli ingredienti, spero che vi piaccia lo stesso.

Le melanzane sott’olio possono essere servite sulla bruschetta o anche sulla pizza sia bianca che al pomodoro. Si preparano più o meno in tutto il centro/sud Italia, da noi le facciamo in questa maniera, diciamo che è una ricetta di famiglia, ma rispecchia le usanze della mia zona, tra Pescara e Chieti.  Ho trovato anche una versione di melanzane grigliate sott’olio, ma non ho avuto tempo di farle. Inoltre facendo delle ricerche ho trovato molte ricette di piatti freddi abruzzesi, ma molte contenevano le alici, e non le digerisco quindi ho optato per qualcosa di più semplice. Un altro pietanza che si puà preparare con le melanzane è grigliarle e servirle con prezzemolo aglio e succo di limone ed olio, lasciar macerare una notte e poi servire, oppure grigliare le melanzane ed imbottirle di cotto e formaggio o mozzarella e far fondere il tutto e si può servire anche freddo, ma questo è un piatto che più o meno si prepara anche il altre regioni.

Rubrica Cibo e regioni:

Melanzane sotto olio

Difficoltà: facile

Costo: medio

Tempo: 18 ore circa

Gruppo ricette: Le conserve

Ingredienti per 2 barattoli di melanzane:

  • 2 kg di melanzane sbucciate
  • olio d’oliva
  • olio di arachidi
  • vino bianco da cucina
  • aceto bianco
  • 1/2 peperone fresco
  • 2 spicchi d’aglio- sale qtb
  • sale grosso
  • prezzemolo tritato
  • rosmarino tritto finemente

Melanzane sotto olio

Preparazione:

  1. Lavare e sbucciarle le melanzane, tagliarle a strisce di qualche cm ma non troppo sottili,che andrete ad far riposare in uno scolapasta con sotto una pentola per la raccolta dei liquidi,e salare con il sale grosso, ma non troppo.

  2. Personalmente ho salato le melanzane man mano che le versavo nello scolapiatti.

  3. Far riposare per 6/8 ore, poggiando uno strofinaccio con sopra un peso sopra alle melanzane, (pensate che io ho messo sopra alle melanzane un piatto fondo con un telo e poi sopra un anguria piccola!!!).

  4. Passate le ore necessarie versare in una ciotola grande le melanzane e ricoprile con il vino e l’aceto in parti uguali per altre 6/8, poi strizzare bene e lasciare riposare sopra uno strofinaccio per asciugarle bene.
  5. Condirle con aglio, prezzemolo, rosmarino e peperone rosso, tutto tagliato molto piccolo, versare in un barattolo ed unire olio e olio di arachidi in parti uguali fino all’orlo, inoltre fate attenzione a non far creare vuoti d’aria, con un coltello spostate le melanzane all’interno.
  6. Non occorre bollire il barattolo.
  7. Lasciare riposare in luogo buio ed asciutto per almeno 10 giorni, almeno il tempo per farle insaporire.
  8. Le melanzane sott’olio si conservano per almeno un annetto circa.
  9. Inoltre c’è chi fa riposare le melanzane per più tempo, ma io le faccio sempre così e sono comunque buone, un’altra versione è quella delle melanzane bollite, poi scolate e messe in barattolo con olio evo,  ma ormai sono affezionata a questa versione

Torna alla Home per vedere le ultime ricette. Ti aspetto nei social: Facebook* Twitter * You tube * Pinterest*Instagram

Questo blog e tutto il materiale in esso contenuto (foto, testi, pdf, ecc.) sono di proprietà di Eva D’Antonio, ovvero “In cucina da Eva”E’ vietato l’utilizzo, anche parziale, la manipolazione e la modifica di testi o foto. 

Pubblicato da incucinadaeva

Mi chiamo Eva, sono abruzzese ed amo cucinare fin da quando ho ricordi. Autodidatta fino a quando nel 2011 ho aperto il blog, così ho iniziato a studiare. Amo tramandare le ricette delle mia regione e sperimentare. Copyright © dal 2011 "In cucina da Eva" – Tutti i diritti riservati. E’ vietato l’utilizzo, anche parziale, la manipolazione e la modifica di testi o foto. La violazione dei diritti d’autore è perseguibile e punibile a norma di legge. È possibile condividere il link o citare le mie ricette, scrivendo la fonte e link negli articoli. No copia ed incolla, nemmeno parziale.

17 Risposte a “Melanzane sott’olio”

  1. Complimenti Eva!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Immagino messe sui crostini cosa devono essere…..
    TROPPO BUONE
    Un bacione cara e Buon inizio di settimana

  2. Le melanzane sotto’olio home made mi fanno impazzire, me ne mangerei un intero vaso con dell’ottimo pane… grazie mille cara Eva e in bocca al lupo per l’esame!!

  3. Avere sotto mano un’ottima ricetta per preparare le melanzane sott’olio è sempre conveniente! Questa mi pare una delle più buone che abbia mai letto!!! Appena rimedio due melanzane di quelle che dico io…. (due si fa per dire…) mi piacerebbe proprio provarla! Buono studio, e alla prossima!!!

  4. io non l’avevo vista, una ricetta comoda, prepari d’estate e gusti in inverno, quando le melanzane non ci sono , bacioni

  5. Ottima proposta per conservare le melanzane, anche a noi piace molto preparare conserve, marmellate … per la stagione invernale in cui alcuni tipi di frutta e verdura fresca non ci sono più.
    Ciao.

  6. una variante che non conoscevo..quest’estate preparerò anche questa della zia Rita, mi sembra degna di nota, grazie della condivisione! tanti bacioni!!!

  7. me la segno….le voglio proprio preparare, appena la produzione delle melanzane nell’orto sarà pronta!!! buoneeeeee

  8. ciao Eva…le melanzane sott’olio sono una prelibatezza! spero tanto di farle quest’anno…pensa che mia madre quando le preparava diceva di sentirsi ricca con queste conserve!
    bacioni

    1. spero di farle anche io! e pure le zucchine! il problema è trovare tempo per farle! ciao a presto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.